Volpiano: fumata nera per la Comital. La proprietà francese conferma chiusura e licenziamenti

Volpiano

/

06/09/2017

CONDIVIDI

Dopo la manifestazione di interesse per una possibile acquisizione da parte dei cinesi e di un gruppo italiano, la Regione pensa a favorire in tempi brevi l'acquisizione dell'attività produttiva

Da qualsiasi angolazione la si guardi, la vicenda della Comital presenta un dato di fatto incontrovertibile: la proprietà francese non ha intenzione di compiere passi indietro, come aveva invece chiesto l’assessore regionale al Lavoro Gianna Pentenero. Rimane in piedi la comunicazione di cessazione dell’attività produttiva e del licenziamento collettivo dei 138 dipendenti dello stabilimento di Volpiano.

L’incontro che si è svolto martedì 5 settembre all’Amma di Torino e quello che ha avuto luogo oggi, mercoledì 6 settembre negli uffici dell’assessorato regionale al lavoro al quale hanno preso parte la dirigenza della società, i sindacati e le istituzioni locali e regionali, hanno evidenziato come la scelta compiuta dalla società francese Lamalù sia definitiva. E meno male che all’orizzonte sono spuntati i cinesi e un gruppo italiano che hanno manifestato l’interesse ad una (ancora) ipotetica acquisizione dell’attività produttiva e il reintegro dei lavoratori.

Ma questo potrebbe accadere in un futuro che deve ancora essere definito: il sindaco di Volpiano Emanuele De Zuanne ha ribadito con forza ancora una volta come la decisione assunta dall’azienda sia sbagliata e come sia necessario, in questo momento di forte tensione sociale, preservare l’occupazione territoriale già duramente provata dalla crisi recessiva.

L’assessore Gianna Pentenero, dal canto suo, non si fa più illusioni: in un primo tempo aveva fiduciosamente pensato che si sarebbe potuto instaurare un dialogo con la proprietà per giungere a una soluzione condivisa che salvasse capra e cavoli, ma di fronte all’atteggiamento irremovibile della proprietà d’Oltralpe (che ha più volte stigmatizzato) deve forzatamente valutare insieme ai colleghi di giunta e al presidente della Regione Piemonte Sergio Chiamparino la possibilità (del resto già ipotizzata), di un intervento diretto della Regione. Lo scopo? Per evitare i licenziamenti anche favorendo l’eventuale acquisizione da parte di un altro gruppo industriale.

La situazione è evidentemente ancora molto scorrevole e della vicenda Comital si continuerà a parlare anche nei prossimo futuro e si spera in termini positivi.

Dov'è successo?

Leggi anche

03/06/2020

Coronavirus: durante l’emergenza pestilenziale boom delle truffe ai danni di indifesi anziani

Nelle ultime settimane, con l’inizio della Fase 2 legata all’emergenza sanitaria Covid-19, è ripreso il fenomeno […]

leggi tutto...

03/06/2020

Coronavirus in Piemonte: drastico calo dei nuovi contagi. Leggero aumento dei decessi in ospedale

L’Unità di Crisi della Regione Piemonte comunica che oggi, mercoledì 3 giugno, i pazienti virologicamente guariti, […]

leggi tutto...

03/06/2020

A Ivrea “l’alba di un nuovo giorno per l’umanità”. L’artista Joey Guidone dona un’opera pittorica all’ospedale

A Ivrea “l’alba di un nuovo giorno per l’umanità”. L’artista Joey Guidone dona un’opera pittorica all’ospedale. […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy