25/11/2020

Sanità

Covid-19: a Rivarolo Canavese da martedì 24 novembre è attivo l’Hot Spot per i tamponi rapidi

CONDIVIDI

Da martedì 24 novembre è operativo il nuovo Hot spot di Rivarolo Canavese per l’esecuzione di test rapidi (tamponi naso-faringei antigenici) per il virus SARS-CoV-2 dedicato alle scuole, a coloro che rientrano da Paesi per i quali vige l’obbligo del test e per tutti i casi ritenuti necessari dal SISP (Servizio di Igiene e Sanità Pubblica) dell’Azienda sanitaria locale.
Questo Punto di accesso si aggiunge all’Hot spot di Cavagnolo, sempre dedicato ai tamponi antigenici rapidi, e agli altri sei operativi sul territorio aziendale per l’esecuzione di tamponi molecolari tradizionali.

La sede dell’Hot spot di Rivarolo Canavese si trova presso il Centro di Protezione Civile (via Martiri delle Foibe) e l’apertura, sempre con modalità “drive-through” (senza scendere dall’auto), è da lunedì a venerdì dalle ore 9.30 alle 14.30 su prenotazione di data e ora da parte del proprio Medico di famiglia o Pediatra di libera scelta o di un Medico del Sisp. Qualora il test antigenico rapido dia un risultato positivo, contestualmente, sia presso l’Hot spot di Rivarolo sia presso quello di Cavagnolo, si effettua il tampone molecolare tradizionale di conferma.

La ricerca scientifica ha permesso di sviluppare nuove metodiche diagnostiche per la determinazione del contagio virale nella popolazione che, specifiche per il virus SARS-CoV-2, utilizzano la metodica della reazione antigene anticorpo e forniscono l’esito in circa quindici minuti. Questi test hanno specificità (cioè la capacità di individuare i veri positivi) quasi uguale ai test molecolari e hanno sensibilità (cioè la capacità di individuare i veri negativi) minore, che però tende ad allinearsi se l’esame viene effettuato nell’immediatezza del prelievo e nelle fasi strettamente presintomatiche o sintomatiche.

Commenta il Commissario dell’Asl T04, dottor Luigi Vercellino: “Siamo soddisfatti di aver completato il nostro progetto, che prevedeva la realizzazione di due Hot spot dedicati all’esecuzione di tamponi antigenici rapidi, uno nell’area sud del territorio aziendale e uno nell’area nord. Ringrazio l’Amministrazione comunale di Rivarolo, e in particolare il Sindaco, per l’ampia disponibilità dimostrata”.

I due Hot spot per i tamponi antigenici rapidi permettono di rendere più appropriato l’utilizzo del tampone molecolare «classico» e, in particolare, di soddisfare l’aumentata necessità di effettuazione di tamponi e di ridurre i tempi di attesa dell’esito del test e il rapporto tra tamponi eseguiti e risorse impiegate.

Ecco le indicazioni, distinguendo tra tamponi molecolari tradizionali e tamponi antigenici rapidi. Per i tamponi molecolari tradizionali: sintomatici (sospetto Covid); paucisintomatici con test rapido positivo; conferma di guarigione a seguito di positività; contatto stretto asintomatico che frequenta o convive con soggetti fragili. Per i tamponi antigenici rapidi: paucisintomatici (compatibili Covid); soggetti asintomatici provenienti da Paesi a rischio.
“Siamo contenti della collaborazione con l’Asl T04 perché mettiamo a disposizione dell’intera comunità canavesana un ulteriore servizio in questo momento di particolare difficoltà dovuto all’emergenza sanitaria da Covid-19” conclude il sindaco di Rivarolo Canavese, dottor Alberto Rostagno.

26/01/2021 

Cronaca

Lavoratrici e lavoratori in disagio economico senza ammortizzatori: prorogato il bando al 29 gennaio

E’ prorogato fino alle ore 12.00 del 29 gennaio 2021 lo sportello per la presentazione delle […]

leggi tutto...

26/01/2021 

Sanità

Emergenza Covid: oggi in Piemonte 728 nuovi contagi, 38 decessi. In calo i ricoveri ordinari

LA SITUAZIONE DEI CONTAGI IN PIEMONTE Alle ore 16,30 di oggi, martedì 26 gennaio, l’Unità di […]

leggi tutto...

26/01/2021 

Cronaca

Deposito nazionale scorie nucleari. Cirio: “Si cambi il metodo. Il Piemonte ha già fatto la sua parte”

“Dobbiamo darci un metodo diverso perché il Piemonte sul nucleare la sua parte l’ha già fatta, […]

leggi tutto...

26/01/2021 

Cronaca

Fiano, aveva trasformato un capannone in una serra per la coltivazione della cannabis. 33enne nei guai

Aveva avviato un’illecita coltivazione di cannabis e per questa ragione un 33enne di Fiano è finito […]

leggi tutto...

26/01/2021 

Sanità

Covid, sì del Comitato Etico Interaziendale alla sperimentazione dei test salivari made in Piemonte

Il Piemonte partirà con una sperimentazione sui #testsalivari per la ricerca del Covid. Il via libera […]

leggi tutto...

26/01/2021 

Cronaca

Chivasso: ubriaco aggredisce un passeggero per rapinarlo. I carabinieri arrestano un 53enne

Arrestato da carabinieri per aver aggredito e tentato di rapinare un passeggero. A finire nei guai […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy