26/12/2015

Cronaca

Canavese: a febbraio la sentenza sull’arbitrato Asa. Se sarà sfavorevole chi pagherà i 50 milioni?

Canavese

/
CONDIVIDI

A rilanciare lo “scottante” tema dell’arbitrato Asa di Castellamonte è il sindaco di Cuorgnè Beppe Pezzetto. Entro il prossimo mese di febbraio è attesa la sentenza del giudice del tribunale di Ivrea e più di un comune inizia già a pensare, in caso di sentenza sfavorevole,  a come riuscire la fronteggiare il pagamento della propria quota di debiti dovuti al fallimento del consorzio che gestiva, tra le altre attività, la raccolta e smaltimento dei rifiuti per 51 comuni canavesani. Sulle amministrazioni socie dirette e indirette pende la spada di Damocle di un “buco” di oltre cinquanta milioni di euro da colmare.

Una versa debàcle per una pletora di amministrazioni comunali che sono alle prese con bilancio più che risicati. “Penso che in caso di sentenza sfavorevole da parte della magistratura il problema rischia di trasformarsi in una tragedia economica di ampie proporzioni – afferma il primo cittadino di Cuorgnè -. Indipendentemente dai ricorsi che verranno fatti in caso di sentenza sfavorevole da parte del tribunale di Ivrea, è innegabile che il problema esiste e che andrebbe affrontato a livello territoriale”. Per le amministrazioni comunali maggiormente esposte, il rischio default potrebbe essere una realtà più che concreta qualora dovesse trovarsi dover pagare un debito consistente. Qualche esempio su tutti: : Ozegna dovrebbe versare 400mila euro, Feletto 800mila. Cifre che si avvicinano alla consistenza dell’intero bilancio comunale.

Forse i comuni che fanno parte dell’Area Omogenea del Canavese Occidentale, e tra loro la maggior parte erano diretti e indiretti del consorzio, dovrebbero dare vita ad un confronto e a una strategia comune. Perché prima o poi, il grave problema economico dovrà essere affrontato e risolto per evitare che la “voragine” Asa debba in seguito pesantemente gravare sulle spalle dei cittadini.

07/12/2022 

Cronaca

Canavese, la Coldiretti Torino: “Dopo gli incendi in cascina chiediamo massima vigilanza”

Dopo l’ennesimo incendio che ha devastato un fienile, questa volta nella frazione Sant’Antonio di Castellamonte, mandando […]

leggi tutto...

06/12/2022 

Sport

San Francesco al Campo: via al Turin International Cyclocross. Gran finale di stagione al Velodromo

Sarà una fine anno davvero speciale per lo sport tra Torinese e Canavese. Ieri sera, al […]

leggi tutto...

06/12/2022 

Politica

Pronto soccorso di Cuorgnè, il consigliere regionale Avetta (Pd): “Icardi non lo riaprirà più”

Il consigliere regionale Alberto Avetta (Pd) non ha dubbi ed esprime chiaramente la sua opinione:  a […]

leggi tutto...

06/12/2022 

Cronaca

Pont Canavese: una frana si stacca dal fianco della montagna. Danneggiati la chiesa e un’auto

I massi si sono staccati all’improvviso dal fianco della montagna e la frana ha investito la […]

leggi tutto...

06/12/2022 

Cronaca

Vidracco: il vicesindaco Metropolitano ai sindaci della Valle: “Nel 2023 i lavori sulla provinciale 61”

Sopralluogo ieri mattina lunedì 5 dicembre in ValChiusella per il vicesindaco della Città metropolitana di Torino […]

leggi tutto...

06/12/2022 

Cronaca

Strade chiuse per lavori di ammodernamento a San Maurizio, Santuario di Belmonte e Valli di Lanzo

Strada provinciale 16 di “San Maurizio” dal 6 al 16 dicembre 2022 Per lavori di rappezzatura […]

leggi tutto...
Privacy Policy Cookie Policy