07/01/2021

Cronaca

Scorie radioattive in Canavese, la Lega: “Il Governo cancelli i Comuni dalla lista nera”

CONDIVIDI

Per i deputati della Lega è uno scriteriato rigurgito centralista, per la Regione frutto di una decisione assunta senza confronto, per i sindaci è irricevibile mentre la cittadinanza si sta già muovendo con gruppi social e petizioni. Queste le reazioni con la quale è stata accolta la notizia che l’area Rondissone-Mazzè-Caluso figura tra le 67 zone individuate come “aree potenzialmente idonee” che potranno ospitare il Deposito nazionale dei rifiuti radioattivi italiani.
“Non abbiamo perso tempo – commenta il consigliere regionale Andrea Cane, delegato agli Enti locali piemontesi per la Lega – predisponendo e divulgando un ordine del giorno che tutti i Comuni del territorio potranno usare come traccia per fare richiesta al Governo di rimuovere il Canavese e le Terre dell’Erbaluce dalla lista delle ‘Cnapi’ la Carta delle aree che potranno ospitare il Deposito nazionale dei rifiuti radioattivi italiani”.

Il consigliere regionale canavesano precisa di aver redatto un Ordine del Giorno anche per il Consiglio Regionale al fine di richiedere che sia riattivato un confronto in Parlamento, come chiesto anche da un’interrogazione dell’onorevole della Lega Giglio Vigna alla Camera dei Deputati.

“Ritengo vergognoso che i sindaci e gli enti locali siano stati sorpresi dall’alto senza essere stati informati prima – aggiunge Andrea Cane -. Pessimo esempio di anti-federalismo, ennesimo sberleffo ai territori da parte di un Governo cadregaro che oramai rappresenta solo più il proprio istinto di sopravvivenza”.

“Regioni e i Comuni interessati – prosegue il consigliere leghista canavesano Claudio Leone, che presiede la Commissione che si occupa di Turismo a Palazzo Lascaris – non sono stati coinvolti, non si è tenuto in alcuna considerazione il patrimonio turistico, naturale ed enogastronomico delle Terre dell’Erbaluce. La zona individuata inoltre subisce già lo smog causato dagli svincoli della A4 per il polo logistico di Amazon, le discariche di Chivasso e Torrazza, la centrale a biomasse dell’ex Lancia, il deposito dello smarino della Tav a Torrazza e la possibile creazione di un impianto di produzione di biometano e compost nell’area ex Edilias, rappresentano di per sé delle problematiche ed irrisolte emergenze ambientali, alle quali non può e non deve essere assolutamente aggiunta anche la creazione di un sito di stoccaggio di rifiuti nucleari”.

“La Lega Salvini Piemonte non permetterà – concludono Andrea Cane e Claudio Leone – che il Canavese venga usato dal Governo come discarica. Questo è il primo atto di una serie di iniziative che prenderemo in ogni sede istituzionale, per evitare che i nostri territori, invece di vedere la luce in fondo al tunnel della pandemia, divengano un nuovo immondezzaio transpadano dove Roma andrà a collocare ciò che risulta scomodo alle regioni governate da forze amiche”.

03/12/2022 

Cronaca

Chivasso: allo studio del Comune un piano anti-neve per scongiurare possibili emergenze

In vista della stagione invernale, al Comune di Chivasso si è tenuta una riunione di programmazione […]

leggi tutto...

02/12/2022 

Economia

Rivarolo: il negozio “Adelina Intim Chic” chiude dopo 50 anni. Addio agli anni “ruggenti”

Lo scorso venerdì l’esercizio commerciale “Adelina Intim Chic” di Rivarolo ha definitivamente abbassato le serrande, ponendo […]

leggi tutto...

02/12/2022 

Eventi

Settimo Vittone: scialli e scaldagambe con “La Gomitolosa” agli anziani della casa di riposo

Un pomeriggio all’insegna delle tradizioni, tanto care ai nostalgici e ai curiosi di riscoprire un passato […]

leggi tutto...

02/12/2022 

Cronaca

La variante Lombardore-Front si farà: a fine gennaio 2023 nuovo confronto con i sindaci canavesani

La variante Lombardore-Front si farà. I fondi per la realizzazione del primo Lotto ci sono, come […]

leggi tutto...

02/12/2022 

Cronaca

A Chivasso potenziata la connessione: anche Palazzo Einaudi collegato alla rete wifi pubblica

Nuova installazione di reti wi-fi pubbliche e gratuite nella Città di Chivasso. Tre nuovi hotspot nel […]

leggi tutto...

02/12/2022 

Cronaca

A Castellamonte, Cuorgnè e Lanzo in funzione i “Bike Box” per agevolare la mobilità sostenibile

A Castellamonte, Cuorgnè e Lanzo stanno per entrare in funzione tre nuovi Bike Box realizzati nell’ambito […]

leggi tutto...
Privacy Policy Cookie Policy