26/05/2020

Sanità

Covid, il sindacato Nursind incontra l’assessore alla Sanità: “Il 95% dei fondi a infermieri e Oss”

CONDIVIDI

E’ stata presentata questa mattina, martedì 26 maggio da parte di Nursind, Piemonte (il sindacato delle professioni infermieristiche) in un incontro con l’assessore regionale Icardi, la proposta per stabilire i criteri di ripartizione del fondo destinato alla premialità del personale del comparto sanità.

“Abbiamo incontrato l’assessore alla Sanità Icardi e il direttore regionale Aimar, ai quali abbiamo potuto presentare la nostra proposta per la ripartizione dei 41 milioni di euro da destinare agli operatori del comparto sanità della nostra regione – ha spiegato il sindacato infermieristico in una nota -. Si è trattato di un tavolo separato dagli altri sindacati, che hanno chiesto alla Regione di escluderci dai loro incontri in quanto non firmatari del contratto”.

“Riteniamo di aver portato le istanze della prima linea, l’unica prima linea che ha permesso al Piemonte di gestire ed uscire da questa emergenza. Abbiamo chiesto come pregiudiziale di premiare in maniera prevalente chi si é occupato dell’ assistenza diretta, della presa in carico del paziente e della continuità assistenziale, erogando il 90,24% del fondo, 37 milioni dei 41 previsti, ai 23007 infermieri e 6009 Oss per un totale di 29016 unitá, il 63% del personale del comparto”.

“Una indennità legata alla presenza, con una percentuale di differenziazione tra i servizi più a rischio e quelli meno, senza escludere chi si é ammalato per via del Covid. Per il restante personale sanitario e tecnico, 9.073 unità, destinare 8,5% del fondo, 3,5 milioni, premiando maggiormente chi ha effettuato prestazioni dirette sui pazienti. Infine, per 6462 unità di personale amministrativo destinare l’ 1,2% del fondo, 500 mila euro con una media pro capite di circa 70 euro, premiando maggiormente chi ha lavorato nei reparti e servizi a contatto diretto con i pazienti e/o con l’utenza”.

“Questa è il perimetro della proposta che abbiamo avanzato e che chiediamo di accogliere per riconoscere una giusta premialità a chi ha vissuto maggiormente rischio e disagio e chi del paziente se ne occupato direttamente, integralmente e continuamente. Inoltre, abbiamo chiesto per i prossimi anni, risorse aggiuntive regionali per il personale, di intervenire sulla questione della cumulabilitá delle indennità e ricordato che molte aziende non hanno ancora approvato un piano di ferie estive”, ha concluso il Nursind Piemonte.

13/06/2021 

Eventi

Ceresole Reale: celebrata la festa dedicata a San Nicolao, patrono della “Perla delle Alpi”

Si è svolta oggi, domenica 13 giugno a Ceresole Reale la festa patronale dedicata a San […]

leggi tutto...

13/06/2021 

Cronaca

Hub vaccinali nelle imprese, la Confindustria: “In Canavese non sono necessari grazie all’Asl”

A marzo di quest’anno le aziende del Canavese hanno risposto con grande spirito di solidarietà e […]

leggi tutto...

13/06/2021 

Sanità

Covid in Piemonte: oggi un decesso e soltanto 59 contagi. I numeri sono sempre più incoraggianti

LA SITUAZIONE DEI CONTAGI IN PIEMONTE Alle 15,30 di oggi, domenica 13 giugno, l’Unità di Crisi […]

leggi tutto...

13/06/2021 

Economia

Turismo: il Piemonte rilancia con 1,5 milioni di euro la formula “Paghi una notte ne dormi tre”

La Regione Piemonte ha deciso di rifinanziare il Voucher vacanze con 1,5 milioni di euro, che […]

leggi tutto...

13/06/2021 

Cronaca

Escursionisti dispersi o infortunati: sabato di gran lavoro per il Soccorso Alpino canavesano

Tre diversi interventi nell’arco di poche ore: è stato un sabato intenso quello dell’12 giugno, per […]

leggi tutto...

12/06/2021 

Cronaca

Arriva l’anticiclone africano e scoppia l’estate. Domenica 13 temperature fino a 36 gradi

Sarà un fine settimana all’insegna dell’estate rovente: l’arrivo, già ampiamente preannunciato dell’anticiclone proveniente dall’Africa ha causato […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy