16/11/2022

Cronaca

Moria di pesci a Chivasso: la morte non è dovuta all’inquinamento, ma alla mancanza di ossigeno

Chivasso

/
CONDIVIDI

Le prime analisi dei campioni d’acqua prelevate nel Parco Sabbiunè di Chivasso effettuate nei laboratori dell’Arpa, non evidenziano la presenza di alcun inquinante chimico che possa dar luogo alla moria e all’elevata densità di pesci (tinche, pescigatto, carpe) osservata nel tratto finale del Rio Orchetto, che a poche decine di metri a monte della confluenza con il Po risulta in secca.

L’unico parametro nell’acqua, oltre all’ammonica che è prodotta dal metabolismo dei pesci intrappolati nel Rio, che risulta diverso dal corso fluviale del Po è l’ossigeno disciolto; infatti nell’acqua del fiume la concentrazione attuale corretta è di 7,0 mg/l mentre nel Rio si evidenzia una drastica riduzione fino a 0,5 mg/l, concentrazione questa che è causa della moria per asfissia dei pesci e del anomalo comportamento che fa sì che la fauna ittica si porti in superfice nel tentativo di integrare la respirazione branchiale con l’aerazione forzata. L’assenza dell’ossigeno è causata dall’elevato consumo da parte dei pesci che sono intrappolati in questo canale. Il canale infatti “funziona da pozza di svernamento pre invernale”, ovvero un luogo nel quale i pesci trovano rifugio grazie ad una temperatura lievemente superiore a quella del fiume.

La ricerca naturale da parte della fauna ittica di pozze per lo svernamento nel fiume Po è un comportamento normale in questo periodo dell’anno; purtroppo, la minor disponibilità idrica a seguito del periodo siccitoso estivo, ha ridotto il numero e la profondità delle pozze naturali esistenti nel fiume inducendo la ricerca di habitat idonei allo svernamento che sono stati trovati in questo tratto finale del Rio Orchetto, Rio artificializzato, che di fatto rappresenta una trappola mortale.

Compresa la dinamica del fenomeno domani verranno poste in atto da ittiologi e personale della Città Metropolitana di Torino, del Comune di Chivasso e dell’Arpa, azioni volte a tentare di riportare nel fiume i pesci e successivamente ad impedire l’accesso al tratto finale del Rio Orchetto con il posizionamento di una rete.

02/12/2022 

Economia

Rivarolo: il negozio “Adelina Intim Chic” chiude dopo 50 anni. Addio agli anni “ruggenti”

Lo scorso venerdì l’esercizio commerciale “Adelina Intim Chic” di Rivarolo ha definitivamente abbassato le serrande, ponendo […]

leggi tutto...

02/12/2022 

Eventi

Settimo Vittone: scialli e scaldagambe con “La Gomitolosa” agli anziani della casa di riposo

Un pomeriggio all’insegna delle tradizioni, tanto care ai nostalgici e ai curiosi di riscoprire un passato […]

leggi tutto...

02/12/2022 

Cronaca

La variante Lombardore-Front si farà: a fine gennaio 2023 nuovo confronto con i sindaci canavesani

La variante Lombardore-Front si farà. I fondi per la realizzazione del primo Lotto ci sono, come […]

leggi tutto...

02/12/2022 

Cronaca

A Chivasso potenziata la connessione: anche Palazzo Einaudi collegato alla rete wifi pubblica

Nuova installazione di reti wi-fi pubbliche e gratuite nella Città di Chivasso. Tre nuovi hotspot nel […]

leggi tutto...

02/12/2022 

Cronaca

Ivrea, il nuovo Polo Culturale nasce con la demolizione dell’ex Istituto “Cena”

L’Amministrazione comunale di Ivrea ha approvato il progetto di demolizione dell’ex Istituto Cena che si trova […]

leggi tutto...

02/12/2022 

Cronaca

Previsioni del tempo: in arrivo una nuova ondata di maltempo nel fine settimana. Le Info

Queste le previsioni del tempo per domani, sabato 3 dicembre, elaborate dal centrometeoitaliano.it: AL NORD Al […]

leggi tutto...
Privacy Policy Cookie Policy