19/02/2016

Cronaca

GLORIA ROSBOCH E’ STATA RITROVATA. MORTA. NELLA VASCA DI UNA DISCARICA

Rivara

/
CONDIVIDI

19 febbraio, ore 16,47: la professoressa Gloria Rosboch, di 49 anni, scomparsa il 13 gennaio da Castellamonte, in un assolato pomeriggio, è stata ritrovata cadavere in una vasca di decantazione dell’ex discarica dell’Asa tra i comuni di Rivara e Pertusio. Il giallo, com’era prevedibile, si è risolto con una tragedia. Dopo 36 giorni caratterizzati dalla concitazione delle ricerche, di interrogatori, con il paese di Castellamonte invaso dalle troupe di giornalisti, Gloria Rosboch è stata riconosciuta da una parente. Sul luogo del drammatico ritrovamento sono giunti il procuratore capo di Ivrea Giuseppe Ferrando, il comandante provinciale dei carabinieri Arturo Guarino, il colonnello Domenico Mascoli comandante del Nucleo investigativo, gli uomini del Ros e il medico legale Roberto Testi.

A condurre gl’investigatori sul luogo in cui giaceva il corpo della donna è stato un amico di Gabriele Defilippi, l’ex l’allievo di 22 anni accusato di averle portato via con l’inganno 187 mila euro, i risparmi di una vita dei genitori e della stessa Gloria. Nello stesso momento, a Gassino Torinese, a poco più di una trentina di chilometri da Rivara, i carabinieri hanno fermato Gabriele ossia colui che, i militari hanno sospettano fin dall’inizio, di essere il presunto assassino dell’insegnante di sostegno. Il protagonista della svolta è stato Roberto Obert, 53 anni, residente a Forno. A lui investigatori e inquirenti sono risaliti dopo una lunga e delicata attività d’indagine. Non solo l’uomo ha guidato gli uomini dell’Arma sul luogo dove giaceva da oltre un mese il corpo di Gloria, ma avrebbe reso una piena confessione. In ogni caso anche lui è finito in stato di fermo come Gabriele, .

Fermata anche la madre di Gabriele Defilippi, Caterina Abbatista, l’infermiera che lavora in ospedale a Ivrea. La svolta era nell’aria: l’incalzare degli avvenimenti, l’accanimento delle ricerche lasciavano intendere che la soluzione era molto vicina. Nella vasca di decantazione dell’ex discarica Rossetti a Rivara, a pochi chilometri di distanza dall’abitazione del povera insegnante di sostegno. In questo momento, presso la Compagnia dei carabinieri di Ivrea sono in corso gli interrogatori condotti dal colonnello Domenico Mascoli e del procuratore capo di Ivrea Giuseppe Ferrando. Domani, in una conferenza stampa saranno resi noti maggiori dettagli.

Dov'è successo?

20/06/2021 

Sport

Volley: le giovani atlete della Balamunt Under 14, campionesse ai play off regionali Uisp 2020/2021

Domenica scorsa 13 giugno 2021, preso il centro polivalente di Villafranca Piemonte, le ragazze Under 14 […]

leggi tutto...

20/06/2021 

Cronaca

Rivarolo: “centauro” cade dalla moto in corso Indipendenza. Trasportato in eliambulanza al Cto

È caduto, per cause ancora in via di accertamento dalla motocicletta sulla quale stava viaggiando ed […]

leggi tutto...

20/06/2021 

Sanità

Covid in Piemonte: oggi soltanto 31 nuovi contagi e due decessi. I pazienti guariti sono 171

LA SITUAZIONE DEI CONTAGI IN PIEMONTE Alle 17,30 di oggi, domenica 20 giugno, l’Unità di Crisi […]

leggi tutto...

20/06/2021 

Cronaca

Nubifragio sul Canavese. Case scoperchiate e alberi abbattuti dal vento a Ozegna, Favria e Rivarolo

Un violento nubifragio si è abbattuto nel pomeriggio di oggi, domenica 20 giugno, sul Canavese causando […]

leggi tutto...

20/06/2021 

Cronaca

Chivasso: picchia e insulta la compagna per sei anni. 41enne condannato per maltrattamenti

Un rapporto impossibile, caratterizzato da maltrattamenti e violenze continue che si sono protratte per quasi sei […]

leggi tutto...

19/06/2021 

Cronaca

Piemonte: approda in Consiglio regionale la legge che promuove l’utilità sociale del Soccorso Alpino

È stata licenziata a maggioranza la proposta di legge 118, “Norme in materia di soccorso alpino […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy