09/11/2016

Cronaca

Anche in Canavese il fenomeno dei “Neet”, i ragazzi delusi che non studiano e non lavorano

Canavese

/
CONDIVIDI

E’ un fenomeno semi-sconosciuto o, per meglio dire, ancora sommerso: è quello dei giovani che non studiano e non lavorano. Di tanto in tanto quando in Tv si parla di welfare e disoccupazione si sostiene che in Italia è in crescita la percentuale dei ragazzi di ambo i sessi che hanno scelto, spesso inconsciamente, di far parte della schiera dei giovani in “ritiro sociale”. Un fenomeno che psicologi e operatori delle associazioni Onlus stanno studiando. Chi sono i Neet? Ragazzi e ragazze dell’età media di vent’anni che stanno tutto il giorni rinchiusi nella loro camera, con le luci soffuse, lo stereo acceso, le veneziane abbassate e gli occhi perennemente fissati sullo schermo del personal computer.

Si tratta, spiegano gli esperti di un’auto segregazione: una decisione pericolosa che provoca un’autoesclusione che porta all’isolamento sociale famigliare. Le motivazioni sono molteplici e tutte psicologiche: la paura di competere, la pressione della società alla quale il giovane reagisce con l’isolamento, la paura di non farcela, una grande insicurezza interiore. Il fenomeno è ben conosciuto in Giappone, dove i livelli di competizione sia a scuola che nei luoghi di lavoro, è divenuta ormai una consuetudine che crea non pochi problemi sociali. Le stime parlano di un range che va dai 400 mila ai due milioni di giovani coinvolti.

In Italia le cose non vanno certo meglio e neanche in Canavese: i più colpiti sono i maschi perchè devono fare i conti con un’eredità trasmessa che è fortemente condizionata dal ruolo sociale e dal successo in campo lavorativo. A volte è il mancato riconoscimento del primo contratto di lavoro a provocare un processo d’introspezione e di chiusura verso l’esterno.

A provocare questo preoccupante fenomeno è anche, stando ad un recente studio condotto sui cosiddetti “ritirati” dalla vita, il fallimento del rapporto con la scuola, il timore di non corrispondere alle aspettative dei genitori, la vergogna nutrita nei confronti dei compagni di classe e, come se non bastasse, la creazione di circuiti di socializzazione a distanza che spesso però comportano rischi non di poco conto come ad esempio il cyberbullismo, la violazione dell’indentità sui social e il tentato adescamento da parte degli adulti e di malintenzionati.

Dov'è successo?

12/06/2021 

Lavoro

Dopo 11 anni in Città metropolitana i concorsi per assumere con contratti di formazione lavoro

La Città metropolitana di Torino assume. Lo fa con selezioni pubbliche in corso in questi giorni […]

leggi tutto...

12/06/2021 

Cronaca

Arriva l’anticiclone africano e scoppia l’estate. Domenica 13 temperature fino a 36 gradi

Sarà un fine settimana all’insegna dell’estate rovente: l’arrivo, già ampiamente preannunciato dell’anticiclone proveniente dall’Africa ha causato […]

leggi tutto...

12/06/2021 

Sanità

Covid in Piemonte: anche oggi nessun decesso. Sono 90 i nuovi contagi. 206 i pazienti guariti

LA SITUAZIONE DEI CONTAGI IN PIEMONTE Alle 16,00 di oggi, sabato 12 giugno, l’Unità di Crisi […]

leggi tutto...

12/06/2021 

Sanità

Covid: da lunedì 14 giugno, via libera alle vaccinazioni in oltre 500 farmacie di tutto il Piemonte

Da lunedì 14 giugno alle ore 12,00 i piemontesi potranno prenotare il loro appuntamento vaccinale anche […]

leggi tutto...

12/06/2021 

Cronaca

Valperga: acqua inquinata da troppi batteri. Scatta il divieto di consumo in due frazioni del paese

Una concentrazione anomala di batteri nell’acqua potabile ha costretto il sindaco di Valperga Walter Sandretto ad […]

leggi tutto...

11/06/2021 

Cronaca

Piemonte, è ufficiale: dopo mesi addio al coprifuoco. Da lunedì 14 giugno il Piemonte sarà zona bianca

Il contagio è giunto, fortunatamente, ai minimi storici, le rianimazioni negli ospedali lentamente si svuotano e […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy