16/07/2021

Cronaca

Samone: falsi vigili urbani e dipendenti acquedotto derubano anziana. Arrestati due uomini

CONDIVIDI

I carabinieri della Compagnia di Ivrea hanno tratto in arresto, in flagranza di reato, due cittadini di etnia sinti: R.L. di anni 43, celibe, operario, pregiudicato e R.R. di anni 39, celibe, disoccupato, pregiudicato, fuggiti a bordo di un’autovettura dopo aver con artifici e raggiri sottratto ad una anziana donna, all’interno del suo appartamento, una cassaforte contenente gioielli e preziosi di famiglia.

E’ accaduto la scorsa mattina, nel territorio del Comune di Samone,  quando i Carabinieri della Centrale Operativa della Compagnia di Ivrea sono stati allertati a seguito di un furto effettuato all’interno di una abitazione, dove era stata segnalata la presenza di alcuni soggetti che, qualificatisi come dipendenti dell’acquedotto comunale e appartenenti alla polizia locale, con pretesto di dover verificare la presenza di metalli nelle condutture, dopo essersi introdotti nell’appartamento ed aver distratto l’anziana donna, asportavano una piccola cassaforte contenente denaro e numerosi gioielli, dandosi alla fuga alla guida di una autovettura di colore scuro.

Dopo aver prontamente attivato le pattuglie in servizio perlustrativo nella giurisdizione, un equipaggio del Nucleo Radiomobile ha intercettato subito dopo, lungo la strada provinciale 222, il veicolo sospetto, con a bordo due soggetti che tentavano di allontanarsi a velocità sostenuta, e si sono posti immediatamente al loro inseguimento.

Ne è scaturita una rocambolesca fuga che si è protratta per diversi chilometri. I fuggitivi, giunti in prossimità del Comune di Banchette, hanno improvvisamente urtato contro un muretto sul ciglio della strada, abbandonando il mezzo e provando a dileguarsi a piedi. Gli uomini dell’Arma li hanno inseguiti, raggiunti e arrestati.

All’interno dell’auto è stata rinvenuta la cassaforte in precedenza sottratta con tutta la refurtiva (gioielli, preziosi e contanti, per un valore complessivo superiore ai 50 mila euro), nonché variegati attrezzi da scasso, pettorine e segni distintivi della polizia locale, parrucche, targhe, ricetrasmittenti e spray urticanti al peperoncino.

I due sinti sono stati condotti presso il carcere di Ivrea, in attesa dell’udienza di convalida fissata per i prossimi giorni.

25/06/2022 

Economia

Agliè: la Hitherm festeggia i 10 anni di attività con un concorso artistico. In giuria Vittorio Sgarbi

Dieci anni di attività celebrati con un grande concorso premiato da una giuria presieduta dal noto […]

leggi tutto...

25/06/2022 

Cronaca

Chivasso: dopo essere diventato il re dei social, a Khaby Lame la cittadinanza italiana

Vive a Chivasso da oltre vent’anni, è diventato grazie al suo intuito e alla sua abilità […]

leggi tutto...

25/06/2022 

Cronaca

Pont Canavese: escursionista precipita per venti metri nella strada ferrata e finisce al Cto

Un altro incidente in montagna e più precisamente sulla strada ferrata di Pont Canavese. Protagonista dell’incidente, […]

leggi tutto...

25/06/2022 

Eventi

San Francesco al Campo, il presidente della Regione Cirio visita il “Velodromo Francone”

Venerdì 24 giugno il presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio ha visitato il “Velodromo Francone” di […]

leggi tutto...

25/06/2022 

Cronaca

Previsioni del tempo: domani, domenica 26 giugno, torna l’instabilità in Piemonte e Canavese

Queste le previsioni del tempo per domani, domenica 26 giugno, elaborate dal centrometeoitaliano.it: AL NORD Al […]

leggi tutto...

24/06/2022 

Economia

Svolta all’Enasarco, il neopresidente Alfonsino Mei: “La Fondazione sia la casa di tutti”

Giovedì 23 giugno, per la prima volta nel corso dell’attuale consiliatura, il presidente Alfonsino Mei ha […]

leggi tutto...
Privacy Policy Cookie Policy