26/01/2021

Cronaca

Fiano, aveva trasformato un capannone in una serra per la coltivazione della cannabis. 33enne nei guai

CONDIVIDI

Aveva avviato un’illecita coltivazione di cannabis e per questa ragione un 33enne di Fiano è finito dei guai. Gli agenti della Squadra Mobile della Polizia di Stato ha scoperto che un pregiudicato C.A. 33 anni, residente a Fiano e già denunciato, nel 2018, per aver avviato un’illecita coltivazione di cannabis, aveva acquisito la disponibilità di un capannone, nei pressi del canale derivatore dell’Aem, e ne aveva trasformato l’interno per ricavare alcuni ambienti in cui riprendere l’attività di illecita coltivazione, al riparo da sguardi indiscreti.

Venerdì scorso, 22 gennaio, gli uomini della Sezione Antidroga della Squadra Mobile di Torino hanno effettuato un mirato servizio di appostamento nella zona. Gli investigatori hanno visto giungere un’autovettura, dalla quale è sceso l’uomo e, mentre questi si accingeva ad accedere a un magazzino, gli investigatori hanno tentato di fermarlo, ma il malvivente, alla vista degli agenti si è dato alla fuga a piedi, in direzione del canale, in prossimità del quale è stato successivamente raggiunto; prima di essere definitivamente bloccato è riuscito a gettare le chiavi del capannone nell’acqua.

Il portoncino del capannone, tuttavia, era già stato aperto nei frangenti precedenti; allorché gli agenti hanno fatto il loro ingresso, hanno potuto constatare che effettivamente era stato trasformato in un luogo per la coltivazione, la lavorazione ed il confezionamento di marijuana. All’interno del capannone, infatti, erano state allestite tre serre di grandi dimensioni, una zona per l’essiccazione delle piante e una per il confezionamento del prodotto finito. Ognuno di questi ambienti era inoltre dotato di tutte le attrezzature necessarie per svolgere la funzione cui era destinato (lampade per coltivazioni indoor, aeratori e ventilatori).

L’irruzione nel capannone ha consentito alla Polizia di sorprendere due complici del C.A., intenti ad occuparsi di alcune delle attività necessarie per la lavorazione ed il confezionamento della sostanza stupefacente. Costoro, identificati per i pregiudicati torinesi D.F. O. (di anni 48) e S.P. (di anni 51), venivano pertanto tratti in arresto unitamente al C.A.

L’operazione si è conclusa con il sequestro di circa 800 piante di cannabis, di alcuni chilogrammi di infiorescenze essiccate, delle attrezzature rinvenute all’interno del magazzino e di due automezzi (un furgone e un’autovettura) adoperati dagli arrestati per svolgere l’illecita attività.

26/09/2021 

Arte

L’Arte Urbana colora Rivarolo Canavese

Inside/Out è questo il titolo dell’iniziativa culturale che sta per approdare a Villa Vallero. Nella sede […]

leggi tutto...

26/09/2021 

Cronaca

Che brutta avventura a Porta Nuova: aggredita e derubata

Una donna sta attraversando le strisce pedonali nei pressi della stazione Porta Nuova quando, fermatasi sulla […]

leggi tutto...

26/09/2021 

Sport

Campionato di bike Trial ad Alpette, spettacolo a due ruote.

E’ in corso la quarta prova del campionato nazionale di Bike Trial ad Alpette. Dalle 9.30 […]

leggi tutto...

24/09/2021 

Economia

Cantieri di lavoro in Piemonte: dalla Regione 1,5 milioni di euro per i nuovi bandi. Ecco tutte le Info

Un’opportunità concreta di occupazione per le persone più svantaggiate e più deboli che affrontano il mercato del lavoro. […]

leggi tutto...

24/09/2021 

Sanità

Covid in Piemonte: oggi 213 nuovi contagi e tre decessi. Stabile la situazione nelle terapie intensive

LA SITUAZIONE DEI CONTAGI IN PIEMONTE Alle 16,45 di oggi, venerdì 24 settembre l’Unità di Crisi […]

leggi tutto...

24/09/2021 

Cultura

Al Castello Malgrà, domenica 26 “Blue Moon”, il gran concerto del Coro Polifonico Città di Rivarolo

Avrà luogo domenica 26 settembre alle 20,45 nella suggestiva cornice delle Ex Scuderie del Castello Malgrà […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy