Volpiano, anziano muore per aver bevuto candeggina. Si indaga per omicidio colposo

Volpiano

/

07/10/2015

CONDIVIDI

L'ipotesi di reato è di omicidio colposo a carico di ignoti. La procura ha disposto l'autopsia sul cadavere

Avrebbe bevuto candeggina al posto dell’acqua e dopo giorni agonia è morto a causa del probabile perforamento dell’esofago causato dall’azione caustica del liquido. Non è stata una dolce morte quella di Emiliano Gaudio, 78 anni, malato di Alzheimer. L’anziano, non autosufficiente, era ospite della struttura “Anni Azzurri” di Volpiano. L’uomo è stato ricoverato all’ospedale di Chivasso dove è poi deceduto nella giornata di sabato scorso. I parenti si sono rivolti a uno studio legale per vedere riconosciuti i loro diritti.

Intanto la procura di Ivrea ha avviato un’indagine a carico d’ignoti per capire se la vicenda presenta risvolti penali. Gl’inquirenti stanno ricostruendo la tempistica dei soccorsi.  Al momento il reato ipotizzato è quello di omicidio colposo. Il pubblico ministero Giuseppe Drammis ha disposto l’autopsia: l’esame dovrebbe fornire le risposte agli interrogativi che si pongono gli investigatori.

Da una prima ricostruzione dei fatti, sembra che il ricovero in ospedale sia avvenuto dopo sei giorni dall’accaduto. Si presume, ma una delle tante ipotesi che venerdì 18 settembre, qualcuno abbia dato da bere per errore la candeggina al posto dell’acqua. L’uomo ha iniziato a vomitare e a star male. Il mattino dopo, su richiesta dei parenti viene chiamata la guardia medica che diagnostica al paziente una micosi da curare con un gel. Nella notte tra il mercoledì e giovedì seguente le condizioni di salute dell’anziano si aggravano. Il vomito non diminuisce a non riesce più a deglutire.

A questo punto viene trasportato al pronto soccorso dell’ospedale chi Chivasso. I medici prendono in considerazione anche l’ipotesi che l’uomo possa avere ingerito sostanze caustiche. Ma ogni tentativo per salvargli la vita si rivela vano. L’ultima parola spetta al medico legale e alla procura eporediese.

Dov'è successo?

Leggi anche

30/05/2020

Coronavirus, il presidente della Regione: “Abbiamo i numeri per riaprire i confini il 3 giugno”

Ospite di Tgcom24 il presidente Alberto Cirio ha affermato che “il Piemonte ha i numeri in […]

leggi tutto...

30/05/2020

Coronavirus in Piemonte: oggi, sabato 30 maggio 7 decessi e 82 contagi. Il Covid-19 rimane tra noi

L’Unità di Crisi della Regione Piemonte comunica che oggi sabato 30 maggio, i pazienti virologicamente guariti, […]

leggi tutto...

30/05/2020

Chivasso, messaggio del sindaco Castello: “Abbiamo riaperto i mercati ma la prudenza è d’obbligo”

Pubblichiamo il messaggio che il sindaco di Chivasso Claudio Castello rivolge ai cittadini dove si fa […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy