08/12/2015

Cronaca

Canavese: in cinque finiscono nella rete dei controlli dei carabinieri. Tutti denunciati per furto

Ivrea

/
CONDIVIDI

L’attività di prevenzione e di controllo effettuato dai carabinieri della Compagnia di Ivrea prosegue senza soste, soprattutto in vista dell’approssimarsi delle festività natalizie. L’obiettivo è quello di scoraggiare ladri e rapinatori. E, come di consueto, nella rete degli uomini dell’Arma, sono caduti parecchie persone che hanno compiuto reati. Ad oggi, tra Ivrea e Rivarolo e in gran parte del territorio canavesano, sono state denunciate cinque persone accusate di furto.

Primo episodio: i militari hanno denunciato con l’accusa di furto aggravato C.P. residente a Chivasso e fermato a Pavone Canavese. Il giovane, 25 anni, di origine romena, stato sorpreso all’interno dell’ipermercato “Bennet” proprio nel momento in cui si stava impossessando, senza pagare, di una bottiglia di grappa. I carabinieri hanno restituito la refurtiva alla direzione del centro commerciale.

E ancora: alle 23, sempre all’Ipermercato Bennet di Pavone Canavese un agente della vigilanza notturna in servizio notturno persso il centro commerciale ha notato due persone che stavano camminando sul tetto dell’edificio. L’uomo ha immediatamente avvisato i carabinieri del Nucleo Radiomobile di Ivrea che ha inviato sul posto una pattuglia. Quando sono giunti sul posto i militari hanno identificato due giovani, entrambi di nazionalità romena che si trovavano in possesso di un borsone contenente oggetti da scasso. I due sono stati bloccati e denunciati per tentato furto in concorso.

E non è tutto: una messicana di 32 anni ha tentato di rubare un passeggino al centro commerciale “Carrefour” di Burolo. Il trucco escogitato dalla donna, era ingegnoso: aveva adagiato il figlioletto sul passeggino fingendo che fosse di sua proprietà. La naturalezza della donna non ingannato un addetto alla sicurezza ch,e dopo averla tenuta d’occhio, l’ha bloccata. Successivamente la direzione del centro commerciale ha richiesto l’intervento dei carabinieri di Ivrea. Una pattuglia dell’Arma che si trovava nei pressi dell’esercizio commerciale è subito intervenuta. La donna messicana ha dovuto restituire ai responsabile del “Carrefour” il passeggino ed è stata denunciata con l’accusa di furto aggravato.

A Fiorano Canavese, invece, nel corso di alcuni controlli eseguiti sul territorio, gli uomini dell’Arma hanno fermato un sessantenne, già conosciuto alle forze dell’ordine, che è stato trovato in possesso di due coltelli a serramanico senza che sia riuscito a spiegarne il motivo. Le armi sono state ritrovate nell’auto durante un’accurata perquisizione, ben occultate. P.S.V., 60 anni, è stato denunciato a piede libero per porto di armi e oggetti atti a offendere. L’azione di controllo del territorio prosegue sia nelle ore diurne che in quelle notturne.

Dov'è successo?

30/11/2022 

Economia

Valperga: “Spazi di società” propone l’incontro “Scosse energetiche. Come difendersi?”

Il Circolo associativo Spazi di società, attivo nei locali della Soms di Valperga, con l’intento di […]

leggi tutto...

29/11/2022 

Cronaca

Torre Canavese: a fuoco il tetto di una villetta. Pompieri al lavoro per domare le fiamme

A fuoco il tetto di un’abitazione a Torre Canavese. L’incendio è divampato intorno alle 18,30 di […]

leggi tutto...

29/11/2022 

Cronaca

Canavese: chiuse al traffico per lavori di consolidamento le strade provinciali di Ceres, Rocca e Caravino

Strada provinciale 80 di “Caravino”, Strada provinciale 33d02 “della Val Granda – coll. Ceres”, Strada provinciale […]

leggi tutto...

29/11/2022 

Economia

Economia: “IoLavoro” torna in presenza a Torino dopo il primo appuntamento di Biella

Dopo tre anni di edizioni digitali “IoLavoro” torna in presenza: il 25 novembre lo è stato […]

leggi tutto...

29/11/2022 

Cronaca

Il sindaco di Chivasso annuncia la revoca della cittadinanza onoraria ad un quadrumviro della Marcia su Roma

“Il centenario della Marcia su Roma avrà un’eco a Chivasso, ma di tenore diametralmente opposto ai […]

leggi tutto...

29/11/2022 

Cronaca

Gli orfani ucraini senza corrente elettrica. La memoria viva: “Ridiamo la luce agli angeli di Mariupol”

Dalla struttura ucraina che ospita gli orfani sfuggiti alla distruzione di Mariupol giunge un appello disperato: […]

leggi tutto...
Privacy Policy Cookie Policy