22/07/2016

Economia

Agliè: crolla il numero dei visitatori al castello ducale. Ben diciassettemila mila in un solo anno

Agliè

/
CONDIVIDI

Un’altra brutta e sconfortante storia italiana. Questa volta del tutto canavesana. Una storia legata alla mancata valorizzazione dei siti e degli edifici storici di particolare pregio dei quali il Canavese è particolarmente ricco. Nell’arco di un solo anno i turisti che hanno visitato il castello ducale di Agliè sono diminuiti di ben 17 mila unità. Più che di un calo si tratta di un vero r proprio crollo verticale, con inevitabili conseguenze sull’economia del paese e sui costi di mantenimento del pregevole castello sabaudo. Sono ormai lontani i tempi in cui il seguitissimo sceneggiato televisivo “Elisa di Rivombrosa” diretto da Cinzia TH Torrini e interpretato da Vittoria Puccini e Alessandro Preziosi, aveva rinverdito i fasti del castello ducale e del borgo storico alladiese.

I numeri fotografano una situazione a dir poco sconfortante: nel 2014 il numero dei turisti ammontava a 69mila 929 contro i 52mila 844 del 2015. E l’ingresso gratuito ogni ultima domenica di ogni mese, voluto dal ministero Dario Franceschini non ha di fatto migliorato la situazione. Soprattutto quella economica se si considera che i visitatori che hanno pagato il biglietto sono stati 24mila 207 contro i 28mila 637 che non hanno pagato. In sostanza l’amministrazione del castello ducale di Agliè ha registrato un incasso lordo di 73mila ero. L’anno precedente, nel 2014, si era attestato intorno a 102 mila euro circa. Le concause che possono aver determinato il drastico calo di turisti possono essere addebitati al fatto nei mesi di novembre e dicembre l’edificio non era visitabile.

Al fatto che una volta esaurite il monte ore di straordinario di dipendenti non hanno garantito la regolare apertura della residenza costretta a una chiusura imprevista e forzata dei cancelli. Lo stesso è accaduto per lo splendido parco dato che i fondi per la manutenzione straordinaria e ordinaria non ci sono. E poi, in definitiva, si chiudono i monumenti perchè non ci sono i soldi per pagare spese e dipendenti. Meglio che rimangano chiusi e vadano in rovina, specchio di un Paese che col turismo potrebbe vivere e si autocondanna a dipendere da comparti produttivi sempre più in crisi. Anche questa è Italia. Purtroppo.

Dov'è successo?

26/01/2022 

Cronaca

Carceri: su 4mila detenuti oltre mille sono stati positivi al Covid. Il garante: “Sistema inadeguato”

“Su 3.700 posti e una presenza reale di oltre 4.000 persone, sono stati più di 1.000 […]

leggi tutto...

26/01/2022 

Sanità

Covid in Piemonte, contagi stabili: oggi sono oltre 14 mila. 12 i decessi e oltre 17mila i guariti

LA SITUAZIONE DEI CONTAGI IN PIEMONTE Alle 16,30 di oggi, mercoledì 26 gennaio, l’Unità di Crisi […]

leggi tutto...

26/01/2022 

Cronaca

Smog: torna il semaforo verde nei comuni di Chivasso, Ciriè, Poirino, Rivarolo e San Maurizio

Da domani, giovedì 27 gennaio fino a venerdì 28, giorno in cui Arpa verificherà il perdurare dei fenomeni di […]

leggi tutto...

26/01/2022 

Cronaca

Il ciclista Bernal grave dopo un incidente: Claudio Leone: “Ti aspettiamo per la tappa del Giro”

È stabile ma ancora in gravi condizioni di salute il campione di ciclismo colombiano che nella […]

leggi tutto...

26/01/2022 

Cronaca

Ivrea: nascondevano in casa oltre mezzo chilogrammo di droga. In manette un italiano e una colombiana

Nei giorni scorsi il personale del Commissariato di Ivrea nel corso di un’operazione di polizia giudiziaria […]

leggi tutto...

26/01/2022 

Cronaca

Previsioni del tempo: fine settimana di maltempo al Centro-Sud. Da domenica, però, tornerà il bel tempo

Ecco le previsioni del tempo elaborate dal centrometeoitaliano.it Tutti i principali modelli mostrano una blanda saccatura […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy