26/04/2022

Cronaca

25 aprile a Cuorgnè: grande partecipazione per il 77° Anniversario della Liberazione

CONDIVIDI

Grande partecipazione a Cuorgnè per la commemorazione del 77° Anniversario della Liberazione. La commemorazione ha avuto inizio con la deposizione di una corona di alloro al Campo della Gloria al Cimitero. Il diacono Roberto Ronchietto ha ricordato: “Nel ’45, mia madre aveva 11 anni e gli occhi di un bambino pieni di paura. Come si fa a togliere la paura? Togliendo la guerra. Ė semplice. Togliamo l’egoismo e scompare il male”. Il corteo è poi proseguito per la deposizione di una corona di alloro davanti al Monumento ai Caduti di Piazza Risorgimento e con i discorsi delle autorità nel cortile della scuola elementare.

Il sindaco Giovanna Cresto nel suo discorso ha voluto inviare due distinti messaggi: il primo, un richiamo alla pace e al compito di ogni cittadino e amministratore nel vigilare con forza per la difesa della libertà e della democrazia. Il secondo messaggio è stato rivolto ai giovani, che non hanno bisogno di monologhi ma di esempi: di onestà, di coerenza, di altruismo, di coraggio nel prendere posizioni, anche scomode o impopolari. “A noi adulti il compito di permettere ai giovani di diventare e restare sempre uomini liberi, pronti a difendere la libertà e la dignità”.

Il Presidente dell’Anpi di Cuorgnè, Roberto Rizzi, ha ricordato nel suo intervento il principio fondamentale della nostra Carta costituzionale, che ripudia la guerra. L’azione cui si è chiamati è di operare perché in Europa non nascano nuove forze che ripercorrano le strade violente e militariste del passato. Per questo il motto del 25 aprile 2002 non è solo “Ora e sempre resistenza” ma anche “Ora e sempre, pace e non guerra”.

La mattinata si è conclusa con il momento tanto atteso dai ragazzi che sono intervenuti numerosi accompagnati anche dai loro insegnanti per la premiazione del concorso di scrittura “Dall’Olocausto alla Libertà”. Sono stati premiati i primi tre temi classificati per ogni classe dalla 5° elementare alla terza media. I ragazzi primi classificati hanno anche letto i loro elaborati: Corinna Orso Giacone (V° elementare La Clochette), Carlotta Boccardo (1° media), Beatrice Targa (2° media), Viola De Venuto (3° media). Il premio per la Classe con il maggior numero di partecipanti è stato assegnato alla 2° A.

Infine, è stata assegnata la menzione speciale alla poesia di Andrea Agasi, 11 anni, dal titolo “Il bambino sul trenino” premiato da Renzo Savio, partigiano, temerario testimone e nostra memoria.

L’Amministrazione comunale ha rivolto un ringraziamento particolare e doveroso all’Anpi, alle Associazioni presenti, alle Forze dell’Ordine, alla Polizia Municipale e ai volontari della Protezione civile, all’Accademia “Filarmonica dei Concordi” di Cuorgnè e ai tanti ragazzi e agli insegnanti che hanno partecipato.

05/02/2023 

Sanità

Asl T04: siglato l’accordo tra azienda e sindacati sull’orario di lavoro degli operatori socio sanitari

Asl T04: siglato l’accordo tra azienda e sindacati sull’orario di lavoro degli operatori socio sanitari Nella […]

leggi tutto...

05/02/2023 

Cronaca

“Aspetti un bambino? Non sei sola”: la campagna di comunicazione di “Vita Nascente”

“Aspetti un bambino? Non sei sola”: la campagna di comunicazione di “Vita Nascente” “Aspetti un bambino? […]

leggi tutto...

05/02/2023 

Cronaca

Elettrificazione Rivarolo Pont. Pezzetto, presidente della 5T: “Puntiamo sulla metropolitana leggera”

Elettrificazione Rivarolo Pont. Pezzetto, presidente della 5T: “Puntiamo sulla metropolitana leggera” “Con soddisfazione ho appreso che […]

leggi tutto...

05/02/2023 

Cronaca

E’ emergenza acqua in Canavese. La Coldiretti: “I bacini idroelettrici devono soccorrere l’agricoltura”

E’ emergenza acqua in Canavese. La Coldiretti: “I bacini idroelettrici devono soccorrere l’agricoltura” Il cambiamento climatico […]

leggi tutto...

04/02/2023 

Cronaca

L’Ordine dei Giornalisti compie 60 anni. Il presidente Tallia: “Senza riforme la libertà di stampa è un’utopia”

Il 3 febbraio 1963 nasceva l’Ordine dei Giornalisti. 60 anni dopo un incontro dal titolo “Il […]

leggi tutto...

04/02/2023 

Cronaca

Piemonte e Valle d’Aosta, guidavano ubriachi e drogati. In un mese la Polstrada ne ha beccati 163

Piemonte e Valle d’Aosta, guidavano ubriachi e drogati. In un mese la Polstrada ne ha “beccati” […]

leggi tutto...
Privacy Policy Cookie Policy