20/03/2016

Cronaca

Bairo: Bollorè ha scelto il Canavese per produrre le auto elettriche

Bairo

/
CONDIVIDI

Torino come Parigi, Lione e Indianapolis. D’ora i poi i torinesi e non solo, potranno attraversare la città a bordo delle car sharing elettriche prodotte dal Gruppo francese Bollorè: 30 auto e 15 stazioni di ricarica elettrica. L’obiettivo è quello di costituire entro il prossimo anno un parco auto di 400 mezzi e settecento colonnine per la ricarica delle batterie. Le BlueCar sono prodotte negli stabilimenti di Bairo Canavese e di La Loggia. Le Citycar a quattro posti sono state disegnate da Pininfarina. La flotta Bollorè, dopo quattro anni di attività nella capitale francese con il marchio Autolib, conta a tutt’oggi sulla disponibilità ben 3.400 auto elettriche, 1.000 stazioni di ricarica e 5.500 colonnine. E’ l’eccellenza dell’industria canavesana e piemontese a rendere Torino una delle capitali della mobilità sostenibile.

Spiega il Ministro dei trasporti e delle Infrastruttire Graziano Del Rio: “Torino sta raggiungendo risultati di eccellenza sulla mobilità sostenibile. La possibilità di usufruire di auto condivise elettriche va in questa direzione permettendo di combinarsi con il trasporto pubblico e contribuendo all’abbattimento delle emissioni. L’elettrico deve essere rafforzato in Italia. Sto ragionando per fare nei prossimi tre anni 20mila stazioni di ricarica. Dobbiamo pensare a questo come a una grande infrastruttura nel nostro Paese”.

La tariffa per chi ha intenzione di farne un uso frequente di 5 euro e 50 centesimi al mese (la registrazione costa 10 euro). Le vetture posseggono una capacità energetica di 30 Kw orari, posseggono un’autonomia di 250 chilometri in ambito urbano e possono essere condotte anche dai neo-patentati. Per Claudio Chiarle, segretario della Fim-Cisl di origine Canavese, l’utilizzo delle Car Sharing rappresenta un’opportunità economica da non perdere: “La partenza del Car Sharing a Torino deve essere accompagnata dalla produzione in serie dell’auto elettrica a Bairo. Occorre consolidare la presenza di Bollorè in Italia e questo può avvenire solo con l’acquisto dello stabilimento canavesano. Questo consentirebbe anche di assumere manodopera a partire dai lavoratori ex De Tomaso”. Le premesse sembrano essere positive. 

 

30/10/2020 

Cronaca

Casi Covid a Cuorgnè: sospesa l’attività in quattro sezioni in due scuole dell’Infanzia cittadine

A causa di un caso positivo di Covid, l’Asl ha chiuso quattro sezioni in due scuole […]

leggi tutto...

30/10/2020 

Cronaca

Il Piemonte verso la didattica a distanza per le scuole superiori. Capienza ridotta per i mezzi pubblici

Una nuova ordinanza che contiene nuove norme per arginare il contagio anticovid nella Regione Piemonte: il […]

leggi tutto...

30/10/2020 

Sanità

Coronavirus in Piemonte: in forte risalita i nuovi contagi (+2719). In aumento anche i ricoveri in ospedale

L’Unità di Crisi della Regione Piemonte ha comunicato che alle 17,30 di oggi, venerdì 30 ottobre, […]

leggi tutto...

30/10/2020 

Cronaca

Tigotà, azienda leader per l’igiene, dona migliaia di litri di sapone liquido alle Agenzie formative

Tigotà, società leader in Italia nella vendita di prodotti per la pulizia della casa, l’igiene della […]

leggi tutto...

30/10/2020 

Sanità

Vaccino antinfluenzale in Canavese. L’Asl ai pazienti: “Non concentrate l’afflusso nei primi giorni”

Nell’ambito dell’Asl T04 anche quest’anno la vaccinazione antinfluenzale è effettuata dal proprio medico o pediatra di […]

leggi tutto...

30/10/2020 

Cronaca

Castellamonte: odissea al “Pit Stop” per i tamponi. La testimonianza dell’ex sindaco Gabriele Francisca

Per trasformarsi da Città della Ceramica a Città del Drive In sono bastati pochi giorni. Giusto […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy