06/10/2022

Economia

Coldiretti e Comune di Chivasso a Rfi: “La soppressione dei passaggi a livello è da modificare”

Chivasso

/
CONDIVIDI

La Coldiretti Torino si è confrontata con l’amministrazione comunale di Chivasso in merito al progetto di Rfi, Rete ferroviaria italiana, di soppressione di tre passaggi a livello, presenti sulla tratta ferroviaria Chivasso-Aosta, siti sul territorio di Chivasso. La Coldiretti e gli amministratori chivassesi chiederanno a Rfi di modificare il progetto.

Bruno Mecca Cici, presidente di Coldiretti Torino sintetizza così l’incontro: “Obiettivo dell’incontro era quello di valutare il progetto di Rfi di soppressione dei passaggi a livello e proporre soluzioni alternative per limitare i disagi alle imprese agricole locali. Il progetto di Rfi coinvolge anche altre attività produttive e residenze civili nella frazione Pogliani. Coldiretti ritiene che le soluzioni viabilistiche proposte da RFI cagionino problemi per la movimentazione dei trattori, come ai mezzi pesanti e alle autovetture. Il progetto prevede la sola realizzazione di un cavalca-ferrovia, a ridosso dell’abitato di Chivasso. Coldiretti chiede che oltre a questa venga realizzato un sottopasso in prossimità della chiusura del terzo passaggio a livello”.

Il presidente di Coldiretti Torino aggiunge: “Se il progetto sarà confermato le aziende agricole sparse e quelle della frazione Pogliani per accedere ai terreni coltivati siti sul lato opposto alla strada provinciale 82 dovranno transitare all’interno della frazione, dove la sezione stradale è notevolmente ridotta, dovranno poi o tornare indietro a Chivasso fino al nuovo cavalca-ferrovia e poi, risalire lungo la SP 82, o andare a Montanaro e poi tornare indietro, sempre sulla SP 82. In sostanza per accede ai campi dovranno percorrere un lungo tratto. Naturalmente questo percorso sarebbe l’unico a disposizione anche per gli abitanti della frazione Pogliani e per tutti i mezzi di ogni altra attività produttiva che insiste sul territorio. La soluzione alternativa da noi proposta – la realizzazione aggiuntiva di un sottopasso in prossimità del PL 2+899 – consentirebbe di limitare il consumo di suolo complessivo del progetto, evitando così l’impermeabilizzazione di una porzione importante di terreni fertili. Inoltre, consentirebbe una più agevole mobilità per le aziende agricole, così come per tutte le altre attività produttive, come per i residenti della borgata. Per Coldiretti la proposta del sottopasso è alternativa alla strada di servizio prevista da RFI”.

Bruno Mecca Cici, rimarca ancora: “Nel piano economico dell’opera occorre ricomprendere il danno che l’intervento causerà alle imprese agricole del territorio. Coldiretti ribadisce che si deve uscire dalla logica di rimborsare alle aziende agricole il solo valore venale o tabellare di esproprio e l’indennità per la servitù, così come invece è indicato negli elaborati progettuali di RFI. Coldiretti chiede di compensare non solo il valore fondiario del terreno, ma anche – in forza della superficie espropriata – di ristorare il danno procurato alle imprese agricole che ne compromette redditività e futuro». Il presidente dei berretti gialli torinesi chiude così: «L’incontro ha visto presenti il sindaco Claudio Castello e l’assessore Fabrizio Debernardi. Mi sembra che le nostre osservazioni siano state comprese e condivise dagli amministratori comunali. Ora, nelle prossime settimane, Coldiretti lavorerà in sinergia con l’amministrazione di Chivasso per arrivare all’obiettivo di far modificare il progetto di RFI, con evidenti vantaggi per gli agricoltori, come per tutto il territorio”.

27/11/2022 

Cultura

“Libri per tutti” a Chivasso: la biblioteca lancia un progetto per la Comunicazione Aumentativa Alternativa

Nell’ambito del progetto “Libri per tutti”, la biblioteca civica “Movimente” di Chivasso propone un incontro di […]

leggi tutto...

27/11/2022 

Eventi

Ivrea: dibattito con l’ex ministro Paola Severino sulla nuova Pubblica Amministrazione

Importante appuntamento nel pomeriggio di ieri, sabato 26 novembre, presso i locali dell’Agenzia per lo Sviluppo […]

leggi tutto...

27/11/2022 

Cronaca

Incidente a Volpiano: donna di 34 anni muore in scontro in corso Europa. Due feriti in ospedale

Drammatico incidente stradale alle porte di Volpiano. Il bilancio dello scontro fatale tra una Citroen Ds3 […]

leggi tutto...

27/11/2022 

Cronaca

E’ morto a 78 anni Don Renato Vitali. La Comunità di Busano piange il suo amato parroco

E’ deceduto venerdì 25 novembre all’età di 78 anni, don Renato Vitali, ex parroco di Busano. […]

leggi tutto...

26/11/2022 

Cronaca

Covid-19: “Il Piemonte vi dice grazie”. Premiati a Leinì i volontari di coordinamenti piemontesi

Il Palazzetto dello Sport di Leinì ha ospitato nella mattinata di oggi, sabato 26 novembre, “Il […]

leggi tutto...

26/11/2022 

Cronaca

Venaria piange la scomparsa della “Miss” che amava i gatti. Il sindaco Giulivi: “Mancherà a tutti noi”

In tanti, tantissimi a Venaria Reale, hanno tributato l’estremo saluto a Lella Maldera, 92 anni, deceduta […]

leggi tutto...
Privacy Policy Cookie Policy