22/07/2016

Economia

Agliè: crolla il numero dei visitatori al castello ducale. Ben diciassettemila mila in un solo anno

Agliè

/
CONDIVIDI

Un’altra brutta e sconfortante storia italiana. Questa volta del tutto canavesana. Una storia legata alla mancata valorizzazione dei siti e degli edifici storici di particolare pregio dei quali il Canavese è particolarmente ricco. Nell’arco di un solo anno i turisti che hanno visitato il castello ducale di Agliè sono diminuiti di ben 17 mila unità. Più che di un calo si tratta di un vero r proprio crollo verticale, con inevitabili conseguenze sull’economia del paese e sui costi di mantenimento del pregevole castello sabaudo. Sono ormai lontani i tempi in cui il seguitissimo sceneggiato televisivo “Elisa di Rivombrosa” diretto da Cinzia TH Torrini e interpretato da Vittoria Puccini e Alessandro Preziosi, aveva rinverdito i fasti del castello ducale e del borgo storico alladiese.

I numeri fotografano una situazione a dir poco sconfortante: nel 2014 il numero dei turisti ammontava a 69mila 929 contro i 52mila 844 del 2015. E l’ingresso gratuito ogni ultima domenica di ogni mese, voluto dal ministero Dario Franceschini non ha di fatto migliorato la situazione. Soprattutto quella economica se si considera che i visitatori che hanno pagato il biglietto sono stati 24mila 207 contro i 28mila 637 che non hanno pagato. In sostanza l’amministrazione del castello ducale di Agliè ha registrato un incasso lordo di 73mila ero. L’anno precedente, nel 2014, si era attestato intorno a 102 mila euro circa. Le concause che possono aver determinato il drastico calo di turisti possono essere addebitati al fatto nei mesi di novembre e dicembre l’edificio non era visitabile.

Al fatto che una volta esaurite il monte ore di straordinario di dipendenti non hanno garantito la regolare apertura della residenza costretta a una chiusura imprevista e forzata dei cancelli. Lo stesso è accaduto per lo splendido parco dato che i fondi per la manutenzione straordinaria e ordinaria non ci sono. E poi, in definitiva, si chiudono i monumenti perchè non ci sono i soldi per pagare spese e dipendenti. Meglio che rimangano chiusi e vadano in rovina, specchio di un Paese che col turismo potrebbe vivere e si autocondanna a dipendere da comparti produttivi sempre più in crisi. Anche questa è Italia. Purtroppo.

Dov'è successo?

01/02/2023 

Cronaca

Leinì: guida senza patente e alla vista dei vigili fugge. Multa di 7mila euro a un 50enne volpianese

Leinì: guida senza patente e alla vista dei vigili fugge. Multa di 7mila euro a un […]

leggi tutto...

01/02/2023 

Lavoro

Ivrea: su Ray Play lo sceneggiato che racconta la vita imprenditoriale di Adriano Olivetti

Ivrea: su Ray Play lo sceneggiato che racconta la vita imprenditoriale di Adriano Olivetti E’ possibile […]

leggi tutto...

01/02/2023 

Sport

Scompenso cardiaco: il Lions Club Alto Canavese e l’Inner Wheel Club Cuorgnè e Canavese supportano un progetto pilota dell’Asl T04

Scompenso cardiaco: il Lions Club Alto Canavese e l’Inner Wheel Club Cuorgnè e Canavese supportano un […]

leggi tutto...

01/02/2023 

Cronaca

Il Santuario di Belmonte ricorda il mitico Fra Luigi, il francescano che aiutò i bisognosi per 55 anni

  Il Santuario di Belmonte ricorda, sulla pagina social, Antonio Ferrero, conosciuto con il nome di […]

leggi tutto...

01/02/2023 

Sanità

Ospedale di Chivasso, si potenzia l’integrazione con il territorio in fase di dimissione

Come rappresentato nel Comitato dei Sindaci del Distretto Chivasso-San Mauro di giovedì scorso, ieri, martedì 1° […]

leggi tutto...

01/02/2023 

Sanità

Il Chivassese si mobilita per il suo ospedale. Il sindaco Castello scrive al presidente Cirio

Il Chivassese si mobilita per il suo ospedale. Il sindaco Castello scrive al presidente Cirio C’erano […]

leggi tutto...
Privacy Policy Cookie Policy