Asl T04: le perplessità del Nursind sul pensionamento dell’ex general manager Ardissone

01/09/2020

CONDIVIDI

Il responsabile territoriale del sindacato Giuseppe Summa: "Qualora fosse confermato che il deficit di 24 milioni di euro deriva da una cattiva gestione dei soldi pubblici, come Nursind ci chiediamo come mai la Corte dei Conti non sia già intervenuta nei confronti del dottor Ardissone"

Dubbi e perplessità: sono quelli nutriti dal Nursind, il sindacato delle professioni infermieristiche. Dubbi e perplessità che riguardano l’avvicendamento ai vertici dell’Asl T04, l’azienda sanitaria canavesana della quale è stato nominato commissario Luigi Vercellino di Pertusio. Dopo la sonora bocciatura del bilancio consuntivo dell’Asl (che presenta un disavanzo di quasi 25 milioni di euro) da parte dell’Assemblea dei sindaci, l’ex direttore generale Lorenzo Ardissone, che ha maturato i requisiti per andare in pensione, ha chiesto all’assessore alla Sanità della Regione di andare in quiescenza. Il Nursind punta i riflettori sull’avvicendamento non senza qualche polemica. Eppure, questo è il sindacato che non mai risparmiato nulla all’ormai quasi ex Direttore Generale. Dagli esposti in Procura agli in incontri Prefettura. Dalle denunce all’ispettorato del lavoro alla richiesta di dimissioni.

“Premesso che in sanità è pericolosissimo parlare di bilanci, – dichiara Giuseppe Summa, responsabile territoriale del Nursind – poiché si rischia di tralasciare il diritto alla salute, ci chiediamo come siano stati spesi questi soldi e soprattutto come vengono assegnati dalla Regione alle Aziende. Sulla spesa del Personale ad esempio, la Regione tiene conto di alcune criticità che riguardano aziende periferiche come l’Asl T04? Ad esempio, ci sono alcune voci con costi importanti che riguardano la spesa del personale medico delle cooperative. Ma se il personale non ci fosse stato, cosa avrebbe dovuto fare la Direzione in alternativa? Chiudere i servizi? I professionisti scappano verso Torino o comunque ospedali Hub di riferimento e a restare nei piccoli ospedali spoke sono sempre meno. Stesso discorso vale ovviamente anche per il personale infermieristico. Fra l’altro la Regione dimentica che la precedente Giunta aveva tagliato circa 10 milioni di euro di spesa destinati al personale all’Asl T04, nonostante l’apertura di alcuni nuovi servizi”.

“Qualora fosse confermato che il deficit di 24 milioni di euro deriva da una cattiva gestione dei soldi pubblici, come Nursind ci chiediamo come mai la Corte dei Conti non sia già intervenuta nei confronti del dottor Ardissone. Allora la risposta quale potrebbe essere? – si chiede Giuseppe Summa -. Un’ipotesi potrebbe essere che probabilmente i soldi sono stati spesi correttamente, ma la Regione ne ha versati meno all’Asl T04 e a tal proposito ci chiediamo con l’arrivo del nuovo Commissario cosa accadrà? Riuscirà a recuperare 24 milioni di euro di debito? Se sì, come? Tagliando sui farmaci? Tagliando sui servizi? Tagliando sul personale già in sofferenza? Oppure chiedendo alla regione di coprire quel buco? E se così fosse, non potrebbe essere fatto con Lorenzo Ardissone? Sono anni che continuiamo a sentire che i Direttori Generali non saranno più nomine politiche eppure questa è l’ennesima dimostrazione che non è così”.

Infine, il Nursind lancia un messaggio al prossimo Commissario che siederà in via Po e all’assessore regionale alla Sanità: “Basta tagli. Giù le mani dal personale e dai servizi”.

Leggi anche

20/09/2020

Moto3, il 19enne di Ciriè Celestino Vietti Ramus sfiora la vittoria a Misano e conquista il 2° posto

Moto3, il 19enne di Ciriè Celestino Vietti Ramus sfiora la vittoria a Misano e conquista il […]

leggi tutto...

20/09/2020

Coronavirus in Piemonte: 98 contagi in più rispetto a ieri. Nessun decesso. In lieve risalita i ricoveri

Coronavirus in Piemonte: 98 contagi in più rispetto a ieri. Nessun decesso. Salgono (lievemente) i ricoveri. […]

leggi tutto...

20/09/2020

Canavese: elezioni comunali e referendum. L’affluenza alle urne alle 12,00 di domenica 20 settembre

Canavese: elezioni comunali e referendum. L’affluenza alle urne alle 12,00 di domenica 20 settembre. Alle 12,00 […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy