Sopralluogo a sorpresa dell’assessore Gabusi sul regionale Torino-Milano. “Contratto da rivedere”

Torino

/

07/07/2019

CONDIVIDI

L'amministratore, al termine del viaggio compiuto sul convoglio per constatare le condizioni nelle quali viaggiano i pendolari ha spiegato che è necessario effettuare investimenti mirati per semplificare e migliorare il servizio ferroviario

È stato volutamente un viaggio senza preavviso quello realizzato nella mattinata di giovedì 4 luglio sulla tratta ferroviaria Torino-Milano dall’assessore ai Trasporti, Infrastrutture e Opere pubbliche della Regione Piemonte, Marco Gabusi, con l’obiettivo, preannunciato, di verificare di persona le condizioni lamentate dai pendolari nei giorni scorsi.
L’assessore è salito su uno dei treni utilizzati per il rientro dei pendolari, il Regionale veloce 2026 che lascia la stazione di Milano Centrale alle 17,18 per arrivare a Torino Porta Nuova alle 19,10. Con lui hanno viaggiato, per una parte della tratta, anche Carlo Riva Vercellotti, presidente della provincia di Vercelli e consigliere regionale da sempre attento alle tematiche dei pendolari, e Alessandro Canelli, sindaco di Novara.

“Ho potuto constatare immediatamente – sottolinea Gabusi – cronici problemi di ritardi, diventati ormai abituali e come tali non tollerabili per i pendolari che hanno orari e turni da rispettare per recarsi al lavoro e coincidenze da prendere per tornare a casa”.

Disguidi di sicurezza e basso livello di comfort sono altrettanto evidenti: “Caldo e freddo non vengono gestiti adeguatamente e le sedute spesso risultano troppo strette. Diverse vetture sono spesso chiuse, provocando il sovraffollamento in quelle aperte, dove l’aria condizionata funziona a singhiozzo. Il sistema di controlli per chi non paga è da rivedere, così come il sistema sanzionatorio per il vettore e di rimborso per i ritardi devono essere semplificati e diventare effettivi”.

Altro punto dolente constatato dall’assessore Gabusi è lo stato del materiale rotabile: “Sostanzialmente l’attuale contratto ponte non consente al gestore di realizzare investimenti. Si rende perciò necessario arrivare velocemente alla definizione di un nuovo contratto di servizio”.

Dal confronto con il Comitato dei pendolari e con gli stessi viaggiatori sono inoltre emerse le direttrici sui cui lavorare e di cui parlerà anche con Trenitalia nell’incontro previsto entro il 20 luglio: chiarire e fissare con certezza i parametri del Contratto di servizio per il futuro fornitore e analizzare i flussi per ottimizzare le linee. “Sia chiaro – conclude l’assessore – che questo non significa ‘tagliare’, quanto piuttosto verificare le economie possibili per destinare investimenti mirati alle linee che realmente servono per i piemontesi che si spostano in treno”.

Leggi anche

17/08/2019

Vestignè: esce dal cortile va in strada e viene travolto da un’auto. Bimbo di 5 anni grave in ospedale

Travolto da una Fiat Punto mentre si trovava sulla strada: un bambino di cinque anni di […]

leggi tutto...

17/08/2019

La vergogna del “Ponte Preti”: dopo tante promesse di interventi tutto è come prima

E’ trascorso un anno da quando il senatore castellamontese Eugenio Bozzello indisse una raccolta di firme […]

leggi tutto...

17/08/2019

Scatta l’allarme al canile di Caluso per sedici cani ammalati di leptospirosi. Due sono deceduti

Tra i 32 cani provenienti da un’azienda agricola della Val di Chy, alcuni erano affetti da […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy