10/11/2020

Sanità

Covid, il Nursid polemizza: “Bonus beffa. Insufficienti i soldi stanziati. Regione ingrata”

CONDIVIDI

Sarà un’amara sorpresa quella che i dipendenti dell’Asl T04 scopriranno quando percepiranno lo stipendio di novembre.  Al di là di ogni considerazione occorre sottolineare che nessun bonus potrà mai ripagare l’immenso impegno del personale impiegato in questa emergenza. Lo scorso 5 novembre ha avuto luogo un incontro con i vertici dell’Asl T04 per discutere di diversi argomenti e definire la distribuzione della restante quota di risorse economiche previste dall’accordo regionale relativo al bonus Covid per i dipendenti del Servizio Sanitario Nazionale, così come è stato definito dai vari Decreti Nazionali.

“Dopo un lungo travaglio finalmente con la busta paga di settembre era stato riconosciuto l’orario di lavoro straordinario effettuato durante i mesi di marzo e aprile, le indennità contrattuali e un bonus economico giornaliero – spiegano al Nursind, il sindacato delle professioni infermieristiche -. Tolti gli oneri che la Regione ha con atteggiamento pilatesco lasciato a carico delle aziende, la quota lorda della prima parte del bonus è stata decisamente inferiore alle promesse fatte. Fra l’altro in base a quanto definito dalla Regione, con la busta paga di settembre doveva essere retribuito il primo 50% degli incentivi, ma con i soldi messi a disposizione si è riuscito a garantire appena un 43%.

Ed è stato proprio durante l’incontro del 5 novembre che abbiamo scoperto che con la busta paga di novembre si riuscirà a garantire la retribuzione di appena un 41% delle ulteriori risorse messe a disposizione, raggiungendo così un 84% di quanto promesso. È palese che nella distribuzione delle risorse è stata commessa una grave mancanza. Riteniamo tutto questo vergognoso e inaccettabile. Nel rispetto di chi oggi è impegnato ad affrontare una seconda ondata pandemica, la Regione trovi subito il modo di colmare questa grave ingiusta, stanziando i soldi necessari per coprire almeno il 16% mancante”.

24/07/2021 

Sanità

Covid in Piemonte: oggi 161 nuovi contagi. Tre i ricoverati in Rianimazione. Nessun decesso in ospedale

LA SITUAZIONE DEI CONTAGI IN PIEMONTE Alle 16,30 di oggi, sabato 24 luglio, l’Unità di Crisi […]

leggi tutto...

24/07/2021 

Cronaca

Nubifragio a Rivarolo: allagato il sottopasso di via Martiri delle Foibe. Albero sradicato in via Reyneri

Un violentissimo temporale ha spazzato il territorio di Rivarolo Canavese provocando allagamenti, in special modo nel […]

leggi tutto...

24/07/2021 

Ivrea: lo sportello di pubblica tutela funziona ma rischia la chiusura. No della Città metropolitana

L’Ufficio decentrato di pubblica tutela a Ivrea è stato inaugurato a giugno dello scorso anno e […]

leggi tutto...

24/07/2021 

Sanità

Covid in Canavese: da lunedì 26 luglio vaccini senza preadesione per i ragazzi tra i 12 e i 19 anni

Da lunedì 26 luglio accesso diretto agli hub per i 12-19enni. Le ragazze ed i ragazzi […]

leggi tutto...

24/07/2021 

Cronaca

Leinì: volevano mettere in piedi una “baby gang” dedita a furti e rapine. Nei guai quattro ragazzi

L’intenzione era quella di dare vita a una “baby-gang” sul modello di quelle che ormai spopolano […]

leggi tutto...

23/07/2021 

Cronaca

Chivasso: educatrice positiva al Covid. Chiuso il centro estivo alla scuola Mazzucchelli

Da oggi, venerdì 23 luglio e fino a lunedì 26 luglio, il centro estivo della scuola […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy