27/11/2020

Cronaca

Covid, il Piemonte si avvia a passare da “zona rossa” a “zona arancione”. Scende l’indice di contagio

CONDIVIDI

È ottimista, ma questa volta è più cauto Alberto Cirio, presidente della Regione Piemonte quando spiega che il Piemonte si sta avvicinando al passaggio tra “zona rossa” e quella “arancione”. Per il governatore il passaggio dovrebbe avvenire (il condizionale è d’obbligo) tra il primo e il 3 dicembre prossimi. “L’Rt quando andammo in zona rossa era 2.16 e nell’ultimo report di venerdì era di 1.1 – aggiunge – Questo vuol dire che il ‘contachilometri del contagio ha rallentato e rallentato molto”. Alberto Cirio ha confermato, in un videomessaggio pubblicato sul proprio profilo social, che gli uffici regionali stanno alacremente lavorando per consentire la ripartenza di buona parte delle attività commerciali che il lockdown ha costretto alla chiusura forzata. L’obiettivo è di fare in modo che i negozi rimangano aperti il più a lungo possibile affinché possano rifarsi, con gli acquistai natalizi, di parte degli incassi sfumati.

Va da sé, sottolinea il presidente della Regione, che il coprifuoco imposto dal Dpcm del premier Conte andrà comunque rispettato. Il prolungamento d’orario d’apertura (i negozi potranno probabilmente rimanere aperti fino alle 21,00) dovrebbe, nelle intenzioni della Regione, evitare che si formino pericolosi assembramenti.

In questo contesto però le misure protettive che gli esercenti dovranno assumere saranno più stringenti: ingressi contingentati e strettamente legati alla metratura del negozio, barriere in plexiglas alle casse, mascherine obbligatorie e misurazione della temperatura corporea alla clientela e installazione obbligatoria dei prodotti dedicati all’igienizzazione delle mani.

Con il passaggio in fascia arancione sarà possibile spostarsi tra comuni ma non sarà possibile effettuate lo spostamento in regioni diverse. Nei bar, gelaterie, pasticcerie e ristoranti è consentito l’asporto fino alle 22,00 (permane il divieto di consumo nelle vicinanze dei locali), mentre per la consegna a domicilio non sono previsti limiti. “Non dobbiamo allentare l’attenzione. Raccomandiamo la massima prudenza e il rigoroso rispetto delle regole – ha concluso Cirio -. Usciremo da questa situazione se ognuno farà fino in fondo la propria parte”.

05/12/2022 

Eventi

San Giorgio Canavese: un albero in vetro di Murano, per il Natale delle “Tre Terre Canavesane”

A chiusura di un anno, il 2022, intenso e pieno di eventi e di momenti da […]

leggi tutto...

05/12/2022 

Economia

Nuovo bando della Regione Piemonte per l’accesso delle pmi ai mercati internazionali. Le Info

Ammontano a 3 milioni di euro le risorse stanziate dalla Giunta regionale per consolidare la presenza […]

leggi tutto...

05/12/2022 

Cronaca

Castellamonte: aperta con otto giorni di anticipo la nuova rotatoria sulla provinciale 222

È stata aperta con otto giorni di anticipo rispetto al cronoprogramma dei lavori la circolazione a […]

leggi tutto...

05/12/2022 

Economia

Ivrea, il ministro Daniela Santanchè: “Il turismo industriale fa parte della nostra identità”

Il patrimonio industriale italiano, riconvertito e trasformato in musei d’impresa e in siti di archeologia industriale, […]

leggi tutto...

05/12/2022 

Cronaca

Previsioni del tempo: domani, martedì 6 dicembre, giornata senza pioggia ma con nuvole

Queste le previsioni del tempo per domani, martedì 6 dicembre, elaborate dal centrometeoitaliano.it: AL NORD Giornata […]

leggi tutto...

05/12/2022 

Cronaca

Rivarolo Canavese: da quattro giorni aule al freddo all’Aldo Moro. E gli studenti protestano

Da quattro giorni al freddo a causa della caldaia che funziona a intermittenza: stufi di stare […]

leggi tutto...
Privacy Policy Cookie Policy