Disastro ferroviario di Caluso: 30 milioni per sopprimere i passaggi a livello della Torino-Aosta

08/06/2018

CONDIVIDI

L'assessore regionale ai Trasporti Francesco Balocco sta imprimendo una forte accelerazione alla procedura che consentirà di eliminare i caselli ferroviari, inutili e pericolosi

Ci voleva il morto, anzi due nel caso del disastro ferroviario che si è verificato 2 settimane fa al passaggio a livello di Caluso, per riportare alla ribalta la pericolosità dei tanti passaggi a livello che costellano la tratta ferroviaria Torino-Aosta: ai 5 milioni stanziati di Fondi Strutturali previsti nel Contratto di Programma e ai 5 milioni stanziati dalla Regione Piemonte si aggiungono i 20 milioni di euro che Rfi impegnerà per l’eliminazione degli attraversamenti ferroviari.

Trenta milioni complessivi che saranno destinati nel più breve tempo possibile a rendere maggiormente sicura e affidabile la linea ferroviaria. L’assessore regionale ai Trasporti Francesco Balocco non nasconde la propria personale soddisfazione per il risultato conseguito. Ma non è tutto: l’amministratore regionale ha inoltre richiesto al Rfi che i fondi stanziati in passato per la realizzazione della Lunetta Ferroviaria di Chivasso e quello che non sono ancora stati investiti nell’Accorso di Programma Quadro siano utilizzati per i sopprimere ulteriori passaggi a livello, sulla scorta di quanto già avvenuto nel comune di Brandizzo.

Per far questo è necessaria l’approvazione della Regione Valle d’Aosta. Entro il 2019 sarà possibile utilizzare i fondi: per questa ragione si sta accelerando per perfezionare il protocollo d’intesa tra i comuni interessati, la Città Metropolitana, l’Anas e il Bacino Imbrifero Montano.

Per procedere alla soppressione di tutti i passaggi a livelli ferroviaria è necessario che l’Anas stanzi i 39 milioni di euro necessari per la realizzazione della variante di Borgofranco d’Ivrea, nodo gordiano della tratta ferroviaria Torino-Aosta. Su questo punto l’assessore Francesco Balocco ha manifestato la sua intenzione di insistere affinchè si proceda al più presto con la risoluzione del problema.

Dov'è successo?

Leggi anche

16/10/2018

Cuorgnè: domenica 21 ottobre “Gran Castagnata” e “Passerella Cinofila” in piazza Martiri

Con l’arrivo dell’Autunno tornano in Canavese le tradizionali “Castagnate”: domenica 21 ottobre sarà la volta di […]

leggi tutto...

Canavese

/

16/10/2018

Trapianto di polmoni a cuore fermo al “Maria Vittoria”. Il donatore è un 40enne canavesano

Primato all’ospedale Maria Vittoria di Torino: l’équipe chirugica diretta dal professor Emilpaolo Manno ha eseguito, oggi, […]

leggi tutto...

Chivasso

/

16/10/2018

Chivasso: dopo quattro anni riapre nel 2019 la sede Inps. Il sindaco Castello: “Stop ai disagi”

Nel 2015, la notizia della chiusura della sede Inps di via Demetrio Cosola a Chivasso, fu […]

leggi tutto...