21/11/2016

Cronaca

Cuorgnè, l’ex galleria commerciale, simbolo del degrado, dell’abbandono e della crisi economica

Cuorgnè

/
CONDIVIDI

Già dall’esterno l’impressione non è delle più gradevoli, ma quando nella galleria ci si entra, il degrado, la sporcizia, le tante serrande abbassate, l’opprimente silenzio, fanno stringere in cuore. Benvenuti in quello che era il cuore commerciale della città, una galleria che ospitava, negli anni Ottanta, la Coop e numerosi altri esercizi. L’edificio che sorge in via Milite Ignoto, di fianco al palazzo municipale, non solo è abbandonato e in preda al degrado ma nelle ore notturne ospita coloro che di giorno non amano farsi vedere, come i tossicodipendenti, qualche clochard e teppisti d’ogni età.

E pensare che fino agli anni Novanta comprare o affittare un appartamento nello stabile era una mera utopia. Lo stesso dicasi per gli spazi commerciali che erano esauriti. Poi nel Duemila si affacciò, graduale e inesorabile il declino: la Coop si trasferì all’ingresso della città, in una superficie decisamente più ampia e iniziò in questo modo l’inevitabile processo di desertificazione. Adesso, a parte la sede della Coldiretti, e qualche ufficio che ha resistito, di quello che era il “gioiello” commerciale cittadino non rimane altro che serrande abbassate e arrugginite, come dimostrano le immagini fotografiche che pubblichiamo a corredo dell’articolo, muri che hanno perso interi pezzi d’intonaco, rozzi writer che hanno imbrattato quel poco che è rimasto all’impiedi. E’ il simbolo della Cuorgnè che un tempo era opulente, capitale economica dell’Alto Canavese e delle Valli che che col tempo, insieme alla chiusura dell fabbriche, ha perso anche il primato del commercio. Colpa anche della crisi economica che in questa città e come in patrte del Canavese ha fatto sentire i suoi terribili effetti prima che esplodesse la “bolla” economica del 2008.

Se un tempo gli appaartamenti che si affacciano su quella che era la galleria commerciale vent’anni fa possedevano un valore decisamente elevato, adesso hanno perso charme e appetitibilità. Gli alloggi non si affittano e non vendono. E poi c’è il problema della frequentazione serale che girare alla larga chi si avventura in via Milite Ignoto e che fa chiudere in casa chi abita nell’edificio. Eppure non c’è nulla fare. Indietro non si torna. E l’ex galleria continuerà a cadere pezzo dopo pezzo senza che nessuno possa far nulla.

Dov'è successo?

17/01/2022 

Cronaca

Caselle: Il Comune investe 650 mila euro per riasfaltare le strade e rifare i marciapiedi

L’Amministrazione Comunale di Caselle ha impegnato 650.000 euro per la riasfaltatura di strade e il rifacimento […]

leggi tutto...

17/01/2022 

Sanità

Covid in Piemonte: il virus rallenta la sua corsa. Oggi oltre 9 mila casi e 74mila tamponi. 23 i decessi

LA SITUAZIONE DEI CONTAGI IN PIEMONTE Alle 16,00 di oggi, lunedì 17 gennaio, l’Unità di Crisi […]

leggi tutto...

17/01/2022 

Cronaca

Lacrime di dolore a Volpiano e Mappano per scomparsa a 31 anni del giocatore Fabio Mussetta

Ha combattuto per mesi, con il coraggio che lo caratterizzava: poi il male che lo aveva […]

leggi tutto...

17/01/2022 

Sanità

Covid, in aumento i ricoveri. Per i non vaccinati il rischio del contagio aumenta di 10 volte

Covid Piemonte: per i non vaccinati rischio 10 volte più alto di terapia intensiva e 5 […]

leggi tutto...

17/01/2022 

Cronaca

Brusasco: spaventoso scontro tra due auto sulla provinciale. Perde la vita un giovane di appena 19 anni

È morto a soli 19 anni per i traumi riportati in un terribile incidente stradale che […]

leggi tutto...

17/01/2022 

Cronaca

Ozegna: in un drammatico scontro tra furgone e un camion un uomo è morto sul colpo

Drammatico incidente stradale sulla strada provinciale 53 che conduce a San Giorgio Canavese, nei pressi della […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy