Coronavirus: a breve sarà operativa la Radiologia domiciliare grazie alle donazioni dei canavesani

18/04/2020

CONDIVIDI

Il direttore generale Lorenzo Ardissone: "Oggi, in questa fase di emergenza sanitaria, il Servizio è dedicato alle persone ospiti nelle RSA e nelle comunità territoriali affette da covid-19 o con sospetto di essere tali. Ma sarà comunque utilissimo anche in futuro, a domicilio e nelle strutture residenziali, considerata l’età media della nostra popolazione e la presenza di un territorio molto ampio"

“Tra una decina di giorni prenderà avvio il Servizio di Radiologia Domiciliare, realizzato grazie alla solidarietà e alla generosità del territorio, che ci sta vicino e ci sostiene con numerose donazioni e che ringrazio di cuore” commenta con evidente soddisfazione il direttore generale dell’Asl T04, Lorenzo Ardissone che aggiunge: “Oggi, in questa fase di emergenza sanitaria, il Servizio è dedicato alle persone ospiti nelle RSA e nelle comunità territoriali affette da covid-19 o con sospetto di essere tali. Ma sarà comunque utilissimo anche in futuro, a domicilio e nelle strutture residenziali, considerata l’età media della nostra popolazione e la presenza di un territorio molto ampio e difficile dal punto di vista geomorfologico. Questo investimento, come tutti gli altri che abbiamo effettuato con le donazioni per Covid dei nostri cittadini, è finalizzato anche a lungo termine”.
Proprio con le donazioni della comunità è stato possibile acquistare, con una spesa complessiva di circa 44 mila euro, un’apparecchiatura di radiografia portatile in grado di essere trasportata con facilità su un furgone aziendale dedicato.

Spiega il Responsabile dell’Ingegneria Clinica, Pierangelo Masoero: “La possibilità di vedere subito le immagini acquisite sullo schermo del PC consente ai tecnici di radiologia di effettuare un’immediata valutazione della loro qualità e di comunicare tempestivamente al medico radiologo le eventuali alterazioni della normale anatomia radiologica. Inoltre, in tempo reale le radiografie sono trasmesse al sistema digitale di archiviazione di immagini dell’Azienda, consentendo allo stesso medico radiologo di effettuare la refertazione”.

I vantaggi sono precisati dalla Coordinatrice aziendale del progetto, la dottoressa Francesca Bisanti, Direttore della Radiologia di Chivasso: “In questa fase la radiologia domiciliare rappresenta un servizio complementare, che si aggiunge alla valutazione clinica e alla diagnosi per covid-19 effettuata con il tampone rino-faringeo. Questo rappresenta un vantaggio per le persone assistite, soprattutto per i pazienti delle strutture che presentano fragilità e quindi mal sopportano attese e spostamenti faticosi. Inoltre, tale Servizio può contribuire a decongestionare l’accesso ai pronto soccorso e alle radiologie ospedaliere, ancor più nell’attuale periodo di pandemia”.

Ecco la procedura operativa: il medico della struttura residenziale formula richiesta (via e-mail) di prestazione radiologica a domicilio per gli ospiti affetti da covid-19 o con sospetto di essere tali. La Segreteria aziendale del Servizio di Radiologia Domiciliare, che ha sede presso la Radiologia di Chivasso, riceve le richieste e le sottopone al medico radiologo per la valutazione dell’appropriatezza dell’esame e, in caso positivo, le inserisce nel sistema di pianificazione dell’attività.

L’esecuzione della prestazione a domicilio, che avviene entro 1-3 giorni dalla richiesta, è affidata a due tecnici di radiologia medica dotati di tutti i dispositivi di protezione individuali necessari. Contestualmente all’effettuazione dell’esame, il medico radiologo, avvisato tramite telefonata, prosegue con la refertazione. Il referto è immediatamente inviato alla struttura richiedente tramite e-mail. E’ importante sottolineare che la richiesta dell’esame e l’invio del referto sono effettuati tramite indirizzi e-mail con estensione @aslto4.piemonte.it, rilasciati dall’Asl a ogni struttura residenziale convenzionata presente sul territorio per garantire la riservatezza dei dati.

Sia per il mezzo di trasporto sia per l’apparecchiatura sono previste le necessarie procedure di sanificazione.

Leggi anche

23/09/2020

Carema: la Festa dell’Uva al tempo del Covid. Il 26 in un solo giorno una miriade di appuntamenti

Un solo giorno, sabato 26 settembre, per la sessantottesima edizione della Festa dell’Uva e del Vino di Carema, ma […]

leggi tutto...

23/09/2020

Bairo: l’associazione canavesana “DiscoVintage” presenta sabato 26 il “Dj Set Experience Rock”

Proseguono le attività di “DiscoVintage”, l’associazione culturale/musicale costituita da Dj e Speaker che hanno scritto pagine […]

leggi tutto...

23/09/2020

Baseball: Edoardo Zingarelli convocato in Nazionale. Gran festa al “Redclay” di Castellamonte

Baseball: Edoardo Zingarelli convocato in Nazionale. Gran festa al “Redclay” di Castellamonte. Festa grande tra i […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy