12/10/2022

Cronaca

Carcere di Ivrea: detenuto appicca il fuoco e un altro colpisce il compagno di cella e un agente di polizia

CONDIVIDI

È una situazione estremamente difficile quella si sta vivendo all’interno o del carcere di Ivrea: nell’arco di poco meno di due settimane si sono verificati due episodi di violenza attuati da alcuni detenuti. Episodi che sono stati denunciati e messi in evidenza dall’Osapp, l’Organizzazione Sindacale Autonoma Polizia Penitenziaria.

Il primo episodio risale al 2 ottobre: intorno alle 22,00, un detenuto di nazionalità sudamericana ha dato fuoco, per cause in via di accertamento alle suppellettili che si trovavano nella sua cella. Il tempestivo intervento degli agenti della Polizia Penitenziaria ha evitato che l’incendio potesse estendersi a tutto il braccio del carcere. Il detenuto che appiccato le fiamme è stato trovato svenuto a terra ed è stato immediatamente soccorso. Gli agenti intervenuti hanno rimediato una prognosi di tre giorni. Salvo il detenuto. 

E ancora: venerdì 7 ottobre un detenuto di nazionalità africana ha aggredito, senza una particolare motivazione il compagno di cella con un cavo dell’antenna televisiva. Anche in questo caso l’intervento degli agenti è stato tempestivo, ma non ha impedito che uno di questi fosse colpito dall’uomo con lo stesso cavo alla schiena e al volto. Il poliziotto ha riportato ematomi sul corpo e una ferita lacero-contusa alla testa. Medicato al pronto soccorso dell’ospedale di Ivrea, l’agente è stato dimesso con una prognosi di sette giorni.  

Sui due episodi di violenza interviene il segretario Generale dell’Osapp Leo Beneduci: “Questa situazione si ripete puntualmente quasi tutti i giorni e il personale è abbandonato a sé stesso nel silenzio più totale dei vertici locali, regionali e del DAP che sono silenti e che continuano a non allontanare i detenuti violenti né ad emanare le necessarie disposizioni per gestire tali eventi critici. Chiediamo a gran voce aiuto a tutte le autorità ognuno per la parte di propria competenza affinché si ponga fine a questa incresciosa situazione. La politica faccia altrettanto considerato l’escalation delle aggressioni a livello nazionale considerandole quale emergenza nazionale”. 

03/12/2022 

Cronaca

Chivasso: allo studio del Comune un piano anti-neve per scongiurare possibili emergenze

In vista della stagione invernale, al Comune di Chivasso si è tenuta una riunione di programmazione […]

leggi tutto...

02/12/2022 

Economia

Rivarolo: il negozio “Adelina Intim Chic” chiude dopo 50 anni. Addio agli anni “ruggenti”

Lo scorso venerdì l’esercizio commerciale “Adelina Intim Chic” di Rivarolo ha definitivamente abbassato le serrande, ponendo […]

leggi tutto...

02/12/2022 

Eventi

Settimo Vittone: scialli e scaldagambe con “La Gomitolosa” agli anziani della casa di riposo

Un pomeriggio all’insegna delle tradizioni, tanto care ai nostalgici e ai curiosi di riscoprire un passato […]

leggi tutto...

02/12/2022 

Cronaca

La variante Lombardore-Front si farà: a fine gennaio 2023 nuovo confronto con i sindaci canavesani

La variante Lombardore-Front si farà. I fondi per la realizzazione del primo Lotto ci sono, come […]

leggi tutto...

02/12/2022 

Cronaca

A Chivasso potenziata la connessione: anche Palazzo Einaudi collegato alla rete wifi pubblica

Nuova installazione di reti wi-fi pubbliche e gratuite nella Città di Chivasso. Tre nuovi hotspot nel […]

leggi tutto...

02/12/2022 

Cronaca

A Castellamonte, Cuorgnè e Lanzo in funzione i “Bike Box” per agevolare la mobilità sostenibile

A Castellamonte, Cuorgnè e Lanzo stanno per entrare in funzione tre nuovi Bike Box realizzati nell’ambito […]

leggi tutto...
Privacy Policy Cookie Policy