21/10/2016

Cronaca

Alla Luxottica sparivano 120 occhiali la settimana. In manette sei persone

Lauriano Po

/
CONDIVIDI

I furti seriali alla Luxottica di Lauriano Po, andavano avanti da tempo. Da almeno due anni. E ogni settimana dallo stabilimento appartenente alla famosa multinazionale che produce occhiali di marca, sparivano 120 costose montature marchiate Persol e Rayban. Gli oggetti rubati venivano successivamente rivenduta, dai dipendenti infedeli a ottici compiacenti, in Italia e all’estero. L’attività della banda è stata scoperta dai carabinieri della Compagnia di Chivasso, coordinati dal capitano Pierluigi Bogliacino che hanno eseguito sei provvedimenti restrittivi emessi dal Gip del tribunale di Ivrea Alessandro Scialabba, nelle province di Torino, Milano, Novara e Venezia nei confronti di sei persone indagate: quattro italiani e due romeni. L’accusa è di associazione per delinquere finalizzata al furto aggravato, alla ricettazione e al riciclaggio per un giro di affari di oltre un milione di euro.

I carabinieri hanno inziato a investigare quando la direzione dello stabilimento chivassese ha sporto denuncia alla locale Compagnia dei carabinieri. Era il 2014: i vertici dell’azienda avevano segnalato l’ammanco e la fuoriuscita di occhiali pregiati dallo stabilimento. Non c’è voluto molto ai militari per appurare che il furto sarebbe stato causato dall’attività di dipendenti ed ex dipendenti della società che fa capo al fondatore e presidente Leonardo del Vecchio. Il meccanismo era semplice: I dipendenti infedeli sottraevano le montature dal ciclo produttivo e ne giustificavano l’assenza classificandoli come scarti di lavorazione.

Alcuni furti si sono anche verificati anche all’interno di un magazzino che si trova a Peschiera Boromeo e che fa capo ad una società che effettuava lavorazioni per conto della Luxottica. Le manette dei carabinieri sono scattate ai polsi di Giovanni Alessi (difeso dall’avvocato Zoccali), 45 anni, di Lauriano e Sandro Agnani, 43 anni, di Cavagnolo, con l’obbligo di dimora, e un ex responsabile della sicurezza Giuseppe Begani (difesi degli avvocati Pierfranco Bertolino e Alessandro Alasia), 51 anni, di Venaria, ai domiciliari. Gli altri tre uomini coinvolti nell’operazione sono, Ovidiu Cosma, 34 anni, di Borgo Ticino, Sergio De Paola (avvocato De Falco), 42 anni, di Santa Maria di Sala, Venezia, e Laurentin Dragomir (rappresentati dall’avvocato Anna Rizzo), 37 anni, di Pantigliate, Milano.

Dov'è successo?

05/12/2021 

Cronaca

Rivarolo: carabinieri in congedo e in servizio festeggiano la “Virgo Fidelis” patrona dell’Arma

Le limitazioni imposte dalla normativa anti Covid hanno in parte penalizzato la tradizionale celebrazione della “Virgo […]

leggi tutto...

05/12/2021 

Cronaca

Covid in Piemonte: oggi 906 nuovi contagi e nessun decesso. Oltre il 60% gli asintomatici

LA SITUAZIONE DEI CONTAGI IN PIEMONTE Alle 16,00 di oggi, domenica 5 dicembre, l’Unità di Crisi […]

leggi tutto...

05/12/2021 

Cronaca

Ceresole: contributo del Comune per i soggiorni gratuiti ai ragazzi in difficoltà economiche

Nell’ultimo Consiglio che si è svolto nel palazzo municipale di Ceresole Reale, l’Amministrazione comunale ha approvato, […]

leggi tutto...

05/12/2021 

Sanità

Covid, il Piemonte resta in zona bianca. I contagi crescono, ma la situazione non è allarmante

Il Piemonte si conferma in zona bianca. Nella settimana che va dal 22 al 28 novembre, […]

leggi tutto...

04/12/2021 

Cronaca

Chivasso: i cinghiali sono troppi e devastano le colture. Gli agricoltori sfilano con i trattori

Troppi cinghiali nelle campagne del Chivassese e gli agricoltori salgono sui trattori e danno vita a […]

leggi tutto...

04/12/2021 

Cronaca

Biella: si presenta per la vaccinazione con un finto braccio in silicone per il Green Pass. Denunciato

La realtà spesso supera fantasia e qualche volta sfiora anche il ridicolo: lo dimostra il fatto […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy