09/11/2015

Cronaca

Canavese: controlli a tappeto dei carabinieri di Ivrea. Tre denunce, due segnalazioni e un arresto

Canavese

/
CONDIVIDI

E’ soltanto attraverso il capillare controllo del territorio che è possibile contrastare eventi criminosi e prevenire le cosiddette “stragi” del sabato sera causate dall’uso smodato di alcol e sostanze stupefacenti. Anche nello scorso fine settimana i carabinieri della Compagnia di Ivrea sono stati impegnati in una massiccia operazione che ha coinvolto, nelle ore notturne, diverse pattuglie.

A concreta dimostrazione che non bisogna mai dare nulla per scontato, nonostante i giovani stiano iniziando ad essere prudenti nel mettersi in viaggio, nella notte tra sabato e domenica i militari hanno denunciato tra Locana e Cuorgnè, tre ragazzi per guida in stato d’ebbrezza. Sottoposti alla prova dell’etilometro sono risultati positivi e con un tasso alcolemico decisamente superiore a quello previsto dalla vigente legislazione. Tutti e tre i giovani automobilisti sono stati denunciati a piede libero alla procura delle Repubblica di Ivrea. Ritirate le patenti.

Due marocchini sono stati invece stati controllati a Cuorgnè da una gazzella dell’Arma. I due uomini si trovavano a bordo di un’utilitaria nelle vicinanze di piazza Martiri della Libertà, in pieno centro storico. Insospettiti, i carabinieri di Cuorgnè hanno perquisito la coppia di marocchini. Uno dei due uomini è stato trovato in possesso di una dose di hashish del peso di 0,9 grammi. Il giovane è stato segnalato alla Prefettura di Torino per uso personale di sostanze stupefacenti.

Un altro episodio similare ha avuto luogo a Strambino: un giovane è stato sorpreso dai carabinieri della locale stazione dell’Arma in possesso di una dose di cocaina. Anche in questo caso si è proceduto ad inviare una segnalazione alla Prefettura.

Peggio è andata a Ivrea a un marocchino di 39 anni, Chentoufi Rachid. I carabinieri hanno eseguito un ordine di carcerazione emesso dal tribunale di Torino, perché l’uomo deve scontare una pena residua di due anni, un mese e quattordici giorni per violenza sessuale, violazione di domicilio e lesioni personali. L’uomo è stato condotto in carcere. L’attività di prevenzione e di controllo del territorio, ogni fine settimana, termina con un bilancio più che positivo.

Dov'è successo?

21/10/2020 

Eventi

Canavese: “DiscoVintage” sulla cresta dell’onda torna a trasmettere dai microfoni di Radio Alfa

L’Associazione di Dj e Speaker che operarono dal Canavese, si arricchisce di un nuovo componente, Beppe […]

leggi tutto...

21/10/2020 

Sanità

Coronavirus in Piemonte: sette i decessi e record di contagi (+1.799 rispetto a ieri). In aumento i ricoveri

L’Unità di Crisi della Regione Piemonte ha comunicato che i pazienti virologicamente guariti sono 29.613 (+ […]

leggi tutto...

21/10/2020 

Cronaca

Canavese: derubavano anziani soli. Sgominata dalla polizia una banda di ladri e truffatori

Agivano tra le province di Torino, Cuneo e in Val d’Aosta e si presume siano autori […]

leggi tutto...

21/10/2020 

Cronaca

Rondissone, mezzi pesanti in sosta lungo la strada e rifiuti: Amazon disponibile a eliminare i problemi

Amazon si è resa disponibile a limitare i problemi legati allo stazionamento dei mezzi pesanti sulla […]

leggi tutto...

21/10/2020 

Cronaca

Trasporti pubblici in sciopero: venerdì “caldo” per studenti e pendolari. Disagi anche nella Sanità

Venerdì 23 ottobre le organizzazioni sindacali Filt-Cgil, Fit-Cisl, O.S. Ugl Autoferrotranvieri e dalla Rsu del personale […]

leggi tutto...

21/10/2020 

Cronaca

La città Metropolitana: “Il Ponte Preti si farà. Fondi per 19,5 milioni. Prosegue la progettazione”

Non è in discussione la realizzazione di una nuova struttura che sostituisca il Ponte Preti, sulla […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy