22/04/2021

Cronaca

Chivasso: minacce di morte sui social al sindaco che è contrario agli “Aperitivi disobbedienti”

CONDIVIDI

Prima gli insulti poi le minacce. Anche quelle di morte. Indirizzate via social al sindaco di Chivasso Claudio Castello che aveva nei giorni scorsi richiesto l’intervento della Prefetto di Torino per mettere fine agli “Aperitivi disobbedienti” che da tempo hanno luogo nel bar “La Torteria” di via Orti a Chivasso. Il locale è diventato il punto di riferimento per i negazionisti di tutta la provincia di Torino. Soltanto lo scorso sabato un centinaio di persone avevano inscenato una manifestazione di protesta contro le norme anti-contagio attualmente in vigore. E tutti non hanno rispettato il distanziamento sociale e non indossavano neppure le mascherine. Gli agenti della polizia locale di Chivasso stanno indagando su alcuni dei messaggi postati tra i commenti Facebook.

“Il sindaco arriverà a trovare le pallottole se pensa di costringere il popolo a calpestare la costituzione – è stato scritto in un post – di Hitler e Mussolini sotto terra ce ne sono e ce ne saranno sempre”. Il messaggio è stato inviato da un profilo falso ma la polizia postale ha individuato l’autore del post.

Continua, dunque, la saga de “La Torteria” di Chivasso e con un capitolo non certo edificante e per certi versi anche preoccupante: le forze dell’ordine hanno finora notificato oltre 150 multe a Rosanna Spatari, titolare del locale e ai clienti. Multe comminate per non aver rispettato le norme che regolano il servizio di asporto e gli orari di chiusura.

“Non sono qui per pronunciarmi su quello che personalmente penso, ma è arrivato il momento di porre fine a questa situazione che va contro la legge e mette a rischio la salute dei cittadini – aveva scritto il sindaco in un post – mi sono messo in contatto con il Prefetto. In questa settimana ho avuto modo di parlare con i suoi collaboratori per sollecitare un intervento in proposito. Non ho nascosto la mia grande preoccupazione, anche perché sono quotidianamente sollecitato dai cittadini che mi chiedono di far finire questa continua sfida allo Stato ed alle regole di contenimento del contagio. Finora, nonostante il nostro continuo impegno e le innumerevoli sanzioni applicate, non è successo nulla. Ho chiesto cortesemente di intervenire in nome di tutti coloro che rispettano le regole e sono consci del grave momento che stiamo vivendo”.

24/07/2021 

Sanità

Covid in Piemonte: oggi 161 nuovi contagi. Tre i ricoverati in Rianimazione. Nessun decesso in ospedale

LA SITUAZIONE DEI CONTAGI IN PIEMONTE Alle 16,30 di oggi, sabato 24 luglio, l’Unità di Crisi […]

leggi tutto...

24/07/2021 

Cronaca

Nubifragio a Rivarolo: allagato il sottopasso di via Martiri delle Foibe. Albero sradicato in via Reyneri

Un violentissimo temporale ha spazzato il territorio di Rivarolo Canavese provocando allagamenti, in special modo nel […]

leggi tutto...

24/07/2021 

Ivrea: lo sportello di pubblica tutela funziona ma rischia la chiusura. No della Città metropolitana

L’Ufficio decentrato di pubblica tutela a Ivrea è stato inaugurato a giugno dello scorso anno e […]

leggi tutto...

24/07/2021 

Sanità

Covid in Canavese: da lunedì 26 luglio vaccini senza preadesione per i ragazzi tra i 12 e i 19 anni

Da lunedì 26 luglio accesso diretto agli hub per i 12-19enni. Le ragazze ed i ragazzi […]

leggi tutto...

24/07/2021 

Cronaca

Leinì: volevano mettere in piedi una “baby gang” dedita a furti e rapine. Nei guai quattro ragazzi

L’intenzione era quella di dare vita a una “baby-gang” sul modello di quelle che ormai spopolano […]

leggi tutto...

23/07/2021 

Cronaca

Chivasso: educatrice positiva al Covid. Chiuso il centro estivo alla scuola Mazzucchelli

Da oggi, venerdì 23 luglio e fino a lunedì 26 luglio, il centro estivo della scuola […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy