07/03/2022

Cronaca

I pascoli del Parco del Gran Paradiso visti dallo spazio grazie alla sinergia satellitare italo-francese

CONDIVIDI

Una mappa dettagliata della produttività dei pascoli del Parco Nazionale Gran Paradiso; in altre parole, quanta erba è in grado di produrre annualmente un pascolo. È il risultato di una recente ricerca condotta dall’Arpa Valle d’Aosta, Institut Agricole Régional e Parco Nazionale Gran Paradiso insieme a enti di ricerca italiani e francesi. Lo studio denominato “On the distribution and productivity of mountain grasslands in the Gran Paradiso National Park, NW Italy: A remote sensing approach” (https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0303243422000447(link is external)), pubblicato sulla rivista scientifica internazionale “International Journal of Applied Earth Observation and Geoinformation” ha abbinato la mappatura tradizionale “in campo” all’analisi di immagini satellitari ad alta risoluzione, per ottenere una mappa che raffigura la distribuzione e la produttività delle superfici a pascolo del Parco.

“Abbiamo utilizzato i risultati delle osservazioni in campo per addestrare modelli matematici di classificazione basati sul machine learning. Questi modelli sono poi in grado di classificare, sulla base delle caratteristiche dei dati satellitari, superfici che non sono state oggetto di osservazione diretta – spiega Gianluca Filippa dell’Arpa della Valle d’Aosta, primo autore dello studio -. Questo ci ha permesso di rappresentare la distribuzione e le caratteristiche produttive di prati e pascoli del versante valdostano e piemontese del Parco ad un livello di dettaglio finora mai ottenuto”.

L’uso di dati satellitari di nuova generazione, infatti, permette di raccogliere informazioni la cui acquisizione con metodi tradizionali richiederebbe tempi e risorse molto ingenti.
Oltre a fornire uno strumento per la gestione e la pianificazione del territorio del Parco, questo studio apre prospettive interessanti per una sua estensione all’intero territorio valdostano. Essendo basato su dati satellitari in costante aggiornamento, permette poi un affinamento periodico delle stime delle risorse pastorali della Regione Valle d’Aosta.

Lo studio è stato condotto nell’ambito del progetto Pastoralp, coordinato dall’Università di Firenze e finanziato dal programma dell’Unione Europea Life, il cui obiettivo è la messa a punto di strategie di adattamento al cambiamento climatico per i pascoli alpini.

24/05/2022 

Cronaca

Ivrea: furto al SerD di via Aldisio. I ladri rubano anche un’auto aziendale sulla quale fuggono

Sono entrati da una finestra, hanno raggiunto gli uffici amministrativi e hanno asportato due macchinette del […]

leggi tutto...

24/05/2022 

Cronaca

Ivrea: un molosso aggredisce un meticcio di otto anni. Morto il cane, ferita la padrona

Ha cercato di salvare il proprio meticcio di otto anni dall’aggressione di un pitbull ma senza […]

leggi tutto...

24/05/2022 

Cronaca

Lotta per la legalità: venerdì 27 maggio a Volpiano un incontro su “Resistere a mafiopoli”

Venerdì 27 maggio, a Volpiano alle 21,00 nella Sala polivalente (via Trieste 1), il Comune e […]

leggi tutto...

24/05/2022 

Economia

L’alternanza scuola-lavoro valutata da un imprenditore, una docente e un sindacalista

La formazione e l’alternanza scuola lavoro- è stato il tema di un interessante incontro che ha […]

leggi tutto...

24/05/2022 

Sport

Chivasso: al via il torneo di calcio balilla integrato dedicato a Giacomo Teppati Losè

Cresce l’attesa a Chivasso per la prima edizione del Memorial Giacomo “Teppati Losè”, il torneo di […]

leggi tutto...

24/05/2022 

Economia

Il Bitcoin e il default della Repubblica de El Salvador. Ma le criptovalute sono così convenienti?

In questi giorni si parla del default del El Salvador, che ha il proprio debito pubblico […]

leggi tutto...
Privacy Policy Cookie Policy