19/12/2022

Sanità

Canavese: la Regione taglia la spesa per le assunzioni del personale. Il Nursind sul piede di guerra

Chivasso

/
CONDIVIDI

Un milione di euro in meno per le assunzioni all’Asl T04: l’approvazione dei piano triennale riguardante le assunzioni di personale nelle aziende sanitarie preoccupa non poco il Nursind, il sindacato delle professioni infermieristiche, che commenta duramente la scelta effettuata dalla Giunta regionale piemontese.

Spiega il segretario territoriale del Nursind: “203 milioni di euro a disposizione nel 2021, ma poiché non sono stati spesi totalmente, per il 2022 si passa a 202 milioni. Di conseguenza l’incremento del tetto di spesa rispettivamente del 4% e 6% previsti per il 2023 e 2024, sarà decisamente inferiore poiché parametrato sul nuovo tetto assegnato.
Rispetto alla bozza iniziale presentata ad Aziende e sindacati, l’Asl T04 perderà 920.923 euro nel 2022, 1.409.196 nel 2023 e 2.226.665 euro nel 2024”.

Si tratta, sottolinea l’esponente sindacale di risorse economiche che non sono andate perse, ma che sono state ridistribuire ad Aziende virtuose che hanno avuto il coraggio di assumere per le varie necessità.

“Le nostre preoccupazioni nei confronti dei vertici dell’Asl T04, purtroppo erano fondate – commenta Giuseppe Summa -. Se è vero che i medici si fanno fatica a trovare per la nota carenza nazionale, andava fatto qualcosa in più sul comparto che non è stato fatto. Risorse che abbiamo perso e non potremmo riutilizzare. Abbiamo perso per strada diversi OSS e nonostante le numerose carenze, ogni mese ci ritroviamo a dover ricontattare con l’azienda i contratti in scadenza. Finalmente adesso è uscito un bando a 36 mesi per infermieri, ma appena deliberata la graduatoria, bisognerà essere rapidi ad assumere e accelerare sulle stabilizzazioni, senza aspettare la scadenza dei loro contratti a tempo determinato, così come stanno già facendo altre aziende. Siamo seriamente preoccupati per i servizi già in grossa difficoltà – prosegue Summa- A titolo esemplificativo, le sale operatorie rischiano di ridurre l’attività, e in molti servizi non si riescono più a garantire, nemmeno i contingenti minimi. Per questo abbiamo scritto alla Conferenza dei Sindaci, nella speranza che contrariamente a quanto accaduto in passato in altre situazioni, ci sia una forte presa di posizione. A breve, – conclude – daremo vita ad azioni di protesta che coinvolgeranno l’intera cittadinanza”.

28/01/2023 

Cronaca

Castellamonte: 60enne finisce nelle gelide acque del canale. Salvato dai Vigili del fuoco

Castellamonte: 60enne finisce nelle gelide acque del canale. Salvato dai Vigili del fuoco E’ stato salvato […]

leggi tutto...

28/01/2023 

Sanità

Sanità in Piemonte: a Ivrea un convegno sulla diagnostica per sostenere la medicina di prossimità

Sanità in Piemonte: a Ivrea un convegno sulla diagnostica per sostenere la medicina di prossimità La […]

leggi tutto...

28/01/2023 

Economia

Digitalizzazione dei servizi: finanziamento di oltre centomila euro dal Pnrr al Comune di Chivasso

Entro quest’anno sarà estesa a tutti i servizi comunali la piattaforma di pagamenti elettronici PagoPA grazie […]

leggi tutto...

28/01/2023 

Cronaca

Cuorgnè: prosegue l’attività lo Sportello di ascolto e consulenza per anziani e disabili a Villa Filanda

Prosegue il servizio di sportello di ascolto e supporto promosso dal progetto “Reti di prossimità” rivolto […]

leggi tutto...

27/01/2023 

Cronaca

“Vauda, tagliare i confini del parco indebolisce il controllo dei cinghiali”. L’allarme della Coldiretti

“Vauda, tagliare i confini del parco indebolisce il controllo dei cinghiali”. L’allarme della Coldiretti Un possibile […]

leggi tutto...

27/01/2023 

Cronaca

San Giusto Canavese: furto nella notte in una villetta. I ladri si danno alla fuga con la cassaforte

San Giusto Canavese: furto nella notte in una villetta. I ladri si danno alla fuga con […]

leggi tutto...
Privacy Policy Cookie Policy