31/08/2021

Cronaca

Leinì: lancio di 50 chili di riso a un matrimonio. Il parroco: “Sposi, portatevi un’impresa di pulizia”

CONDIVIDI

Basta con il lancio del riso sul sagrato della chiesta al termine della celebrazione dei matrimoni. In special modo dopo l’ultima funzione dove i partecipanti hanno usato ben 50 chilogrammi di riso. Succede a Leinì. Dopo l’ultimo matrimonio officiato dal sacerdote (parroco di Leinì e Mappano) nella chiesa leinicese, questi si è messo davanti al computer e ha scritto sui social un post al vetriolo: “È inutile nasconderci dietro a un dito o all’essere ipocriti. Ma i matrimoni in chiesa ormai di cristiano hanno ben poco. A cominciare dalle feste di addio al celibato e nubilato, con tanto di spogliarellista, sia per lei che per lui, sia chiaro, per par condicio, al lasciare la piazza della chiesa, dopo i festeggiamenti, in uno stato pietoso”.

Parole dure e pesanti come macigni che stanno a dimostrare come per il parroco don Pierantonio Garbiglia la misura sia ormai colma. L’ultimo matrimonio, peraltro si è svolto al limite del folclore più estremo con lo sposo che è giunto davanti alla chiesa a bordo di un carro allegorico e da due motrici di camion a mo’ di scorta a scorta della Rolls Royce sulla quale viaggiava la sposa.

“A volte mi chiedo se Leini sia vicino a Reggio Calabria o vicino a Courmayeur. No. Leini è a Leini”, scrive il parroco in un secondo post Facebook, dopo le polemiche sul primo. Ed è su questo post che il web si è diviso, in maniera così virulenta giudicando le affermazioni del sacerdote “inopportune” e discriminatorie” che don Pierantonio Garbiglia, dopo averlo cancellato ha dichiarato che le sue parole non volevano essere discriminatorie e si è scusato per aver pubblicato il post.

Ma in ogni caso il concetto di fondo rimane: “Quello che fa più male è essere trattati come schiavi. Essere servi è evangelico. Essere schiavi, no! Trattare da schiavi gli altri è quando qualcuno fa il padrone nella vita di altri o a casa di altri, anche nella casa e piazza della comunità e poi se ne va, quando in nome di “questa è l’offerta per la chiesa” ci si permette di lasciare degli spazi e ambienti, confronto i quali le stalle dei contadini arrossiscono. Lo so. È uno sfogo. È una partita persa e io passerò di nuovo come il “rompi”, come da otto anni, molti mi ritengono qui a Leinì. Non importa. Se non si parla, non si educa. È umiliante anche per i volontari, che appunto, sono volontari e non schiavi.

E d’ora in poi ‘Vuoi sposarti a Leinì? o a Mappano? Bene. Procuratevi un’impresa di pulizia che dopo il matrimonio pulisca chiesa e piazzale’”.

04/10/2022 

Sanità

Il Covid si evolve: arriva in Piemonte la sottovariante “Centaurus”, cinque volte più contagiosa

È stata scoperta nelle acque piemontesi ed è cinque volte più contagiosa rispetto alle altre varianti […]

leggi tutto...

04/10/2022 

Cronaca

Piemonte: oltre tre milioni per la copertura delle borse di studio e per la scuola pubblica e paritaria

Con la variazione di bilancio aumenteranno le coperture per le borse di studio universitarie e gli […]

leggi tutto...

04/10/2022 

Cronaca

Mobilità sostenibile: il Comune di Chivasso è al primo posto nella graduatoria nazionale

La Città di Chivasso fa parte dell’accordo di programma del progetto PASCAL (Percorsi Partecipati Scuola-Casa-Lavoro), siglato […]

leggi tutto...

04/10/2022 

Sport

Massimo Testa, presidente Ascom di Rivarolo Canavese, partecipa con successo all’Iron Man di Cervia

Ha scritto sul suo profilo di aver realizzato il sogno della vita, in realtà sicuramente ha […]

leggi tutto...

04/10/2022 

Cronaca

Previsioni meteo: tempo asciutto nella mattinata ma attenzione ai banchi di nebbia improvvisi

Queste le previsioni del tempo per mercoledì 5 ottobre, elaborate dal centrometeoitaliano.it: AL NORD   Tempo […]

leggi tutto...

04/10/2022 

Cronaca

“Le regole per crescere liberi”, istituzioni e studenti delle scuole di Volpiano a Capaci e Caccamo

Giovedì 29 settembre, nell’ambito del progetto “Le regole per crescere liberi” che promuove il tema della […]

leggi tutto...
Privacy Policy Cookie Policy