17/11/2016

Cronaca

Borgaro, alta tensione a bordo del bus 69 tra nomadi e passeggeri. Il sindaco assume i vigilantes

Borgaro

/
CONDIVIDI

La corsa dell’autobus n° 69 gestita dalla società torinese di Trasporti Gtt da anni è una delle più pericolose di Torino: aggressioni, furti e rapine sono all’ordine del giorno. Una situazione che ha esasperato le centinaia di studenti e pendolari che da Borgaro si spostano a Torino e viceversa e che il comune di Borgaro ha deciso di risolvere con la presenza dei “vigilantes” privati. La misura di sicurezza prenderà il via appena dopo le vacanze natalizie. I “vigilantes” assicureranno ai passeggeri che salgono sui bus sicurezza e incolumità.

Il sindaco di Borgaro Claudio Gambino, dopo l’ennesimo episodio che ha visto protagonisti i nomadi del campo di strada Aeroporto e alcuni passeggeri, non ci ha pensato due volte. Dal prossimo gennaio saranno le guardie giurate a scoraggiare atti di violenza nei confronti dei passeggeri. Gambino non è nuovo ad iniziative che creano scalpore: due anni fa aveva proposto all’azienda di utilizzare bus separati: uno per i nomadi rom e l’altro per cittadini e studenti e aveva rimediato una denuncia per razzismo.

In ogni caso il problema era stato sollevato e per qualche tempo l’attenzione delle autorità su quella corsa era rimasta alta, poi, col tempo, tutto è tornato come prima. Vigili urbani e carabinieri non sono più saliti a bordo degli autobus e la convivenza tra nomadi e passeggeri ha raggiunto picchi altissimi di tensione a causa delle violenze addebitabili ai nomadi. D’altro canto è stato il Comitato dei genitori che si è costituito da tempo a chiedere al sindaco di Borgaro di adottare provvedimenti. Cosa che il primo cittadino ha provveduto a fare.

A sostenere le spese sarà il Comune, ma non per tutta la giornata, considerato il costo del servizio. Per garantire un controllo continuativo il sindaco Gambino ha scritto al prefetto di Torino, alla sindaca Appendino, alla polizia, ai carabinieri, per fare in modo che intervengano per assicurare l’incolumità dei passeggeri. I borgaresi che pagano salati abbonamenti – spiega l’amministratore – hanno tutto il diritto di viaggiare in tutta tranquillità come tutti gli altri utenti che si spostano quotidianamente sulle altre linee del trasporto metropolitano.

Dov'è successo?

25/01/2021 

Cronaca

Suicidi in aumento tra gli adolescenti e i giovani in Italia e in Piemonte. E l’Oms lancia l’allarme

Si feriscono alle gambe e alle braccia: atti di autolesionismo che sempre più spesso sfociano nel […]

leggi tutto...

25/01/2021 

Sanità

Emergenza Covid: oggi in Piemonte 600 nuovi contagi, 21 i decessi e 707 i pazienti guariti

LA SITUAZIONE DEI CONTAGI Alle ore 16,30 di oggi, lunedì 25 gennaio, l’Unità di Crisi della […]

leggi tutto...

25/01/2021 

Cronaca

Piemonte, migliora la qualità dell’aria. Revocato il blocco della circolazione dei diesel Euro 5

Il presidente della Regione Piemonte, Alberto Cirio, d’intesa con gli assessori competenti all’Ambiente e alla Sanità, […]

leggi tutto...

25/01/2021 

Politica

Il governo taglia fuori le regioni dalla gestione dei miliardi del React-Eu. Insorge la Lega canavesana

Il Piemonte non ci sta e reagisce alla notizia che l’Italia intende gestire i 13,5 miliardi […]

leggi tutto...

25/01/2021 

Cronaca

Volpiano: celebrazioni on line nella “Giornata della Memoria” per non dimenticare l’Olocausto

Per la Giornata della Memoria, la ricorrenza che si celebra il 27 gennaio per ricordare le […]

leggi tutto...

25/01/2021 

Cronaca

Dramma sfiorato a Oglianico: in ospedale 4 donne intossicate dal monossido di carbonio

Quattro donne sono finite in ospedale a causa di una presunta intossicazione da monossido di carbonio. […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy