Volpiano, in carcere per mafia viene assolto e chiede un risarcimento per ingiusta detenzione

Volpiano

/

14/04/2017

CONDIVIDI

La Corte d'Appello ha ribaltato la sentenza di primo grado che lo aveva condannato l'imputato a otto anni di reclusione

Era stato arrestato dai carabinieri nell’ambito della maxi operazione Minotauro condotta contro le cosche della ‘ndrangheta attive in Canavese: Pasquale Barbaro, 66 anni, originario di Platì, era stato condannato nel processo di primo grado a otto anni di carcere. Dopo due anni e mezzo di carcere Pasquale Barbaro è stato assolto dalle accuse che gli erano state ascritte. A sentenza pronunciata Barbaro ha deciso di chiedere allo Stato un risarcimento di 516 mila euro. Secondo l’accusa Pasquale Barbaro sarebbe stati un referente con la “locale” di Volpiano.

Pasquale Barbaro era astato arrestato nel mese di giugno del 2011 insieme ad altre 140 persone ed era rimasto in carcere fino al dicembre 2013. L’uomo, ha spiegato l’avvocato difensore Mauro Ronco ai giudici della Corte d’Appello prima della sentenza di assoluzione, lavorava ad 1984 come operaio idraulico in consorzio attivo nella provincia di Reggio Calabria.

La procura generale si è opposta al riconoscimento dell’ingiusta detenzione.

Dov'è successo?

Leggi anche

22/01/2020

Caselle: Leonardo Divisione Velivoli assume 40 operai. La Fim: “Segnale importante per il lavoro”

Millecento uscite volontarie alle quali fanno da contraltare altrettante assunzioni di personale negli stabilimenti di tutta […]

leggi tutto...

22/01/2020

Venaria: va a prelevare al bancomat, lascia l’auto con il motore acceso e un ladro gliela ruba sotto il naso

Venaria: va a prelevare al bancomat, lascia l’auto con il motore acceso e un ladro gliela […]

leggi tutto...

22/01/2020

Lotta al pellet non a norma: istituita una task force fra Regione, Arpa e carabinieri del Nucleo forestale

Una task force con 10 squadre in campo per passare al setaccio i materiali combustibili in […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy