Volpiano, i banditi fanno saltare con il gas il bancomat della banca Sella e fuggono con il bottino

Volpiano

/

24/12/2016

CONDIVIDI

Per impadronirsi del denaro i malviventi hanno saturato l'impianto di gas e lo hanno fatto esplodere

La “banda” dei bancomat è tornata in azione, questa volta alla filiale della Banca Sella a Volpiano in via Umberto I, in pieno centro. La gang di malviventi ha colpito nella notte di sabato 24 dicembre intorno alle 4,00: per raggiungere e aprire lo sportello automatico di erogazione delle banconote, i banditi hanno dapprima sfondato la vetrina e, successivamente hanno saturato il vano con il gas e lo hanno fatto esplodere.

Il colpo è andato a segno. Dopo essersi impossessati del denaro contenuto nel bancomat i ladri sono fuggiti a bordo di Volkswagen Golf. Quando i carabinieri sono giunti sul luogo, avvertiti dai residenti svegliati dal fragore dell’esplosione, i malviventi erano già fuggiti senza lasciare alcuna traccia. L’ammontare del bottino è ancora da quantificare ma si parla di alcune decine di migliaia di euro.

Gl’investigatori ipotizzano che si tratti della stessa banda che aveva tentato altri due “colpi”, sempre nella stessa notte: il primo all’1,30 a una stazione di servizio di strada Cebrosa a Settimo Torinese e alle 2,30 all’ufficio postale di San Benigno Canavese. In entrambi i casi i carabinieri sono intervenuti in tempo e i banditi sono fuggiti a mani vuote. Si ritiene che Volkswagen Golf sia stata rubata.

Dov'è successo?

Leggi anche

22/02/2018

Caselle, torna il parcheggio a pagamento. Adesso si potranno usare bancomat e carta di credito

A Caselle, dopo mesi di parcheggio libero e a volte caotico, tornano le strisce blu: dal […]

leggi tutto...

22/02/2018

Salerano: Ottino si dimette da sindaco, il prefetto scioglie il consiglio e commissaria il comune

Lascia l’Italia per raggiungere la famiglia in Portogallo e Salerano, comune di poco più di 500 […]

leggi tutto...

22/02/2018

Borgaro: i vandali danneggiano il monumento del Grande Torino. Ed è polemica

Non c’è limite all’imbecillità e non c’è limite alla mancanza di rispetto per la memoria dei […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy