06/10/2022

Cultura

Grande emozione all’Inner Wheel Cuorgnè e Canavese per il libro “Via con te” di Francesca Dighera

Castellamonte

/
CONDIVIDI

È stato davvero un incontro emozionante e non la semplice presentazione di un libro quello promosso dal Club Inner Wheel di Cuorgnè e Canavese con Francesca Dighera e la sua pubblicazione “Via con te” dedicata alla tragedia che il 10 aprile 2021 ha visto la morte dei genitori dell’autrice, Liliana e Osvaldo, uccisi dal loro anziano inquilino che in un pomeriggio di follia aveva già ammazzato la moglie e il figlio.

La cronaca drammatica di quella notte rivive nel libro come uno sfondo nero da cui si staccano immagini di grandissima luce, quella luce d’amore e di affetto che ha permesso a Francesca di sopravvivere con la sua bambina Caterina, improvvisamente privata dei suoi due meravigliosi nonni e con il suo compagno Ernesto, che le è stato accanto in questi difficili mesi.

Nella saletta affollata dell’albergo ristorante “Tre Re” di Castellamonte ad introdurre l’evento è stato un breve intervento di Patrizia Rosboch , presidente del club, che ha ricordato come la presentazione di libri di autori e canavesani sia uno dei progetti di lavoro del sodalizio per i prossimi mesi. Presentata da Celestiana Ronchetto, affiancata dalla psicoterapeuta Luisa Dodaro dell’ EMDR di Ivrea, che l’ha sostenuta da subito con una terapia specifica per il superamento di gravi traumi, Francesca Dighera, non senza momenti di commozione, ha presentato il libro come un’opera d’amore, scritto in tanti ritagli di tempo di questi mesi lunghi e convulsi, sicuramente importante per elaborare il proprio dolore, ma anche capace di suscitare ricordi ed emozioni da cui emerge un ritratto vivo e intenso di Osvaldo e di Liliana, della loro vita d’amore, della loro dedizione alla figlia, la nipote e alla loro famiglia, raccontate in tanti episodi di quotidianità dolce e straordinaria, drammaticamente interrotta da questa immane tragedia.

Francesca ha regalato a Caterina, nelle belle pagine e nelle commoventi immagini del suo libro, un ricordo dei suoi nonni, senza dimenticare in particolare il ruolo di amatissima insegnante elementare della madre, ricordata con poesie e bigliettini da tutti i suoi allievi, come riportato in alcune toccanti pagine del libro, i cui proventi in parte saranno devoluti a un progetto di educazione femminile nel Niger, anche questo è un modo per ricordare due belle persone e due indimenticabili genitori e nonni.

02/12/2022 

Eventi

Settimo Vittone: scialli e scaldagambe con “La Gomitolosa” agli anziani della casa di riposo

Un pomeriggio all’insegna delle tradizioni, tanto care ai nostalgici e ai curiosi di riscoprire un passato […]

leggi tutto...

02/12/2022 

Cronaca

La variante Lombardore-Front si farà: a fine gennaio 2023 nuovo confronto con i sindaci canavesani

La variante Lombardore-Front si farà. I fondi per la realizzazione del primo Lotto ci sono, come […]

leggi tutto...

02/12/2022 

Cronaca

A Chivasso potenziata la connessione: anche Palazzo Einaudi collegato alla rete wifi pubblica

Nuova installazione di reti wi-fi pubbliche e gratuite nella Città di Chivasso. Tre nuovi hotspot nel […]

leggi tutto...

02/12/2022 

Cronaca

Ivrea, il nuovo Polo Culturale nasce con la demolizione dell’ex Istituto “Cena”

L’Amministrazione comunale di Ivrea ha approvato il progetto di demolizione dell’ex Istituto Cena che si trova […]

leggi tutto...

02/12/2022 

Cronaca

A Castellamonte, Cuorgnè e Lanzo in funzione i “Bike Box” per agevolare la mobilità sostenibile

A Castellamonte, Cuorgnè e Lanzo stanno per entrare in funzione tre nuovi Bike Box realizzati nell’ambito […]

leggi tutto...

01/12/2022 

Cronaca

Ozegna: ladri notturni scassinano la cassetta delle offerte del Santuario e fuggono con il bottino

Un atto di malvivenza ordinaria o un gesto dettato dalla povertà? Comunque sia sta di fatto […]

leggi tutto...
Privacy PolicyCookie Policy