Volpiano: insulti omofobi contro i giocatori del Settimo in maglia rosa

Volpiano

/

16/03/2016

CONDIVIDI

Uno dei dirigenti che ha invitato i giocatori del Volpiano più scalmanati, ad assumere un comportamento più corretto, è stato oggetto di insulti e sputi

L’omofobia invade anche uno dei pochi luoghi dove se ne sentono di tutti i colori, quando si è trascinati dalla fede e dalla passione, ma dove si rispettano ancora alcune elementari regole della convivenza civile: i campi da calcio. Essere oggetto di insulti razzisti e imofobi soltanto per aver indossato la maglia rosa, è un fatto che va oltre l’immaginabile. Tanto da diventare un caso nazionale. Protagonisti dell’insolita e umiliante disavventura, sono stati i ragazzi della squadra giovanissimi fascia B del Settimo Calcio. E’ successo il 9 marzo scorso nel corso del 22° “Memorial Antonio Goia”, andato in scena sul campo del Volpiano Calcio. Alcuni giocatori della squadra Juniores del Volpiano avrebbero rivolto pesanti insulti e apprezzamenti a carattere omofobo durante la partita che vedeva contrapposti l’Alpignano e il Settimo Juniores.

Il Settimo Calcio ha esternato con vigore tutto il suo stupore e la sua indignazione: certo qualche dirigente aveva messo in conto qualch sfottò, ma mai avebbe immaginato che si potesse arrivare a tanto. In sostanza i ragazzi in maglia rosa, che spesso la indossano quando disputano le partite, sono stati pesantemente apostrofati con frasi palesemente anti-omosessuali. Il clima si è surriscaldato: il dirigente guardialinee del Settimo Carmelo Maimone si è reca presso il gruppo dei giovani più scalmanati invitandoli a seguire un comportamento più corretto ed educato: un invito che non è stato raccolto. Anzi, il dirigente ha rimediato per tutta risposta insulti, minacce e sputi.

Il caso Sarri-Mancini ha fatto pessima scuola. E che i campioni diano questi esempi, dando adito a pensare che l’insulto e l’ingiuria possano essere component leciti in uno dei simboli d’eccellenza dello sport, non è soltanto deprecabile e da sanzionare, ma è un comportamento da condannare con fermezza. E se la dirigenza del Volpiano non si è ancora espresso su questo tema, al termine della partita uno dei giocatori del Volpiano si è scusato a nome proptio e a quello della società. Un comportamento che è stato apprezzato dai dirigenti del Settimo Calcio, Si attende adesso una presa di posizione ufficile del società volpianese: di certo si sa che il presidente e il suo staff stanno conducendo accurate verifiche per identificare gli autori dell’inaccettabile comportamento.

Leggi anche

Rivarolo Canavese

/

15/12/2018

Rivarolo, autovelox nascosto in frazione Mastri ma solo per studiare gli automobilisti

La prevenzione passa attraverso la compresione del livello di civiltà e di ripsetto della legge dimostrata […]

leggi tutto...

Cuorgnè

/

15/12/2018

Centinaia di pacchi dono confezionati dai soci del Rotary Cuorgnè e Canavese in nome della solidarietà

Anche quest’anno i soci del Rotary Club di Cuorgnè e Canavese e del Rotaract hanno dato […]

leggi tutto...

Chivasso

/

15/12/2018

Chivasso, mamma contro le maestre della materna: “Preferivo mio figlio pisciato che vestito di rosa”

Una baraonda. E tutto perche le maestre hanno fatto indossare a causa dell’esarimento dei pannolini a […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy