18/11/2015

Cronaca

Colleretto Castelnuovo: gli abitanti risistemano la strada che porta al Santuario di S. Elisabetta

Castellamonte

/
CONDIVIDI

Hanno preso in mano vanghe e picconi e si sono messi a riparare la strada dissestata perché la Città Metropolitana, nonostante le ripetute segnalazioni non interviene. In frazione Santa Elisabetta di Colleretto Castelnuovo, i residenti si sono dovuti rimboccare le maniche e provvedere da soli. E pazienza se sono contribuenti che pagano le tasse dovute anche per la manutenzione delle strade: i buchi che costellano quei sette chilometri di strada provinciale che da Colleretto conducono alla frazione, dove sorge il famoso Santuario che si affaccia su una invidiabile terrazza panoramica che domina il Canavese, sono pericolosi.

Eppure non si può dire che non sia stato tentato di tutto: soltanto qualche mese fa, a luglio, il sindaco Aldo Querio Gianetto aveva scritto una lettera indirizzata a premier Matteo Renzi per chiedere un suo intervento. Il loquace presidente del Consiglio non ha mai risposto, neanche con un twitter, così non hanno mai risposto agli appelli lanciati dal primo cittadino gli enti competenti e il sindaco della Città Metropolitana Piero Fassino. E pensare che Aldo Querio Gianotti si era anche dichiarato disponibile e mettere in vendita una delle sue pregevoli motociclette realizzate artigianalmente per contribuire alla risistemazione di quel tratto di strada.

Alla fine, dopo aver capito che della questione non importa a nessuno (per usare un eufemismo elegante), il sindaco, i ristoratori Michelangelo Merlo e Diego Bertot e alcuni volenterosi si sono messi a riempire di bitume le buche nei tratti più disagevoli. La strada, se si può ancora chiamare così, alla Città Metrolitana non interessa. E si vede: ormai, dopo anni di completa trascuratezza è diventata poco più di un sentiero buono per capre e muli. Anni fa l’ex Provincia aveva effettuato alcuni lavori nel primo tratto di strada dove sono presenti i tornanti. Poi non è stato fatto più nulla. E pensare che Santa Elisabetta era al centro di un progetto di rilancio turistico che avrebbe dovuto dare un nuovo impulso all’economia della Valle Sacra. Evidentemente il problema non interessa alle istituzioni. Santa Elisabetta rimane abbandonata a se stessa.

Dov'è successo?

10/04/2021 

Sanità

Covid: da lunedì 12 aprile la provincia di Torino tornerà in zona arancione. Riaprono i negozi e scuole

Gli esperti e gli epidemiologi dell’Unità di crisi della Regione Piemonte, convocati per le 13,00 di […]

leggi tutto...

10/04/2021 

Sanità

Emergenza Covid in Piemonte: oggi 1.267 nuovi casi positivi e 22 decessi. In calo i ricoveri

LA SITUAZIONE DEI CONTAGI IN PIEMONTE Alle 16,00 di oggi, sabato 10 aprile, l’Unità di Crisi […]

leggi tutto...

10/04/2021 

Sanità

Leinì, alla Cittadella dello Sport il nuovo Centro vaccinale. L’Asl accoglie la proposta del Comune

Il Commissario dell’Asl T04, Luigi Vercellino, ha comunicato alla Conferenza dei sindaci canavesani la nuova ubicazione […]

leggi tutto...

10/04/2021 

Cronaca

Chivasso: clienti nel bar. Multate 32 persone. Chiesta alla Prefettura la sospensione della licenza

Nell’ambito dei servizi di controllo disposti dal Comando Provinciale per verificare il rispetto delle norme anti […]

leggi tutto...

10/04/2021 

Cronaca

Rivarolo: “Il lavoro è dignità, non carità”. Protesta degli ambulanti in piazza Massoglia

Hanno manifestato per chiedere non la carità ma di poter continuare a lavorare. Sono gli ambulanti […]

leggi tutto...

10/04/2021 

Cronaca

Caselle, rovinato per aver denunciato la ‘ndrangheta. Esposito: “Avrei fatto meglio a far finta di niente”

Denunciare la ‘ndrangheta? All’architetto e ingegnere di Caselle Mauro Esposito pareva la cosa giusta da fare […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy