17/11/2015

Politica

A Chivasso una fermata del treno ad alta velocità per l’accesso al Canavese, Val d’Aosta e il Monferrato

Chivasso

/
CONDIVIDI

Il progetto, firmato dall’associazione chivassese “Identità Comune”non è nuovo: da anni il sodalizio presieduto da Carlo Fontana, propone all’Amministrazione chivassese e alla regione Piemonte l’istituzione di una porta d’accesso ferroviaria per il Chivassese, il Canavese e il Monferrato lungo la tratta ad alta velocità che collega Torino a Milano.

Rimasta inascoltata per anni, la proposta inizia a raccogliere consensi tra diversi sindaci che amministrano alcuni comuni del territorio Chivassese e del Canavese, primo fra tutti il primo cittadino di Chivasso Libero Ciuffreda che invita i colleghi a fare fronte unico. La nuova stazione dovrebbe chiamarsi “Porta Canavese-Monferrato” e costituirà un nodo centrale per le comunicazioni per il Canavese, la Valle d’Aosta e il Monferrato, notoriamente mal servite dal trasporto ferroviario. L’interscambio ferroviario dovrebbe sorgere in zona Baraggino, proprio di fronte all’ex stabilimento Lancia e a due passi dell’uscita autostradale Torino-Milano. Costo dell’opera? 3 milioni di euro che potrebbero essere coperti dai fondi destinati dalla regione per la realizzazione dell’ex Lunetta, un progetto che avrebbe dovuto favorire la comunicazione tra le linee Chivasso-Aosta e Torino e Milano.

La cosa interessa i sindaci della collina chivassese e il primo cittadino di Casale Monferrato Giorgio De Mezzi. La stazione dovrebbe essere sopraelevata, comodamente raggiungibile con l’ausilio di capaci ascensori e disporre di ampi parcheggi. Il progetto è stato illustrato di recente in una conferenza che ha avuto luogo nella sala consigliare del Comune di Chivasso e alla quale ha partecipato anche l’assessore regionale ai Trasporti Francesco Balocco.

La costruzione della stazione intermodale sulla linea ad alta velocità che collega Torino a Milano, consentirebbe ai passeggeri diretti in Canavese, Valle d’Osta e nel Monferrato di poter raggiungere le località desiderate senza dover perdere diverse ore per effettuare cambi di treno. L’atro positivo aspetto sarebbe costituito dal fatto che la realizzazione dell’opera, potrebbe costituire una valida occasione per il rilancio economico di un territorio particolarmente penalizzato dalla crisi recessiva.

Dov'è successo?

16/07/2021 

Sanità

Effetto Green pass: oggi oltre 20 mila vaccinazioni. Il governatore Cirio: “Così si salvano vite”

Effetto Green Pass anche in Piemonte. Sono state oltre 20.000 nella sola giornata di oggi, venerdì […]

leggi tutto...

23/07/2021 

Cronaca

Chivasso: educatrice positiva al Covid. Chiuso il centro estivo alla scuola Mazzucchelli

Da oggi, venerdì 23 luglio e fino a lunedì 26 luglio, il centro estivo della scuola […]

leggi tutto...

23/07/2021 

Cronaca

Covid in Piemonte: oggi 140 nuovi contagi su oltre 18mila tamponi. Nessun decesso e 29 guariti

LA SITUAZIONE DEI CONTAGI IN PIEMONTE Alle 16,30 di oggi, venerdì 23 luglio, l’Unità di Crisi […]

leggi tutto...

23/07/2021 

Sport

San Francesco: poker di campioni nella velocità. Al Velodromo i Campionati regionali paralimpici

Con il Trofeo Autotrasporti Mascarello si sono chiusi nella serata di ieri, mercoledì 21 luglio, i […]

leggi tutto...

23/07/2021 

Eventi

Ceresole Reale: la diga compie novant’anni. Iren e Comune organizzano una grande festa

“Ceresole Reale, 90 anni di energia” è il titolo evocativo scelto da Iren per la giornata […]

leggi tutto...

23/07/2021 

Cronaca

Ivrea, investe con l’auto un ciclista e fugge. Nei guai 25enne di Piverone. Vittima in prognosi riservata

I carabinieri della Compagnia di Ivrea hanno denunciato alla locale Procura della Repubblica un giovane automobilista, […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy