22/04/2020

Cronaca

Coronavirus, all’Asl T04 sono 160 gli operatori positivi. A breve in servizio nuove Oss e infermieri

CONDIVIDI

Si è tenuta ieri, martedì 21 aprile, la videoconferenza tra le organizzazioni sindacali e i vertici dell’Asl To4. A darne notizia, con un comunicato è il Nursind, il sindacato delle professioni infermieristiche. Dopo i ringraziamenti rivolti dalla direzione a tutto il personale impegnato in questa emergenza, si sono affrontate diverse tematiche. Al momento, nonostante la diminuzione del numero dei ricoveri in terapia intensiva, non è possibile sapere quando gli ospedali torneranno alla normalità. Allo stato attuale delle cose il numero di posti letto Covid in Asl To4 è di 384.

“Sulla questione tamponi, invece, ci sono alcune difficoltà legate all’approvvigionamento dei reagenti e i test sierologici a tutto il personale sono ancora in fase di definizione – fanno sapere dal sindacato – in merito ai dispositivi di protezione individuale abbiamo segnalato alcune carenze legate a difficoltà di approvvigionamento e soprattutto è stato richiesto di prestare particolare attenzione alle cure domiciliari, dove gli operatori sono maggiormente esposti. Si è ribadita la necessità di potenziare l’effettuazione di tamponi al personale sanitario soprattutto sull’area Chivassese dove si sono registrate le criticità maggiori”.

Nel corso del summit è stato chiesto anche a quanto ammonta il numero preciso di operatori positivi: “Al momento la direzione parla di circa un 4% sul totale dei dipendenti, circa 160” afferma il Nursind sulla base di quanto è stato esposto dai vertici dell’azienda sanitaria . In merito alla questione assunzioni invece, data la difficoltà legata all’elevata richiesta di personale su tutto il territorio nazionale, entro inizio maggio arriverà nuovo personale che permetterà di raggiungere la quota di 53 infermieri e 39 Oss assunti dall’inizio dell’emergenza.

“Numeri che secondo Nursind non sono ancora sufficienti ma che permetteranno di poter alleviare il carico del personale che oggi è in gravissima difficoltà – dicono al sindacato -. Ci sono ad esempio reparti che per esigenze organizzative lavorano 12 ore: alcune tende pre-triage, il pronto soccorso di Chivasso e una parte della medicina sempre di Chivasso. Su questo l’azienda ha fatto sapere che appena possibile si tornerà alla normalità”.

28/11/2020 

Cronaca

Emergenza Covid: a Ivrea una tenda per gli abbracci sicuri tra ospiti e famigliari nella casa di riposo

Una tenda per gli abbracci, una struttura gonfiabile che consente ai famigliari delle persone ricoverate alla […]

leggi tutto...

28/11/2020 

Sanità

Emergenza Covid in Piemonte: 98 i morti e 2.157 i nuovi casi positivi. In discesa i ricoveri

L’Unità di Crisi della Regione Piemonte comunica che alle 17,30 di oggi, sabato 28 novembre sono […]

leggi tutto...

28/11/2020 

Cronaca

Valperga: lo storico teatro “Fernandi” trasformato in ambulatorio per le vaccinazioni antinfluenzali

Da teatro comunale ad ambulatorio nel quale effettuare le vaccinazioni antinfluenzali di massa. È accaduto lo […]

leggi tutto...

28/11/2020 

Cronaca

Castellamonte festeggia i cento anni della mitica “Zia Delfina”. Gli auguri del sindaco Pasquale Mazza

Ha compiuto la bellezza di cento anni lo scorso mercoledì 25 novembre. Un traguardo ambito che […]

leggi tutto...

28/11/2020 

Cronaca

Nascondeva nel bagno di casa 50 grammi di cocaina. Arrestato per spaccio pensionato di Rivarolo

I carabinieri della Compagnia di Ivrea proseguono nella attività di contrasto al fenomeno dello spaccio di […]

leggi tutto...

27/11/2020 

Cronaca

Covid, l’allarme della Città Metropolitana: “Troppi contagi tra ospiti e personale delle Rsa”

La Città metropolitana di Torino, grazie all’intervento del vicesindaco Marco Marocco esprime preoccupazione per la situazione […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy