22/11/2021

Cronaca

Variante Lombardore-Salassa, 21 sindaci scendono in campo: “Si realizzi la Pedemontana”

CONDIVIDI

Ma prima d’oggi il territorio dei 21 comuni del canavese occidentale si è visto così coeso e determinato. Il 18 novembre presso il palazzo Regionale, presidenza Alberto Cirio, il comitato del Sì ed il presidente di Asco Maurizio Giacoletto, hanno consegnato agli assessori regionali: Andrea Tronzano “Attività produttive”, Marco Gabusi “infrastrutture”, Maurizio Marrone “Semplificazione”, il documento con le firme dei 21 sindaci dei comuni favorevole alla creazione della pedemontana del canavese. Corio, Rocca Canavese, Levone, Forno, Rivara, Busano, San Ponso, Oglianico, Salassa, San Maurizio Canavese, Front, Rivarossa, Barbania, Vauda Canavese, San Carlo Canavese, Lombardore, San Francesco al Campo, Favria, Pertusio e Valperga). Presenti all’incontro il sindaco di front Andrea Perino, il sindaco di Levone Massimiliano Gagnor, il consigliere comunale di Rivarossa Fabrizio Morutto ed il presidente CNA Ivrea Nicola Ziano.

Un progetto che ha radici lontane, ma sempre più attuali sottolinea l’assessore regionale Mauro Fava. Il Comitato spontaneo delle aziende territoriali per il Sì ed UNISA, commenta Fabrizio Rosboch, hanno da sempre supportato e animato il progetto storico con continuità e vigore. Sono noti i disagi della viabilità pesante e dei lavoratori pendolari, costretti ad affrontare inutili code e ritardi causati da mezzi puntualmente bloccati. Il comitato del Sì, infatti, affonda le sue radici nelle comunità ed in tutte le associazioni di categoria degli aderenti, quali Api, Unione Industriale Ivrea, CNA, UNISA. La natura strategica dell’infrastruttura per il territorio ha ottenuto trasversalmente l’appoggio di tutti i sindaci. Le ragioni del sì all’opera si sono svolte coinvolgendo tutte le parti economiche e sociali nel dialogo e nel pieno rispetto delle esigenze delle categorie.

La Regione Piemonte con l’ausilio della città metropolitana ha infatti stanziato fondi per rivedere il progetto allo lo scopo di minimizzare ogni possibile impatto. Positivo anche l’incontro avuto presso Città metropolitana il 16 giugno alla presenza del consigliere regionale Alberto Avetta. “Siamo fiduciosi nel vedere le istituzioni ed il territorio collaborare ed impegnarsi per un beneficio comune di tutto il tessuto sociale – il commento conclusivo dei sindaci -. Siamo forse di fronte ad una vera prova di maturità, il tutto al di là di ogni interesse di parte”.

06/12/2021 

Sanità

Covid in Piemonte: oggi 776 nuovi contagi e cinque decessi. I letti occupati sono 500. 483 i guariti

LA SITUAZIONE DEI CONTAGI IN PIEMONTE Alle 16,45 di oggi, lunedì 6 dicembre, l’Unità di Crisi […]

leggi tutto...

06/12/2021 

Cultura

Busano: in due libri le vicende delle famiglie Marchetto, protagoniste della storia del paese

Ha avuto luogo domenica 5 dicembre alle ore 16,30 presso il Salone Polivalente di Busano, la […]

leggi tutto...

06/12/2021 

Cronaca

Nasce lo Sportello Energia Piemonte. Sosterrà i cittadini negli interventi energetici nelle abitazioni

È nato lo Sportello Energia che, aiutando a rispondere alle domande ed ai dubbi di chi […]

leggi tutto...

06/12/2021 

Cronaca

Volpiano, consegnati dal sindaco Panichelli gli attestati del “Piemonte gentile e cortese”

Sabato 4 dicembre il sindaco di Volpiano Giovanni Panichelli ha consegnato gli attestati per la Giornata […]

leggi tutto...

06/12/2021 

Cronaca

Da oggi entra in vigore il super green pass: ecco come, dove e quando usare il certificato verde

Da oggi, lunedì 6 dicembre entra in vigore il super green pass. Ma cosa cambia in […]

leggi tutto...

06/12/2021 

Cronaca

Ivrea, i sindaci dell’Alto Canavese: “Il nuovo ospedale va costruito vicino all’autostrada”

Numerosi sindaci del Canavese occidentale e della Val Chiusella, ricevuta notizia che nella prossima Conferenza dei […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy