10/11/2015

Cultura

Agliè, mancano i fondi e il ministero chiude il castello ducale: visite consentite solo il venerdì e il sabato

Agliè

/
CONDIVIDI

Due giorni la settimana. Troppo pochi per consentire ai tanti turisti di visitare il Castello Ducale di Agliè. Ma soprattutto è la conferma che i fondi non bastano per mantenere aperto uno dei gioielli architettonici e storici del Canavese. Le dimissioni dell’ex direttore Lisa Accurti non erano arrivate a torto. Nell’annunciare la sua decisione l’architetto aveva posto l’accento sulla cronica mancanza di soldi che non avrebbero garantito nessun futuro alla struttura. E senza denaro non si pagano né dipendenti e neanche la necessaria manutenzione. I nuovi orari sono stati comunicati dal Ministero per i Beni Culturali: sarà possibile visitare il castello che ha fatto da sfondo alla fortunata fiction televisiva “Elisa di Rivombrosa” firmata da Cinzia TH Torrini. E’ la dimostrazione concreta che, anziché provvedere a preservare il patrimonio locale, si preferisce chiuderlo ai visitatori.

D’ora in poi sarà possibile visitare la splendida residenza sabauda il venerdì e il sabato dalle ore 9,00 alle 19,00. La scelta fa discutere, soprattutto perché la domenica, giorno in cui si registra il maggior numero di affluenze, il castello rimarrà chiuso. Il personale è decisamente carente: i dipendenti che non ci sono più per effetto del turn-over non sono mai stati sostituiti e per quelli attualmente impiegati è stato esaurito il monte ore di straordinari. Il sindaco di Agliè Marco Succio è stravolto ed è deciso a chiedere un incontro urgente con il nuovo direttore per comprendere cosa sta succedendo.

E’ facile prevedere che la chiusura costituirà per tutto il paese un contraccolpo economico non da poco: il castello, insieme ai luoghi di gozzaniana memoria, costituiscono la principale fonte di attrattiva anche per i turisti stranieri. Il primo cittadino, in occasione del centenario della morte del grande poeta alladiese Guido Gozzano, incontrerà il ministro Dario Franceschini e, naturalmente si parlerà della residenza, dichiarata anni fa dall’Unesco patrimonio dell’umanità.

Un’umanità che adesso non potrà più apprezzare la storia e il genio degli architetti italiani del Settecento. Classico.

Dov'è successo?

23/04/2021 

Cronaca

Strage di Rivarolo: Tarabella interrogato dai magistrati che cercano di far luce sull’efferato delitto

La solitudine, l’impegno per il figlio disabile, il forte senso di abbandono provato, la malattia della […]

leggi tutto...

23/04/2021 

Politica

Riaperture in Piemonte, i consiglieri regionali Valle e Rossi (Pd): “Covid, priorità alla scuola”

Il gruppo di indagine regionale sul Covid 19 ha esaminato le prime risultanze della sperimentazione “Scuola […]

leggi tutto...

23/04/2021 

Cronaca

Il trattore si ribalta e schiaccia il conducente. Nell’incidente muore un 53enne di Lanzo

È morto sul colpo Sergio Bellezza Oddon l’imprenditore agricolo cinquantatreenne di Lanzo che è stato vittima, […]

leggi tutto...

23/04/2021 

Economia

Scarmagno: la Italvolt punta a uno stabilimento con 4mila addetti per far rivivere il sogno di Olivetti

Nel corso della sua visita in Canavese la delegazione regionale guidata dal presidente della Regione Alberto […]

leggi tutto...

23/04/2021 

Economia

Canavese, il presidente della Regione Alberto Cirio visita l’eccellenza dell’industria territoriale

È stata una giornata tutta canavesana, quella di ieri, giovedì 22 aprile, per il presidente della […]

leggi tutto...

22/04/2021 

Sanità

Emergenza Covid in Piemonte: oggi 1.464 nuovi casi positivi e 46 i morti. In aumento i guariti (+ 2.114)

LA SITUAZIONE DEI CONTAGI IN PIEMONTE Alle 16,00 di oggi, giovedì 22 aprile l’Unità di Crisi […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy