29/01/2016

Cronaca

ASA: I SINDACI FANNO QUADRATO E CHIEDONO UN INCONTRO URGENTE A CHIAMPARINO

Castellamonte

/
CONDIVIDI

Di fronte alla concreta minaccia di dover pagare quote milionarie per ricapitalizzare l’Asa, in fase di liquidazione, i sindaci dei comuni dell’alto canavese fanno quadrato. Ieri sera, nella sala consigliare di Castellamonte erano presenti tutti i sindaci interessati dal problema. Alla riunione ha anche partecipato l’avvocato Iacopo Gendre dello studuo Scaparone di Torino al quale è stata affidata la rappresentanza legale delle municipalità coinvolte nella vicenda. Al termine dell’incontro, durante il quale il legale ha illustrato quali potrebbero essere gli aspetti legali da affrontare, gli amministratori si sono trovati d’accordo sul fatto che è necessario sostituire un fronte comune.

La Regione Piemonte si è “sfilata”? E i sindaci hanno chiesto un incontro urgente con il presidente della Regione Sergio Chiamparino che avrà luogo mercoledì 3 febbraio presso l’ufficio di presidenza in piazza Castello a Torino. Il problema esiste e non può essere ignorato e scaricato soltanto sulle spalle degli amministratori dei 51 comuni che facevano parte del Consorzio Asa. Se si dovrà pagare, la questione può essere affrontata su due differenti prospettive, spiega Alberto Rostagno sindaco di Rivarolo Canavese e portavoce dell’Area Omogenea del Canavese Occidentale: quello giudiziario impugnando la sentenza del giudice nel caso in cui l’arbitrato dovesse fornire un esito negativo e quello amministrativo. Su questo piano una cosa sembra certa: i comuni sono tenuti a erogare ai cittadini i servizi essenziali e questa è la ragione per cui un ente locale non può andare in default ed è anche la ragione per la quale la regione Piemonte non ha ancora abolito del tutto le Comunità Montane. E se proprio si dovrà far fronte alla richiesta di ricapitalizzazione lo si farà rateizzando il pagamento.

“La situazione è critica, su questo non ci sono dubbi – spiega Alberto Rostagno -, ma non è neanche così drammatica”. Eppure sul tavolo c’è la richiesta di versamento, effettuata dal commissario straordinario Stefano Ambrosini, di 28 milioni di euro da ripartire in base alle quote di partecipazione e al numero degli abitanti. Il comune di Rivarolo Canavese è quello maggiormente esposto (oltre alla Comunità Montana), dato che possiede il 22,9 per cento della quote. Il rischio è che in caso di definizione negativa dell’arbitrato, come minimo potrebbe trovarsi a sborsare almeno 6 milioni di euro. “Si tratta di stime e nulla di più – precisa il primo cittadino -. Potrebbero essere meno o potrebbero essere di più. Tutto dipenderà dalla ripartizione che deciderà il giudice”. L’amministrazione di Rivarolo si è posta da tempo il problema e, per ogni eventualità, ha già accantonato 4 milioni e mezzo di euro per fronteggiare eventuali urgenze nel caso in cui il giudice del tribunale di Ivrea dovesse emettere una sentenza sfavorevole. Per il momento non rimane che attendere il risultato dell’incontro al quale prenderanno parte i sindaci di Rivarolo, Cuorgnè, Castellamonte, una rappresentanza di otto sindaci facenti parte dell’ex Comunità Montana, il presidente della Regione Sergio Chiamparino e la tanto temuta conclusione dell’arbitrato il prossimo 20 febbraio.

21/10/2020 

Eventi

Canavese: “DiscoVintage” sulla cresta dell’onda torna a trasmettere dai microfoni di Radio Alfa

L’Associazione di Dj e Speaker che operarono dal Canavese, si arricchisce di un nuovo componente, Beppe […]

leggi tutto...

21/10/2020 

Sanità

Coronavirus in Piemonte: sette i decessi e record di contagi (+1.799 rispetto a ieri). In aumento i ricoveri

L’Unità di Crisi della Regione Piemonte ha comunicato che i pazienti virologicamente guariti sono 29.613 (+ […]

leggi tutto...

21/10/2020 

Cronaca

Canavese: derubavano anziani soli. Sgominata dalla polizia una banda di ladri e truffatori

Agivano tra le province di Torino, Cuneo e in Val d’Aosta e si presume siano autori […]

leggi tutto...

21/10/2020 

Cronaca

Rondissone, mezzi pesanti in sosta lungo la strada e rifiuti: Amazon disponibile a eliminare i problemi

Amazon si è resa disponibile a limitare i problemi legati allo stazionamento dei mezzi pesanti sulla […]

leggi tutto...

21/10/2020 

Cronaca

Trasporti pubblici in sciopero: venerdì “caldo” per studenti e pendolari. Disagi anche nella Sanità

Venerdì 23 ottobre le organizzazioni sindacali Filt-Cgil, Fit-Cisl, O.S. Ugl Autoferrotranvieri e dalla Rsu del personale […]

leggi tutto...

21/10/2020 

Cronaca

La città Metropolitana: “Il Ponte Preti si farà. Fondi per 19,5 milioni. Prosegue la progettazione”

Non è in discussione la realizzazione di una nuova struttura che sostituisca il Ponte Preti, sulla […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy