18/05/2021

Cronaca

Comitato per la Variante ex 460: “Opera indifferibile. Chiediamo tempi certi sugli interventi”

CONDIVIDI

La Regione Piemonte e la Città Metropolitana di Torino stanno muovendo i primi passi per la realizzazione della variante alla strada provinciale 460 del Gran Paradiso. La Coldiretti non è del tutto favorevole alla costruzione di questa infrastruttura stradale che è invece di capitale importanza per il distretto manufatturiero dell’Alto Canavese. La Regione Piemonte ha stanziato 200mila euro per la progettazione della nuova direttrice stradale. Un progetto che prenderà l’avvio dopo all’audizione nelle sedi istituzionali della Coldiretti (che rappresenta gli agricoltori) e quella del Comitato per la Variante ex 460. Quest’ultimo, in una nota (che riportiamo integralmente), illustra le ragioni per le quale l’opera è considerata di vitale importanza dagli imprenditori locali e da alcuni sindaci dei comuni interessati dal passaggio della Variante.

“Consapevoli della cautela che i progetti territoriali pubblici necessitano in termini di concretezza, il comitato per la Variante ex 460 nato dall’adesione delle aziende manifatturiere locali, apprende e supporta con piacere la rinnovata iniziativa regionale verso la viabilità alto canavesana. Mercoledì mattina avremo udienza con la II’ commissione regionale ai trasporti dove illustreremo ai rappresentanti regionali le ragioni che animano il comitato. La tratta provinciale che serve l’area industriale in essere attraversa il centro del paese in più di dieci comuni. Il traffico automobilistico e pesante non si è mai risolto e risulta tuttora inadeguato alle esigenze pratiche della contemporaneità. Il distretto industriale metallurgico canavesano, nonostante tutto, in questi anni si è evoluto tecnologicamente affrontando e superando tutte le crisi economiche ed occupazionali che si sono succedute mantenendo una presenza significativa nel contesto industriale europeo ed internazionale. tuttavia, nulla è stato fatto da 40 anni dalle istituzioni verso l’ammodernamento infrastrutturale necessario.

Oggi il tema della viabilità è quantomai tedioso, a tratti insostenibile. Risulta un vero punto critico per lo sviluppo logistico necessario alla moderna economia. Il comitato chiede, per quanto di competenza della regione, della città metropolitana e Anas, quali saranno le attività che si succederanno con un cronoprogramma realizzativo concreto. Chiediamo che la regione Piemonte prenda atto dell’assenza di progettualità e supporto ad uno dei distretti manufatturieri più importanti d’Europa. Mai prima d’ora le imprese del territorio, le amministrazioni, le parti sociali, le associazioni e la società civile si sono uniti in modo così coeso e determinato verso il fabbisogno infrastrutturale indispensabile alla propria sopravvivenza. La passata miopia della regione Piemonte verso l’Alto Canavese deve trasformarsi in una nuova e rinnova attenzione verso un polo già capace di generare più di 1 miliardo di euro di pil nazionale.

Gran parte delle aziende esporta più del 50% della produzione contribuendo attivamente alla bilancia dei pagamenti. La miopia del passato deve cessare, è necessario iniziare un nuovo corso di politica industriale regionale adeguata alla concorrenza internazionale. Le aziende del territorio sono costrette a competere con altri distretti europei concorrenti, tradizionalmente sostenuti dalle proprie amministrazioni attente e vicine al bisogno delle aziende e quindi all’occupazione e al lavoro. Crediamo sia il momento di mostrare la concretezza necessaria a sostenere la competitività del patrimonio metallurgico manifatturiero canavesano. Così come le aziende lavorano alacremente per essere tecnologicamente all’avanguardia, altresì la Regione deve impegnarsi a supportarle con le infrastrutture necessarie”.

30/09/2022 

Economia

Bollette, aumento record dal 1° ottobre: l’intervento straordinario dell’Arera evita il raddoppio

Con un intervento straordinario, ritenuto necessario per le condizioni di eccezionale gravità della situazione, l’Arera limita […]

leggi tutto...

29/09/2022 

Cronaca

Usseglio-Lemie: 84enne di San Maurizio Canavese precipita in un dirupo e muore

Aveva 84 anni l’escursionista di San Maurizio Canavese che ha perso la vita dopo essere precipitato […]

leggi tutto...

29/09/2022 

Sport

Karate: la Città metropolitana premia i protagonisti nei Campionati Europei

Mercoledì 5 ottobre alle 18,30 nella sala conferenze al XV piano della sede di corso Inghilterra 7 della […]

leggi tutto...

29/09/2022 

Cronaca

Castellamonte: il gas naturale arriva anche nelle frazioni Campo, Muriaglio e Preparetto

A partire da ieri, mercoledì 28 settembre, le frazioni di Campo e Muriaglio di Castellamonte potranno […]

leggi tutto...

29/09/2022 

Cronaca

Pietro Grasso presenta ai ragazzi di Salassa il suo libro dedicato a Giovanni Falcone

Un doppio appuntamento a Salassa per presentare il libro “Il mio amico Giovanni”, scritto dall’ex Presidente […]

leggi tutto...

29/09/2022 

Economia

La “Green Community” diventa realtà: per la Lega un’ottima notizia per tutta la “Squadra Canavese”

“Sinergie in Canavese”, con capofila l’Unione Montana Valli Orco e Soana, è da oggi una delle […]

leggi tutto...
Privacy Policy Cookie Policy