Volpiano, Ferragosto davanti ai cancelli dell’azienda per i 138 dipendenti della Comital

Volpiano

/

14/08/2017

CONDIVIDI

Anche se l'azienda ha avviato la procedura di licenziamento collettivo, sindacati e lavoratori presidiano i cancelli per evitare che vengano portati via i macchinari

Avevano promesso che non avrebbero smantellato il presidio istituito davanti ai cancelli dell’azienda dove hanno lavorato per vent’anni neanche il giorno di Ferragosto e hanno mantenuto la parola; i 140 dipendenti della Comital di Volpiano non demordono e rimangono di guardia giorno e notte per evitare che l’azienda faccia portar via gl’impianti necessari per la lavorazione. Dal fronte societario (la proprietà è della francese Aedi) non è ancora giunta nessuna notizia.

Di fatto i 138 dipendenti sarebbero in ferie dalla scorsa settimana ma allo stato attuale delle cose, è facile prevedere, se non interverranno eclatanti novità, che i cancelli rimangano chiusi per sempre o, almeno fino a quando lo stabilimento non sarà rilevato da un possibile acquirente. Anche se l’azienda ha annunciato l’avvio della procedura del licenziamento collettivo, la possibilità c’è. Ancora remota, ma c’è e costituisce l’ultimo appiglio per i lavoratori che non hanno altra fonte di reddito se non quello dello stipendio mensile.

La gente, qui, non si dà pace: l’azienda è sana. Perché chiuderla? continuano a chiedersi senza riuscire, tuttavia, a darsi una risposta.

Eppure è stato tentato di tutto. Si sperava nell’intermediazione tentata dall’assessore regionale al Lavoro Gianna Pentenero, ma la società non si è mossa di un millimetro. Si preannuncia un autunno rovente perché i dipendenti e i sindacati non hanno nessuna intenzione di abbandonare il presidio perché mollare significherebbe far naufragare l’ultima, residua, illusione.

Dov'è successo?

Leggi anche

14/10/2019

I tifosi “granata” del Canavese ricordano la morte, avvenuta 52 anni fa, del campione Gigi Meroni

Non c’è tifoso “granata” che non conservi nel cuore il ricordo di Gigi Meroni che 52 […]

leggi tutto...

14/10/2019

Ivrea in lutto piange la scomparsa di Bianca, la sorella dell’eroico partigiano Gino Pistoni

È morta Bianca Pistoni, sorella del partigiano Gino Pistone. A darne l’annuncio è stato il Gruppo […]

leggi tutto...

14/10/2019

Feletto: è tornata a casa nel pomeriggio la donna che si era allontanata da casa in mattinata

E’ tornata a casa nel tardo pomeriggio di oggi, lunedì 14 ottobre, la pensionata di 72 […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy