24/08/2021

Cronaca

Dramma a Torino: crolla una palazzina di due piani. Salvati in quattro. Morto un bimbo di pochi anni

CONDIVIDI

Una violenta esplosione ha sventrato una palazzina di due piani in strada Bramafame a Torino: quattro persone sono state estratte vive dalle macerie mentre un bimbo di quattro anni è morto. La tragedia ha avuto luogo intorno alle 9,00 di quest mattina, martedì 24 agosto. L’edificio che è crollato su sé stesso come di vede dalle immagini pubblicate su Twitter dai Vigili del fuoco) a causa della violenza dell’esplosione, era costituito da sei appartamenti, dei quali cinque erano abitati, si trova nei pressi dell’Allianz Stadium.

L’allarme è scattato alle 8,50 di questa mattina. Sul posto sono immediatamente intervenuti i Vigili del fuoco dopo la segnalazione pervenuta del crollo parziale di una palazzina dovuta a un’esplosione. Le operazioni relative allo sgombero delle macerie per consentire il recupero delle persone rimaste sepolte si è rivelata più complicata del previsto. Una donna di 34 anni è stata estratta ancora in vita, anche se ferita.  Un giovane di 22 anni, che ha riportato ustioni del 50% su tutto il corpo è stato estratto in vita ma versa in ospedale in gravissime condizioni di salute. Complessivamente sono quattro le persone salvate dai soccorritori. All’appello mancava Aron, un bimbo di 4 anni, figlio della donna di 34 anni estratta per prima dal cumulo di macerie.

Le serrate ricerche effettuate dalle squadre Usar (Urban Search and Rescue) e dei cinofili si sono concluse nel peggiore e drammatico dei modi: il piccolo è stato rinvenuto senza vita. I disperati tentativi di rianimarlo di sono rivelati vani. Per agevolare le operazioni di soccorso i Vigili del fuoco hanno allestito un centro operativo per coordinare gli interventi ed evitare inutili sovrapposizioni. A metà mattinata sul luogo esplosione è giunta anche Chiara Appendino, sindaca di Torino e una psicologa per sostenere e confortare i famigliari delle persone coinvolte.

Il Nucleo Nbcr dei Vigili del fuoco ha controllato se si fossero verificate fughe di gas. Da una prima ricostruzione pare che la palazzina sia stata sventrata da esplosione. Dal canto suo l’Italgas ha reso noto che l’edificio non era servito dalla rete di distribuzione cittadina del gas e che il tratto di rete più vicina si trova a circa 150 metri di distanza dall’immobile. Si continua a indagare per chiarire in ogni suo aspetto la causa che avrebbe innescato la tragica esplosione.

01/12/2022 

Cronaca

Ozegna: ladri notturni scassinano la cassetta delle offerte del Santuario e fuggono con il bottino

Un atto di malvivenza ordinaria o un gesto dettato dalla povertà? Comunque sia sta di fatto […]

leggi tutto...

01/12/2022 

Cronaca

A Chivasso un impianto per produrre idrogeno. Al lavoro Comune e Confindustria Canavese

La realizzazione di un impianto per la produzione di idrogeno sul territorio chivassese: è questo il […]

leggi tutto...

01/12/2022 

Cronaca

Il “Modello Trento” piace al Piemonte: in arrivo oltre 200 mila euro per i “Comuni amici di famiglia”

Il Piemonte diventa sempre di più a misura di famiglia: la Giunta regionale ha approvato una […]

leggi tutto...

01/12/2022 

Cronaca

Ciriè-Nole: latitante fugge dai “domiciliari”, investe un cane e sperona un’auto dei carabinieri

È stato arrestato dai carabinieri della Compagnia di Venaria Reale dopo un inseguimento a sirene spiegate […]

leggi tutto...

01/12/2022 

Cronaca

Vigili del fuoco: la Regione stanzia 400 mila euro per l’acquisto di mezzi, divise e attrezzature

Le 78 sedi piemontesi di Distaccamento dei Vigili del Fuoco volontari riceveranno dalla Regione 400.000 euro complessivi, equamente distribuiti, da […]

leggi tutto...

01/12/2022 

Cronaca

Previsioni del tempo: nuvole e neve sull’arco alpino. In serata piogge sparse in pianura

Queste le previsioni del tempo per domani, venerdì 2 dicembre, elaborate dal centrometeoitaliano.it: AL NORD Al […]

leggi tutto...
Privacy PolicyCookie Policy