Venaria: torna in azione il Telelaser. Chi supera i limiti rischia salate multe e i punti della patente

29/03/2018

CONDIVIDI

Il sindaco Roberto Falcone nega che l'amministrazione comunale intenda fare "cassa". "Le regole vanno rispettate per garantire l'incolumità di pedoni e automobilisti"

Da ieri, mercoledì 28 marzo, pigiare il piede sull’accelleratore dell’auto sulle strade di Venaria potrebbe costare molto caro in termini di multe salate e di punti della patente decurtati: gli agenti della polizia municipale tornano ad usare il Telelaser lo strumento che misura, anche a distanza, la velociatà dei veicoli. Il Telelaser pottà essere utilizzato soltanto in presenza degli agenti che lo posizioneranno sulle strade comunali ogni giorni in luoghi differenti e in diversi orari. Nella giornata di ieri, mercoledì 28, è stato utilizzato in via Barbi Cinti che recentemente è stata teatro di un incidente stradale causato dalla forte velocità. La decisione assunta dal sindaco Roberto Falcone ha scatenato, ovviamente, le proteste di tanti cittadini.

Il sindaco nega recisamente che l’intenzione sia quella di fare cassa in modo facile ma di far rispettare le regole. Per gli automobilisti che si lamentano ce ne sono altrettanti che da tempo invocano l’adozione di drastiche misure per garantire l’incolumità anche dei bambini e degli anziani. Roberto Falcone non ha dubbi: basta rispettare i limiti di velocità e le norme del codice della strada per viaggiare serenamente e senza paura di incorrere in salate multe. “Non siamo in circuiti di Formula 1, dove è consentito sfrecciare. Qui siamo in una città, dove si devono rispettare i 50 o i 30 chilometri orari. Chi non rispetta queste regole basilari, è giusto venga multato”.

E’ utile sottolineare che multe variano dai 169 euro fino a 40 chilometri orari ai 532 euro più la sospensione della patente da 1 a 3 mesi per chi supera il limite tra i 40 e i 60 chilomteri orari fino agli 829 euro e sospensione da 6 fino a 12 mesi della patente per chi supera il limite di 60 chilometri. Da non dimenticare che alle elevate sanzioni si deve aggiungere la conseguente decurtazione dei punti della patente.

 

Dov'è successo?

Leggi anche

Caselle

/

21/09/2018

Caselle, il raccordo non è considerato autostrada. Lo Stato non paga l’indennità agli agenti di polizia

Un’altra brutta storia all’italiana, l’ennesima: il raccordo R10 Torino-Caselle non è considerato un’autostrada e quindi gli […]

leggi tutto...

Cuorgnè

/

21/09/2018

Canavese: anche nei cinema di Cuorgnè, Ivrea e Chivasso il festival del cinema “Movie Tellers”

Parte “Movie Tellers-Narrazioni cinematografiche”, il festival itinerante del cinema promosso dall’omonima associazione che toccherà 26 cittadine […]

leggi tutto...

Torino

/

21/09/2018

Buoni pasto: la Regione Piemonte al tavolo convocato a Roma sul fallimento di “Qui! Group”

L’assessorato al Lavoro della Regione Piemonte ha partecipato ieri al tavolo convocato al ministero dello sviluppo […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy