13/08/2021

Cronaca

È morto a 73 anni Gino Strada, fondatore di Emergency. Per decenni si è battuto contro fame e guerra

CONDIVIDI

Aveva 73 anni Gino strada, il fondatore di Emergency, l’organizzazione che da decenni si adopera per curare le decine di migliaia di feriti causati dai focolai di guerra disseminati in tutto il mondo. Il medico chirurgo che tutto il mondo ha ammirato per il suo coraggio e l’abnegazione per aver costruito ospedali nelle regioni più violente del pianeta, dove l’unica legge che impera è quella delle armi, si è spento oggi, venerdì 13 agosto. Da tempo soffriva di problemi cardiaci. Gino Strada era nato a Sesto San Giovanni, nell’Hinterland milanese nel 1948 e, dopo essersi laureato in medicina alla “Statale” di Milano. La sua ambizione non era quella di fare il libero professionista o il dipendente di qualche ospedale: fin da subito si reca nei peggiori scenari di guerra del mondo per portare sollievo e curare bambini, donne e anziani vittime di una violenza cieca.

Dopo aver lavorato nel 1988 con la Croce Rossa per assistere i feriti di guerra si reca in Etiopia, in Thailandia, Pakistan, Afganistan, Somalia, Gibuti, Perù e in Bosnia. Poi, nel 1994, insieme alla moglie Teresa Sarti e ad alcuni collega fonda Emergency, l’organizzazione che si è sempre distinta non soltanto per l’assistenza i feriti ma anche agli affamati e alle vittime della povertà.

Molto spesso Gino Strada si è aspramente scontrato con i potenti della terra per le sue scomode campagne condotte contro le mine antiuomo e i conflitti originati dagli interessi economici. Con la morte di Gino Strada il mondo ha perso uno strenuo difensore degli oppressi e delle vittime innocenti delle guerre. E da oggi si è spenta una voce che sapeva risvegliare, molte volte le coscienze.

Sul sito web di Emergency i suoi collaboratori così lo ricordano: “Il nostro amato Gino è morto questa mattina. È stato fondatore, chirurgo, direttore esecutivo, l’anima di Emercency. ‘I pazienti vengono sempre prima di tutto’, il senso di giustizia, la lucidità, il rigore, la capacità di visione: erano queste le cose che si notavano subito in Gino. E a conoscerlo meglio si vedeva che sapeva sognare, divertirsi, inventare mille cose.

Non riusciamo a pensare di stare senza di lui, la sua sola presenza bastava a farci sentire tutti più forti e meno soli, anche se era lontano. Tra i suoi ultimi pensieri, c’è stato l’Afghanistan, ieri. È morto felice. Ti vogliamo bene Gino”.

18/10/2021 

Sanità

Asl T04, al via all’ospedale di Ivrea il progetto pilota dell’Ambulatorio “Percorso Menopausa”

Oggi lunedì 18 ottobre, in occasione della Giornata Mondiale della Menopausa, prende avvio, nell’ambito del Dipartimento […]

leggi tutto...

18/10/2021 

Cronaca

Mauro Fava lascia il Consiglio Metropolitano: “In 5 anni abbiamo fatto più che nei 20 precedenti”

Le elezioni di Cuorgnè hanno portato al rinnovamento del Consiglio comunale, del quale non farà più […]

leggi tutto...

18/10/2021 

Cronaca

Colleretto Giacosa: lavoratori senza Green pass e carenze igienico sanitarie. Chiuso ristorante per 5 giorni

Nella serata di sabato 16 ottobre, i carabinieri della Compagnia di Ivrea unitamente al Nas di […]

leggi tutto...

18/10/2021 

Sanità

Covid in Piemonte: curva in calo. Oggi 102 nuovi contagi. Quattro i decessi. 134 i pazienti guariti

LA SITUAZIONE DEI CONTAGI IN PIEMONTE Alle 16,00 di oggi, lunedì 18 ottobre l’Unità di Crisi […]

leggi tutto...

17/10/2021 

Cronaca

Ceresole-Groscavallo: i due Comuni rinnovano sul Colle della Crocetta il patto di fratellanza

Anche quest’anno, nella giornata di oggi – domenica 17 ottobre – si è tenuto l’ormai tradizionale […]

leggi tutto...

16/10/2021 

Cronaca

Pont: pensionata di 78 anni va in cerca di funghi e si perde nel bosco. Ritrovata dai soccorritori

Era uscita di casa in cerca di castagne quando a un certo punto ha smarrito l’orientamento […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy