Vittorio Bellone tenta il bis e si candida a sindaco alla guida della lista “Vivere Favria”

Favria

/

08/04/2017

CONDIVIDI

“Una delle più gravi colpe dell'attuale amministrazione- spiega Bellone - è quella di operare senza confrontarsi con nessuno. In tanti anni non si è mai aperto un dibattito in Consiglio Comunale. Questo non è un metodo accettabile. Non sarà mai il nostro"

Il dado è tratto e Vittorio Bellone, consigliere comunale di minoranza, è il candidato a sindaco della lista civica “Vivere Favria”: la compagine che si propone di amministrare il paese per i prossimi cinque anni ha ufficializzato nel pomeriggio di sabato 8 aprile la propria discesa in campo. Vittorio Bellone, 42 anni, favriese da sempre, siede in consiglio comunale dal 2001. Appassionato di musica (suona il sax tenore e il contralto) per molti anni ha suonato nella Filarmonica Favriese, Vittorio Bellone, dopo aver prestato servizio al comando compagnia carabinieri di Torino Oltre Dora, si è affermato (per attitudine personale, sottolinea) nel settore delle telecomunicazioni. Gli studi giuridici gli hanno consentito di diventare un esperto in tematiche sociali ed è consulente nella gestione del personale e esperto in tematiche sindacali. Fare amministrazione non è solo una passione per Vittorio Bellone: è un dovere prioritario. Nel 2012 si era candidato come consigliere comunale nella lista “Vivere Favria” ed era risultato il candidato più votato. Vittorio Bellone non ama i personalismi e crede nel valore e nella potenzialità del lavoro di gruppo. “Chi voterà per me voterà per una squadra” ha sostenuto durante la presentazione ufficiale della lista civica e l’ufficializzazione della sua candidatura a sindaco di Favria.

Che l’operato di Vittorio Bellone sia particolarmente apprezzato lo dimostra il fatto che la collega di minoranza Lucia Valente ha ammesso di “Invidiargli la capacità di fare gruppo e di saper valorizzare al meglio tutte le persone con cui lavora”. E non potrebbe essere altrimenti quando ci si propone come una lista non soltanto alternativa all’attuale establishment amministrativo ma come una compagine che pone le sue basi sul rinnovamento: nuova visione, nuova idea, nuovo entusiasmo per rivitalizzare la vita della collettività favriese. Non per nulla è stato precisato che “Vivere Favria” sarà soprattutto una lista civica. “Prima le persone, poi i partiti” spiegano i giovani membri della lista. Anche il nome della lista vuole essere un evidente richiamo alla continuità.

“Cinque anni fa il 49% dei favriesi ha creduto in noi. Non è bastato, ma siamo andati davvero vicini al successo. Quel consenso ci ha fornito la carica per affrontare con la massima determinazione cinque anni di opposizione. Sono stati 5 anni duri – ha ammesso Bellone -, durante i quali abbiamo lavorato molto e abbiamo raccolto molta esperienza. Stare all’opposizione non consente di prendere decisioni ma è utile a capire come funziona un Comune e a interessarsi di tutte le cose che accadono. Esattamente l’opposto di ciò che è accaduto in questi cinque anni tra le file di chi amministra. Gli assessori agiscono ognuno nell’ambito esclusivo delle proprie competenze”.

Che le idee siano più che chiare lo dimostrano le dichiarazioni critiche relative al metodo con il quale la maggioranza di governo guidata dall’inossidabile sindaco Serafino Ferrino ha amministrato il paese: “Una delle più gravi colpe dell’attuale amministrazione è quella di operare senza confrontarsi con nessuno. In tanti anni non si è mai aperto un dibattito in Consiglio Comunale. Non ci sono state prese di posizione, domande di approfondimento, nessun ‘distinguo’, niente. La maggioranza ha lavorato sempre e soltanto per alzata di mano. Con quel gesto hanno approvato ogni volta ciò che uno e solo uno diceva. Questo non è un metodo accettabile. Non sarà mai il nostro. Qualora fossimo eletti, ciascun amministratore di ‘Vivere Favria’ dovrà avere una conoscenza approfondita di tutti i temi sui quali sarà chiamato a deliberare, in modo che sia utile e preparato al dibattito. Il risultato del confronto potrà sempre e soltanto essere positivo”. La competizione elettorale a Favria, da qui al prossimo 11 giugno riserverà, probabilmente, più di una sorpresa.

Dov'è successo?

Leggi anche

14/10/2019

Cicloturismo: i comuni montani del Canavese vincono il bando dalla Città Metropolitana

Viù e Rubiana, Unione montana Comuni olimpici della Via Lattea, Colleretto Giacosa, Borgiallo, Locana; Scalenghe, Chialamberto […]

leggi tutto...

14/10/2019

Karate: trasferta estera in Slovenia per gli atleti Rem Bu Kan che ottengono piazzamenti di rilievo

Domzale in Slovenia 2019: prima trasferta estera della stagione per la Rem Bu Kan, che con […]

leggi tutto...

14/10/2019

Rivarolo: gli scout del Clan Destino contro le mafie. E a fine mese arriverà Giovanni Impastato

Gli scout del gruppo Rivarolo 1 “Clan Destino” hanno presentato, nelle sale dell’oratorio San Giacomo di […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy