12/05/2021

Cronaca

Esondazione del rio Levesa a Oglianico. Il Consorzio Irriguo precisa: “La gestione è demaniale”

CONDIVIDI

Un disastro annunciato. L’esondazione del rio Levesa a Oglianico a causa del nubifragio che nel tardo pomeriggio di ieri, martedì 11 maggio, su Valperga, Oglianico, Busano, Rivarolo Canavese e Salassa ha causato notevoli danni ai privati, danni che sono ancora in via di quantificazione. A causare lo straripamento dello scolmatore è stata una paratoia chiusa da chissà chi. In questo contesto il Consorzio Irriguo del torrente Orco, non c’entra nulla. Il rio è di proprietà demaniale (ossia della Regione Piemonte) che ha stanziato a sua volta 350mila euro destinati al Comune di Oglianico per provvedere alla manutenzione e alla gestione. Onorino Freddi, già sindaco del paese e da oltre dieci anni presidente del Consorzio irriguo intende fare chiarezza su quella esondazione che, comprensibilmente, ha inferocito i residenti delle abitazioni che si trovano nell’area allagata.

“Alle 14,00 di domenica ho provveduto personalmente ad alzare le paratoie del canale scolmatore onde evitare che potessero verificarsi criticità a causa delle precipitazioni piovose già preannunciate – spiega Onorino Freddi -. Qualcuno però ne ha abbassata una. E la pioggia abbondante che ha riempito il canale ha trascinato con sé anche alcune scale di legno e materiale depositato sul fondo che hanno fatto da tappo”.

Che in molti abbia puntato il dito nei confronti del Consorzio Irriguo è un fatto che a Onorino Freddi non va proprio giù. Il problema è duplice: presunta incuria a parte degli enti preposti alla vigilanza e alla gestione della roggia e la mancata realizzatore dello scolmatore di Valperga, finanziato dalla Regione 5 anni fa con uno stanziamento di 900 mila euro provenienti da fondi Europei e mai realizzato. “E’ una vicenda incomprensibile – continua il presidente del Consorzio Irriguo -. La scorsa amministrazione non si è attivata. La costruzione dello scolmatore di Valperga risolverebbe il problema delle esondazioni perché, va detto, in presenza di precipitazioni coì abbonanti in un lasso di tempo così breve, tutta l’acqua che cade sul colle di Belmonte si riversa nella roggia Levesa. Sarebbe auspicabile che l’attuale Amministrazione si attivasse per realizzare quest’opera così vitale.

È stato grazie al personale del Consorzio, intervenuto con un apposito mezzo, a sollevare la paratia chiusa – precisa ancora Onorino Freddi -. Lo abbiamo fatto anche per spirito di collaborazione e devo anche sottolineare il prezioso lavoro svolto dai volontari della Protezione Civile. È indubbio che le convenzioni sottoscritte vanno rispettate alla lettera. E appellarsi anche al buonsenso di tutto non è affatto inutile. Dispiace per coloro che hanno dovuto subite ingenti danni a causa dell’esondazione del rio, ma ogni soggetto coinvolto in questa vicenda, deve assumersi le proprie responsabilità”.

24/09/2022 

Cronaca

Chivasso: risolta l’anomalia dell’allarme antincendio. Riapre lunedì 26 la biblioteca Movimente

Dopo appena una settimana di stop, tornano ad essere fruibili i servizi della biblioteca civica di […]

leggi tutto...

24/09/2022 

Economia

Coldiretti: “Per la riserva della Vauda vogliamo un progetto per il turismo che non escluda l’agricoltura”

Un’area naturale ritrovata ma gestita in modo attivo dagli agricoltori. Coldiretti Torino accoglie con soddisfazione la […]

leggi tutto...

24/09/2022 

Appuntamenti

“Chivasso in Musica”: riprendono gli appuntamenti autunnali con concerti di alto livello

La rassegna “Chivasso in Musica”, patrocinata dalla Città Metropolitana di Torino, prevede quest’anno nei mesi autunnali […]

leggi tutto...

24/09/2022 

Sport

Successo per La Rivarolese e il Valperga nella ripresa del Campionato di calcio a 11 Uisp Ivrea-Canavese

È ripartito con il “botto” il campionato di calcio a 11 “Veterani” organizzata e gestita dal […]

leggi tutto...

23/09/2022 

Cultura

Il Coro “Città di Rivarolo” festeggia 50 anni di vita con il grandioso concerto “Et in Terra Pax”

Il Coro “Città di Rivarolo” in occasione dei festeggiamenti per il 50° anniversario della fondazione presenta, […]

leggi tutto...

23/09/2022 

Appuntamenti

“Vera tra le rocce”: alla rassegna “Incontro con l’autore” di Volpiano, il romanzo di Marco Sartori

Venerdì 30 settembre alle 21, alla biblioteca comunale di Volpiano (via Carlo Botta 26), Marco Sartori […]

leggi tutto...
Privacy Policy Cookie Policy