Volpiano: fumata nera per la Comital. La proprietà francese conferma chiusura e licenziamenti

Volpiano

/

06/09/2017

CONDIVIDI

Dopo la manifestazione di interesse per una possibile acquisizione da parte dei cinesi e di un gruppo italiano, la Regione pensa a favorire in tempi brevi l'acquisizione dell'attività produttiva

Da qualsiasi angolazione la si guardi, la vicenda della Comital presenta un dato di fatto incontrovertibile: la proprietà francese non ha intenzione di compiere passi indietro, come aveva invece chiesto l’assessore regionale al Lavoro Gianna Pentenero. Rimane in piedi la comunicazione di cessazione dell’attività produttiva e del licenziamento collettivo dei 138 dipendenti dello stabilimento di Volpiano.

L’incontro che si è svolto martedì 5 settembre all’Amma di Torino e quello che ha avuto luogo oggi, mercoledì 6 settembre negli uffici dell’assessorato regionale al lavoro al quale hanno preso parte la dirigenza della società, i sindacati e le istituzioni locali e regionali, hanno evidenziato come la scelta compiuta dalla società francese Lamalù sia definitiva. E meno male che all’orizzonte sono spuntati i cinesi e un gruppo italiano che hanno manifestato l’interesse ad una (ancora) ipotetica acquisizione dell’attività produttiva e il reintegro dei lavoratori.

Ma questo potrebbe accadere in un futuro che deve ancora essere definito: il sindaco di Volpiano Emanuele De Zuanne ha ribadito con forza ancora una volta come la decisione assunta dall’azienda sia sbagliata e come sia necessario, in questo momento di forte tensione sociale, preservare l’occupazione territoriale già duramente provata dalla crisi recessiva.

L’assessore Gianna Pentenero, dal canto suo, non si fa più illusioni: in un primo tempo aveva fiduciosamente pensato che si sarebbe potuto instaurare un dialogo con la proprietà per giungere a una soluzione condivisa che salvasse capra e cavoli, ma di fronte all’atteggiamento irremovibile della proprietà d’Oltralpe (che ha più volte stigmatizzato) deve forzatamente valutare insieme ai colleghi di giunta e al presidente della Regione Piemonte Sergio Chiamparino la possibilità (del resto già ipotizzata), di un intervento diretto della Regione. Lo scopo? Per evitare i licenziamenti anche favorendo l’eventuale acquisizione da parte di un altro gruppo industriale.

La situazione è evidentemente ancora molto scorrevole e della vicenda Comital si continuerà a parlare anche nei prossimo futuro e si spera in termini positivi.

Dov'è successo?

Leggi anche

11/12/2018

Economia in Canavese: la “Finanziaria” concede ai comuni una maggiore flessibilità nelle spese

Una buona notizia soprattutto per i Piccoli Comuni, che va a sommarsi allo sblocco degli investimenti […]

leggi tutto...

Volpiano

/

11/12/2018

Sì del Ministero del Lavoro alla cassa integrazione per i 127 ex dipendenti della Comital-Lamalù

Nell’incontro che si è svolto oggi, martedì 11 dicembre a Roma, il ministero dello Sviluppo Economico […]

leggi tutto...

Ivrea

/

11/12/2018

Sanità: l’Asl T04 investe 640mila euro per installare una nuova Tac nel reparto Radiologia di Ivrea

E’ in fase di installazione la nuova Tac della Radiologia dell’Ospedale di Ivrea, diretta dalla dottoressa […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy