07/04/2021

Economia

Canone Rai: “sforbiciata” del 30% nel “Decreto Sostegni” per pub, ristoranti e alberghi

CONDIVIDI

Uno sconto del 30% sul canone Rai relativo all’anno in corso per pub, ristoranti, alberghi e strutture ricettive. La misura finanziaria è stata adottata nel “Decreto Sostegni” varato da Governo Draghi. L’obiettivo è quello di attenuare il disagio economico causato dalla pandemia di Coronavirus. I canoni “ridotti” spettano a chi detiene apparecchi per le trasmissioni radiotelevisive, impiegati a scopo di lucro negli esercizi pubblici come, ad esempio, alberghi, hotel, villaggi turistici, campeggi, case vacanze, bed & breakfast, pub, bar, e ristoranti.

Il testo del decreto, al comma 6, articolo 6, stabilisce inoltre che tutti quegli esercizi che hanno già versato la loro quota per i primi tre mesi dell’anno possono eventualmente richiedere il rimborso. Questo andrà richiesto all’Agenzia delle Entrate, la quale provvederà a registrare un credito d’imposta per l’anno in corso pari al 30% di quanto è già stato corrisposto. Il Governo ha stimato che il costo dei rimborsi dovrebbe aggirarsi attorno ai 25 milioni di euro e ha provveduto a intestare tale somma all’Agenzia delle Entrate, la quale provvederà ad effettuare il rimborso a favore della Rai il cui bilancio aziendale non dovrebbe comunque subire perdite.

Il quotidiano economico “Il Sole 24 Ore” sottolinea che per quanto concerne gli abbonamenti presso le strutture ricettive quali gli alberghi, i villaggi turistici, i campeggi, i bar e i ristoranti “la forbice delle somme da pagare va da 195,87 euro per chi, qualunque sia la categoria dell’impianto, usa un solo apparecchio televisivo, a 6.528,27 euro per gli alberghi con 5 stelle e con cento o più camere. Nella categoria che paga l’importo più basso sono compresi anche i negozi, mense aziendali, studi professionali, circoli, associazioni e sedi di partiti politici. Per le strutture che utilizzano solo apparecchi radiofonici la quota annua da versare scende ed è pari a 28,79 euro.

C’è poi il canone speciale dovuto per l’uso degli apparecchi televisivi nei cinema, teatri, discoteche e negli altri locali a questi assimilabili: in questo caso l’importo è compreso tra 243,51 e 315,97 euro, anche in questo caso in base alla categoria della struttura. Gli importi riportati nelle tabelle sono calcolati al netto della tassa di concessione governativa o comunale e Iva”.

24/10/2021 

Sanità

Covid in Piemonte: oggi 160 nuovi contagi su oltre 35 mila tamponi. In risalita le terapie intensive

LA SITUAZIONE DEI CONTAGI IN PIEMONTE Alle 16,00 di oggi, domenica 24 ottobre, l’Unità di Crisi […]

leggi tutto...

24/10/2021 

Cronaca

Aumentano i fondi a sostegno dei più fragili. La Regione Piemonte stanzia 2,3 milioni ai Centri per le famiglie

Grazie all’incremento delle risorse statali, la Regione Piemonte stanzia quasi 2,3 milioni di euro a favore […]

leggi tutto...

24/10/2021 

Cronaca

Castellamonte: drammatico incidente stradale sulla “Pedemontana”. Due i feriti in ospedale

Due auto distrutte e due feriti: è il drammatico bilancio di un grave incidente stradale che […]

leggi tutto...

24/10/2021 

Cronaca

Quincinetto: cacciatore scivola per 200 metri sul fianco della montagna. Salvato in extremis

Un cacciatore di 40 anni, residente a Valchiusa, impegnato in una battuta nei pressi della Bocchetta […]

leggi tutto...

23/10/2021 

Cronaca

Controlli della Polstrada sulla Tangenziale Nord: numerosi gli automobilisti ubriachi. 15 patenti ritirate

Numerosi controlli sono stati svolti dalla Polizia Stradale, Specialità della Polizia di Stato, nel fine settimana […]

leggi tutto...

23/10/2021 

Cronaca

Trasporti Caselle-Torino, il consigliere regionale Avetta (Pd): “Un servizio pessimo e inaccettabile”

Pendolari esasperati, corse “saltate”, il viaggio per studio o per lavoro che si trasforma più che […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy