27/11/2020

Cronaca

Favria e Rivarolo in lutto per la scomparsa a 97 anni del medico e benefattore Bartolo Borgialli

CONDIVIDI

Oggi, venerdì 27 novembre è mancato alla veneranda età di 97 anni lo stimato medico e benefattore Bartolo Borgialli. La comunità di Favria perde un uomo che sia nella vita che nella morte è sempre stato di una generosità impagabile. Lo dimostra il fatto, ad esempio, che nel 2010 ha deciso di lasciare alla chiesa parrocchiale di Favria una lauta somma di denaro: circa 210mila euro, equivalenti al sessanta per cento del costo complessivo dei lavori di restauro dell’edificio religioso dedicato ai Santissimi Pietro, Paolo e Michele.

A Favria, paese nel quale era nato (in frazione Sant’Antonio), Bartolo Borgialli era profondamente legato. Successivamente si era trasferito a Rivarolo. E anche alla Comunità di adozione non ha voluto fare mancare la sua voglia di fare del bene, nel 2012, ed ha finanziato i restauri di alcune tele settecentesche alla Confraternita del Santissimo Nome di Gesù a Rivarolo.

“Mi ricordo bene, ero sindaco in quel periodo, come mi spiegava con vivacità ed acutezza di spirito le motivazioni che lo avevano convinto a finanziare queste opere – racconta con evidente commozione l’ex primo cittadino di Favria Giorgio Cortese -. I risultati degli interventi, sulle tele raffiguranti gli Evangelisti, l’Annunciazione e lo Sposalizio della Vergine, erano poi stati presentati a marzo 2013, nell’ambito delle manifestazioni per il 150° anniversario del titolo di Città. Come favriese mi unisco al dolore di tutti quelli che lo hanno conosciuto, una grande e luminosa figura che ha voluto impiegare il proprio patrimonio, frutto anche di lunghissimi anni di lavoro per il Bene Comune. Una persona che poteva godere tutto per sé, ed invece aveva deciso, spinto da un alto ideale di fare del bene, di dedicare tempo e spazio alla Comunità dove ha avuto i natali e anche a quella di adozione”.

“Personalmente ho un bellissimo ricordo di tantissimi anni fa, quando incontrai il dottore sul treno tratta Torino- Rivarolo – conclude Cortese -. Fu un viaggio interessantissimo, era dotato di una grande cultura e umanità e mi porterò sempre dietro il ricordo di quel viaggio dove il tempo è voltato via, grazie ad un interessante dialogo che ci appassionò entrambi. Mi auguro che ad una persona come questa, esempio per tutti noi, le due Amministrazione comunali dedichino una via o piazza ad imperituro ricordo della sua grande generosità”.

 

24/10/2021 

Sanità

Covid in Piemonte: oggi 160 nuovi contagi su oltre 35 mila tamponi. In risalita le terapie intensive

LA SITUAZIONE DEI CONTAGI IN PIEMONTE Alle 16,00 di oggi, domenica 24 ottobre, l’Unità di Crisi […]

leggi tutto...

24/10/2021 

Cronaca

Aumentano i fondi a sostegno dei più fragili. La Regione Piemonte stanzia 2,3 milioni ai Centri per le famiglie

Grazie all’incremento delle risorse statali, la Regione Piemonte stanzia quasi 2,3 milioni di euro a favore […]

leggi tutto...

24/10/2021 

Cronaca

Castellamonte: drammatico incidente stradale sulla “Pedemontana”. Due i feriti in ospedale

Due auto distrutte e due feriti: è il drammatico bilancio di un grave incidente stradale che […]

leggi tutto...

24/10/2021 

Cronaca

Quincinetto: cacciatore scivola per 200 metri sul fianco della montagna. Salvato in extremis

Un cacciatore di 40 anni, residente a Valchiusa, impegnato in una battuta nei pressi della Bocchetta […]

leggi tutto...

23/10/2021 

Cronaca

Controlli della Polstrada sulla Tangenziale Nord: numerosi gli automobilisti ubriachi. 15 patenti ritirate

Numerosi controlli sono stati svolti dalla Polizia Stradale, Specialità della Polizia di Stato, nel fine settimana […]

leggi tutto...

23/10/2021 

Cronaca

Trasporti Caselle-Torino, il consigliere regionale Avetta (Pd): “Un servizio pessimo e inaccettabile”

Pendolari esasperati, corse “saltate”, il viaggio per studio o per lavoro che si trasforma più che […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy